Brasile: Covid e corruzione

di:

brasile1

La Conferenza nazionale dei vescovi del Brasile (CNBB) alza ancora una volta la sua voce in questo momento, per difendere le vite minacciate, i diritti non rispettati e sostenere il ripristino della giustizia, facendo valere la verità.

La società democratica brasiliana sta attraversando uno dei periodi più inquietanti della sua storia. La gravità di questo momento chiede a tutti coraggio, saggezza e, naturalmente, una pronta correzione di rotta.

La tragica perdita di oltre mezzo milione di vite è aggravata dalle denunce di illeciti e corruzione nella lotta contro la pandemia di Covid-19. «Abdicando all’etica e alla ricerca del bene comune, molti agenti pubblici e privati sono diventati protagonisti di uno scenario desolante, in cui risalta la corruzione» (CNBB, Messaggio della 56ª Assemblea Generale al Popolo Brasiliano, 19 aprile 2018).

Sosteniamo e facciamo appello alle istituzioni della Repubblica affinché, sotto gli occhi della società civile, senza attendere oltre, attuino procedure per favorire un’indagine, libera e imparziale, di tutte le denunce, senza sconti per nessuno, in vista dell’immediata correzione degli squilibri politici e sociali.

Dom Walmor Oliveira de Azevedo, arcivescovo di Belo Horizonte (MG), Presidente della CNBB
Dom Jaime Spengler. arcivescovo di Porto Alegre (RS), primo Vice-Presidente della CNBB
Dom Mário Antônio da Silva, vescovo di Roraima (RR), secondo Vice-Presidente della CNBB
Dom Joel Portella Amado, vescovo ausiliare dell’arcidiocesi di São Sebastião di Rio de Janeiro (RJ), Segretario generale della CNBB

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi