XIX Per annum: Amministratori fidati

di:

In questa XIX domenica del Tempo Ordinario Gesù racconta delle brevi parabole per aiutarci a comprendere la nostra missione nel mondo e la responsabilità che ci affida: Lc 12,32-48.

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Non temere, piccolo gregge, perché al Padre vostro è piaciuto dare a voi il Regno.

Vendete ciò che possedete e datelo in elemosina; fatevi borse che non invecchiano, un tesoro sicuro nei cieli, dove ladro non arriva e tarlo non consuma. Perché, dov’è il vostro tesoro, là sarà anche il vostro cuore.

Siate pronti, con le vesti strette ai fianchi e le lampade accese; siate simili a quelli che aspettano il loro padrone quando torna dalle nozze, in modo che, quando arriva e bussa, gli aprano subito.
Beati quei servi che il padrone al suo ritorno troverà ancora svegli; in verità io vi dico, si stringerà le vesti ai fianchi, li farà mettere a tavola e passerà a servirli. E se, giungendo nel mezzo della notte o prima dell’alba, li troverà così, beati loro!

Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora viene il ladro, non si lascerebbe scassinare la casa. Anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo».

Allora Pietro disse: «Signore, questa parabola la dici per noi o anche per tutti?».

Il Signore rispose: «Chi è dunque l’amministratore fidato e prudente, che il padrone metterà a capo della sua servitù per dare la razione di cibo a tempo debito? Beato quel servo che il padrone, arrivando, troverà ad agire così. Davvero io vi dico che lo metterà a capo di tutti i suoi averi.

Ma se quel servo dicesse in cuor suo: “Il mio padrone tarda a venire”, e cominciasse a percuotere i servi e le serve, a mangiare, a bere e a ubriacarsi, il padrone di quel servo arriverà un giorno in cui non se l’aspetta e a un’ora che non sa, lo punirà severamente e gli infliggerà la sorte che meritano gli infedeli.

Il servo che, conoscendo la volontà del padrone, non avrà disposto o agito secondo la sua volontà, riceverà molte percosse; quello invece che, non conoscendola, avrà fatto cose meritevoli di percosse, ne riceverà poche.

A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più».

Amministratori

Ciascuno è chiamato a scegliere e a mantenere un suo atteggiamento nei confronti della vita, delle persone, dei beni, dell’ambiente. È questo che determina i comportamenti, le parole e le abitudini, fino a dare un’impronta fondamentale alla vita.

Leggendo questo Vangelo, comprendiamo quanto sia importante pensarci nel mondo come degli amministratori, degli “economi” secondo il termine greco originale, chiamati dunque a “gestire una casa” che è nostra proprio perché affidataci da un altro.

Ed è vero, ciascuno di noi è messo a capo di grandi o piccole realtà che molto o in parte dipendono da noi: la famiglia, la comunità, il ruolo nel lavoro, nella Chiesa, nelle associazioni… E ciascuno può scegliere come gestire le sue relazioni, come facilitare o ostacolare il cammino degli altri, quale qualità dare alla razione di cibo – tempo, cose, competenze, attenzioni, gentilezza, idee – da dare a tempo debito alle persone che lo circondano. Se desideriamo dunque stare al mondo come amministratori fidati e prudenti, la Parola di oggi ci indica piste concrete, intelligenti e fruttuose per portare a compimento questa missione.

Pronti

State pronti, perché la vita riserva sempre qualche novità e imprevisto, qualche occasione da cogliere o emergenza da affrontare.

Siate svegli, con le vesti strette ai fianchi, cioè disposti a muovervi e ad agire; con le lampade accese, attenti cioè a cercare il modo giusto e sapiente per farlo.

La vita parla, la vita arriva e bussa, e in essa è il Signore stesso che ci chiama ad aspettarlo e a conoscere la sua volontà.

Siate corretti nei confronti delle persone che vi circondano, in particolare quelle verso cui avete delle responsabilità, senza percuoterli nella dignità a loro dovuta, perché non sono vostro possesso né possono essere sempre come voi li desiderate.

E siate prudenti e sobri verso i beni affidati, che siete chiamati a rispettare, custodire, restituire; non cedete alla tentazione di mangiare, bere e ubriacarvi, consumando quello che sarebbe di altri e mancando di rispetto a chi ve li ha affidati.

Perché il padrone viene, questa è la verità della storia. Possiamo non accorgerci che c’è, e quindi smettere di aspettarlo; possiamo non conoscere la sua volontà, e quindi non prenderla in considerazione nel fare le nostre scelte, eppure torna, spesso nell’ora che non immaginate.

Non è una minaccia, è una promessa. Perché il suo ritorno è l’inizio di un tempo nuovo, quello in cui sarà lui a stringersi le vesti ai fianchi e a passare a servire noi che, da servi, diventeremo eredi del Regno.

Responsabili

Dobbiamo riconoscerlo, ci è stato dato molto, e quindi molto ci sarà chiesto. Questo dovere di rendere conto davanti a Dio dei beni che abbiamo, gestirli come suoi e restituirli al vero padrone, ci mette il brivido della responsabilità ma è anche l’unico modo per farsi un tesoro sicuro nei cieli, dove è il Padre nostro ad attenderci.

Siamo amministratori e non padroni; siamo piccolo gregge chiamato a camminare nella fedeltà, anche tra le sfide e i pericoli del viaggio, dietro alla sua guida. Ma quel Pastore continua a ripetere, ad ogni passo, in ogni piccolo pezzetto di tempo e di compito che ci è affidato, la sua dolce raccomandazione: non temere, e per questo siamo pronti ogni giorno a riprendere il cammino.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi