Francesco ha aperto una strada in Iraq

di:
Le parole del papa

Papa Francesco e l’ayatollah Alì al-Sistani

La visita è stata eccezionale in una situazione anormale. Le testimonianze che il papa ha sentito sono incredibili e gioiose.

Le parole del papa nel Palazzo del presidente, poi con il clero cattolico, l’incontro con il capo sciita a Najaf, l’incontro interreligioso ad Ur, la messa celebrata secondo la liturgia caldea nella nostra Cattedrale a Bagdad, poi a Mosul e la piana di Ninive e alla fine in Erbil hanno contagiato tutti.

Le parole della fratellanza, del perdono, della riconciliazione, far tacere la voce delle armi, il Vangelo delle beatitudini e il Canto della carità della Prima Lettera ai Corinzi che abbiamo scelto, l’umiltà del papa Francesco, la semplicità del cuore e l’ospitalità degli iracheni: tutti, cristiani e musulmani, sono rimasti commossi e colpiti.

Quando il papa ci ha detto «Nonostante tutto siete una Chiesa viva e forte» e poi «Porto l’Iraq nel mio cuore» ha riempito il nostro cuore.

È stato un avvenimento per noi e lo stesso governo sta avviando delle riforme. Il primo ministro ha convocato tutti i politici a un incontro coraggioso e sincero per costruire uno Stato democratico basato sulla cittadinanza e sulla giustizia. Il papa era come un Giovanni Battista e ha  aperto una strada non solo per gli iracheni ma per tutto il Medio Oriente.

Per i cristiani questa visita è stata un sostegno eccellente. Vedo un cambiamento di mentalità e di cultura fra gli iracheni. Ho tanta speranza.

Le parole del papa

+ Louis Raphaël I Sako
patriarca di Babilonia dei Caldei

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi