La Porta Santa è quella di casa

di:

Nella solennità di Cristo Re è stata chiusa la Porta Santa in tutte le parrocchie del vicariato apostolico di Arabia del Nord. Il vicario apostolico, il vescovo comboniano Camillo Ballin, si dice molto soddisfatto, perché i cattolici, durante l’anno giubilare della Misericordia, «hanno avuto un sussulto di gioia, si sono sentiti capiti, accettati, perdonati».

Il vicario apostolico ci tiene ad informare che le condizioni di vita e di lavoro sono estremamente difficili nei Paesi del Golfo: frequente il sequestro dei passaporti da parte dello sponsor o del datore del lavoro; incontrollato numero di ore e di straordinari non retribuiti; in molti casi gli operai non ricevono lo stipendio da molti mesi e anche da anni.

La libertà di culto in alcuni Paesi del Golfo viene assicurata entro certi limiti e in altri proibita. L’anno della Misericordia ha profondamente segnato i lavoratori stranieri, che spesso devono affrontare innumerevoli incomprensioni e che per lo più sono soli. Le loro famiglie, infatti, sono rimaste nel Paese di origine e attendono il salario che spesso non viene addirittura dato.

I cristiani hanno meditato sulla parabola dei due figli, nota come la parabola del «figlio prodigo», sulla loro presenza in terra straniera, sul sacramento della riconciliazione. L’accesso alle confessione – rileva il vescovo Ballin – è aumentato di molto in tutte le parrocchie.

Nella cattedrale, in Kwait, è stato il nunzio a chiudere la Porta Santa. Altre celebrazioni si sono tenute nella parrocchia di Nostra Signora di Arabia, santuario molto noto e frequentato, e nella parrocchia di Santa Teresa del Bambino Gesù.

In Qatar una grande mostra ha evidenziato le sette opere di misericordia e più di tre mila persona hanno partecipato alla solenne chiusura.

Anche in Barhain l’afflusso dei fedeli è stato straordinario. «Ma come fare –  si domanda mons. Ballin – là dove non esiste libertà di culto, né chiesa, né cappelle, niente? Quale Porta doveva chiudere quel milione mezzo di cattolici? Ho detto che, per loro, la Porta Santa è quella della casa nella quale pregheranno e celebreranno. Ma quelli che possono riunirsi in qualche casa sono molto pochi, solo alcune centinaia. Per tutti gli altri la Porta Santa è quella della loro casa dove abitano; entrando, entrano nella misericordia di Dio, chiudendola, concludono l’Anno Santo nella loro chiesa domestica».

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi