Abusi: come deve agire il vescovo?

di: Francesco Papamanolis

Carissimi,

in questi giorni soffro moltissimo per le notizie che mi giungono. Condanno la pedofilia in maniera assoluta. Ringrazio il Signore che, in Grecia, non abbiamo casi di queste dimensioni e quindi, come vescovi, non ci siamo mai occupati di questi problemi.

Senza dubbio, il vescovo che avesse tra i suoi presbiteri qualcuno che pratica la pedofilia, deve prendere dei seri provvedimenti, in modo che il sacerdote non ripeta il suo peccato ed eventualmente ripari lo scandalo. Ma non posso accettare che io, come vescovo, abbia il dovere di denunciare il fatto.

Il concilio Vaticano II, che è il mio costante punto di riferimento, dice che il vescovo è, per i suoi sacerdoti, padre, fratello e amico. Quale padre denuncerebbe suo figlio anche se ha commesso il peccato di omicidio? Quando il sacerdote affidato alle mie cure farà esperienza dei miei sentimenti paterni nei suoi confronti? Quando ubbidisce a ciò che gli chiedo? O solamente quando gli faccio i miei complimenti o gli offro qualche regalo?

Il sacerdote scopre ed esperimenta la paternità, la fratellanza e l’amicizia del suo vescovo, quando vede che lo vuole aiutare a superare il suo momento difficile. Se ce ne sarà bisogno, il sacerdote accetterà più facilmente i provvedimenti che il vescovo prenderà nei suoi confronti, anche se gli richiedessero un grande sacrificio.

Quarantaquattro anni di servizio episcopale questo mi hanno insegnato.

Francesco Papamanolis

vescovo emerito di Syros, Santorini e Creta in Grecia

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

2 Commenti

  1. Franco Ferrari 30 agosto 2018
  2. Guido 29 agosto 2018
UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi