Il Guercino e le opere belle

di:

Il parroco di San Biagio a Modena, don Gianni Gherardi, racconta il ritrovamento del grande quadro di Giovanni Francesco Barbieri, soprannominato il Guercino (Cento, 2 febbraio 1591 – Bologna, 22 dicembre 1666), rubato due anni fa. Come custodire i tesori d’arte della storia cristiana? Quanto possono favorire l’evangelizzazione? Perché la bellezza richiama il Vangelo?

ritrovamento a Casablanca

Giovanni Francesco Barbieri, detto Guercino, Madonna coi santi Giovanni Evangelista e Gregorio Taumaturgo, Modena, Chiesa di San Vincenzo.

In questi giorni ha fatto rumore mediatico il ritrovamento a Casablanca (Marocco) di un dipinto rubato due anni fa dalla chiesa di San Vincenzo a Modena. Una chiesa ricca di storia, costruita dai Teatini nel ’600, con annesso convento che ora è sede del palazzo di giustizia. Una chiesa affidata dal 1992 alla parrocchia di San Biagio, oggetto di restauro per un paio di anni e ora utilizzata la domenica per la messa parrocchiale, essendo la chiesa di San Biagio inagibile, per il terremoto del 2012.

Entrambe le chiese possono considerarsi veri e propri monumenti, sotto la tutela della Sovrintendenza. Entrambe le chiese contengono decine di opere d’arte: dai marmi agli affreschi, ai dipinti, agli argenti, agli arredi… Viene da dire che, entrambe, potrebbero costituire altrettanti musei, soprattutto con riferimento all’età barocca.

Senza volerlo, come parroco, mi trovo a gestire un vero e proprio… ben di Dio, non tanto dal punto di vista economico, ma culturale e artistico.

Se ne può tener conto nell’azione pastorale? A me sembra che vengano offerte diverse opportunità dal punto di vista devozionale, catechetico e anche artistico.

Il quadro, oggetto di furto, è da sempre nella chiesa di San Vincenzo, di cui quest’anno ricorre il quarto centenario dalla fondazione. Nel dipinto è raffigurata una “Madonna della seggiola” (noi conosciamo soprattutto quella di Raffaello); inoltre, sono presenti due santi: san Giovanni Evangelista e san Gregorio Taumaturgo.

Non è la sola rappresentazione di Maria presente in San Vincenzo: c’è una statua della “Madonna della cintura”, una tela di Maria, Giuseppe e Gesù adolescente, ci sono immagini di Maria Addolorata, c’è un affresco di Maria “del Divino Amore” e ancora un affresco del XII secolo in un compianto su Cristo morto…

Immagini oggetto di venerazione e che possono accompagnare la preghiera, soprattutto nelle relative ricorrenze. Anche i ragazzi possono essere accompagnati, dall’esperienza degli anziani, ad incontrare questi segni religiosi del passato e a farli propri.

Ho fatto l’esperienza, per la ricorrenza di san Biagio, di introdurre i ragazzi dell’iniziazione cristiana a conoscere il Santo attraverso una breve narrazione della sua vita e anche attraverso una reliquia posta in uno splendido braccio argenteo, due quadri che raffigurano il Santo in atteggiamento di guarigione e di martirio e, infine, una statua lignea della Val Gardena posta nell’800 sull’altare a lui dedicato.

Certamente, occorre il senso di misura per evitare derive devozionistiche, ma occorre anche un po’ di sapienza per riconoscere nelle opere d’arte che ci sono affidate l’ingegno umano e la… benedizione di Dio sull’uomo e le sue opere belle.

Print Friendly, PDF & Email
Tags:

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi