Spagna-abusi: niente commissione indipendente

di:

abusi

Anche dopo che i giornalisti del quotidiano spagnolo El Pais hanno consegnato, nel corso del volo di ritorno dalla Grecia, a papa Francesco gli esiti di una loro raccolta di probabili casi di abuso nella Chiesa cattolica del paese, i vescovi spagnoli continuano a non ritenere opportuna la creazione di una commissione indipendente per indagare sui casi. Viene invece preferita la via individuale di denuncia dei casi presso debiti uffici che sono in via di apertura nelle diocesi spagnole.

Il papa ha consegnato gli atti ricevuti da El Pais alla Congregazione per la dottrina della fede, che provvederà ad avviare le procedure opportune secondo le nuove disposizioni canoniche emanate da Francesco; ed ha inoltre contattato il presidente della Conferenza episcopale spagnola, il card. J. Omella vescovo di Barcellona.

Secondo le carte dell’indagine giornalistica, circa il 77% dei presunti casi di abuso sessuale sono avvenuti all’interno degli ordini religiosi – che stanno prendendo le dovute misure corrispondenti alle accuse rivolte loro. I maristi si sono impegnati a mettere i sopravvissuti al primo posto, dando credito alla loro parola in sede di indagine.

Rimane l’impressione di un andamento in ordine sparso, tra le varie diocesi e fra clero diocesano e ordini religiosi; col rischio di non raggiungere una visione di insieme del fenomeno degli abusi in Spagna e di avere difficoltà a farsi un’idea della portata numerica dei casi.

L’indagine di El Pais contiene dozzine di casi in cui si presume che cardinali e vescovi o non abbiamo avviato le indagini canoniche previste, oppure abbiano cercato di proteggere i presunti abusatori. Indagine che, per proteggere le persone interessate, non contiene né i nomi dei sopravvissuti né gli anni in cui avrebbero subito abusi sessuali nella Chiesa spagnola. La Conferenza episcopale si augura che i dati a disposizione vengano messi a disposizione, in forma concreta e completa, degli appositi uffici ecclesiali e statali.

La resistenza da parte dei vescovi a istruire una commissione indipendente, volendo gestire quindi tutto internamente, appare essere rischiosa soprattutto sul piano della credibilità pubblica della Chiesa spagnola rispetto all’indagine e gestione dei casi di abuso avvenuti al suo interno. Tenendo conto anche del fatto che, ancora una volta, il giornalismo ha preceduto la doverosa attivazione di indagini serie e approfondite da parte ecclesiale.

Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

  1. MARIA ANGELES Arana 21 dicembre 2021
  2. Fabio Cittadini 21 dicembre 2021

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi