XXX Per annum: Accorciare le distanze

di:

In questa XXX domenica del Tempo Ordinario Gesù racconta la parabola del fariseo e del pubblicano, chiedendoci di scegliere come stare dinanzi a lui e agli altri: Lc 18,9-14.

In quel tempo, Gesù disse ancora questa parabola per alcuni che avevano l’intima presunzione di essere giusti e disprezzavano gli altri:

«Due uomini salirono al tempio a pregare: uno era fariseo e l’altro pubblicano.

Il fariseo, stando in piedi, pregava così tra sé: “O Dio, ti ringrazio perché non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adùlteri, e neppure come questo pubblicano. Digiuno due volte alla settimana e pago le decime di tutto quello che possiedo”.

Il pubblicano invece, fermatosi a distanza, non osava nemmeno alzare gli occhi al cielo, ma si batteva il petto dicendo: “O Dio, abbi pietà di me peccatore”.

Io vi dico: questi, a differenza dell’altro, tornò a casa sua giustificato, perché chiunque si esalta sarà umiliato, chi invece si umilia sarà esaltato».

Il fariseo e il pubblicano di questa ben nota parabola del Vangelo di Luca compiono la medesima azione, quella di salire al tempio a pregare, ma, nello stesso tempo, incarnano due visioni diverse della vita, del rapporto con Dio, della relazione con gli altri.

Due diverse visioni

Per il fariseo la vita è come una gara: l’importante è accumulare punteggio, segnando e segnalando i propri successi. Sta di fronte a Dio e a sé stesso come un vincitore, fiero dei risultati ottenuti e convinto che gli permetteranno di arrivare al premio. Guarda gli altri con disprezzo, perché, per sentirsi migliori, bisogna avere qualcuno da superare e “questo pubblicano” è un comodo termine di confronto: con il suo stile di vita è rimasto indietro, lontano, ed è giusto far di tutto per mantenere questa distanza.

Dio per lui è il giudice al quale spetta solo ratificare la vittoria conquistata e coronarlo col premio.

Per il pubblicano la vita è come una corsa ad ostacoli, dove succede, e spesso, di inciampare e cadere. Sta di fronte a Dio e a sé stesso sapendo di non essere il primo, di non poter vantare meriti, di sbagliare, di essere distante da chi, più bravo di lui, è già davanti nella corsa. Non guarda gli altri, non osa neppure alzare gli occhi, si affida soltanto a chi può avere pietà di lui, perché sa di essere un peccatore.

Dio per lui è il giudice che può, nonostante tutto, donargli misericordia, e così facendo lo rialza, lo incoraggia, lo stimola a riprendere la corsa, anche se non è il primo, anche se è caduto.

Come tutte le parabole, anche questa ci invita ad entrare in essa per riconoscere che in ciascuno di noi c’è un po’ del fariseo e un po’ del pubblicano.

Ci invita a ridimensionarci, a guarire la nostra smania di essere i primi e i migliori; e ci chiede di avere il coraggio di riconoscere i nostri limiti e di ripartire, accogliendo perdono ed entusiasmo.

Ci invita a comprendere che dinanzi a Dio non servono confronti, perché ciascuno di noi ha una storia unica e irripetibile, e possiamo guardare alla vita dell’altro solo per prendercene cura e fare con lui un pezzo di strada.

La sentenza finale

Ma questa parabola ha anche un finale, perché il giudizio di Dio sui due protagonisti è deciso e inequivocabile. Chi pensava di essere primo, marcando la sua distanza dai “poveri peccatori”, si trova squalificato; chi ha accolto il suo essere ultimo, aprendosi alla misericordia di Dio, si trova giustificato.

È questa prospettiva a suggerirci un programma di vita, il modo giusto di interpretare la vita. Solo chi si umilia dinanzi a Dio, senza l’intima presunzione di essere giusto, avrà il premio sperato; solo chi si ferma per accorciare le distanze dai compagni di viaggio, senza disprezzare gli altri, giungerà alla meta.

Se la vita è davvero una gara, va corsa insieme, attendendosi e rialzandosi a vicenda. Ci sarà data allora la gioia di cogliere su tutti lo sguardo benevolo del giudice divino, che giustifica ed esalta, e con questa novità nel cuore potremo ogni giorno tornare a casa, pronti per ricominciare.

Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

  1. Salfi 23 ottobre 2022
    • srChiara Curzel 27 ottobre 2022

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi