Nipoti in “edicola”

di:

Vede la luce il 31 marzo, nella consueta veste digitale gratuita (su issuu), il nuovo numero (11) della rivista culturale Nipoti di Maritain (cf. qui su SettimanaNews). Ne riprendiamo di seguito l’editoriale a firma del direttore, Piotr Zygulski.

cultura cattolica in Italia

Nel 2021 ci siamo fatti notare in libreria con Riattivare il Gesù storico, pubblicazione monografica in cartaceo che ha rappresentato la decima uscita di Nipoti di Maritain. Per il numero 11 torniamo al format consueto, bipartito in una sezione di dibattito seguita da una di rubriche.

Il numero in uscita

Il segno di novità è la rubrica Biblica affidata a Federico Adinolfi, già curatore del monografico, che ha evidenziato come sia indispensabile per la nostra rivista proseguire la divulgazione della ricerca storica su Gesù e sui testi biblici. Questa volta Adinolfi ci invita a ripensare il Gesù apocalittico, tema affrontato anche in Riattivare il Gesù storico, ma che necessita di un’ulteriore insistenza, a causa delle ritrosie nell’ammettere la piena appartenenza del Nazareno all’apocalittica giudaica del Secondo Tempio.

Essa infatti non va intesa riduttivamente come se fosse una descrizione degli eventi alla fine del mondo o al termine della vita umana, ma piuttosto come rivelazione divina che – nel caso di Gesù – è strettamente collegata con la sua prassi, eminentemente esorcistica, di liberazione da ogni forma di male, nella trasformazione del cosmo lacerato dal dia-bolos.

La luminosità di tale rivelazione è quella che guida, come una «luce interiore», anche la spiritualità pacifista e radicalmente sociale dei Quaccheri, presentati qui da Giuseppe Saggese. Nel corpo esanime di Gesù, consumatosi sino alla morte nel sanare tali ferite, possiamo identificare l’estrema bellezza; tale prospettiva riconcilia etico ed estetico, ed è ben lontana da qualsivoglia decorativismo predatorio oggi in voga, come osserva Alessio Santiago Policarpo, sulla scia di Byung-Chul Han e François Cheng.

Spostandoci alla settima arte, Lucandrea Massaro scorge un altro approccio di riconciliazione – o perlomeno di interconnessione – anche tra economia e religione nel film Dune di Denis Villeneuve, nuovo adattamento cinematografico dell’omonimo ciclo di romanzi fantascientifici di Frank Herbert, già sessant’anni fa profeta di un’ecologia integrale.

Ulteriori due rubriche – quella di Davide Penna sulla filosofia dell’educazione tra Tommaso d’Aquino e Jacques Maritain e la recensione di Giovanni Francesco Piccinno al libro di Enrico Palumbo sull’atteggiamento dei cattolici nei confronti dello Stato di Israele – rievocano, almeno parzialmente, alcuni aspetti dei tre temi del dibattito, questa volta quanto mai intrecciati: l’omotransfobia, il Concordato tra l’Italia e la Santa Sede e l’Insegnamento della Religione Cattolica.

Su quest’ultima questione vertono anche le interviste di Rosario Sciarrotta a Rosario Salamone, direttore dell’Ufficio della Pastorale Scolastica e dell’IRC del Vicariato di Roma, e di Lucandrea Massaro a Vincenzo Pacillo, ordinario di Diritto ecclesiastico e canonico. Infatti non si può non parlare di IRC senza menzionare il Concordato e la sua revisione del 1984 che ne gettò le basi.

Omotransfobia

Il Concordato è entrato pure nel dibattito dello scorso anno sul ddl Zan. Tale legge avrebbe potuto estendere le motivazioni di sesso, orientamento sessuale, identità di genere e disabilità ai reati di istigazione alla violenza, alla discriminazione e alla provocazione (604-bis del codice penale) e alle aggravanti dei restanti reati (604-ter c.p.), oltre a istituire una giornata nazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia.

Se dalle gerarchie cattoliche si è invocata la libertà di insegnamento e di intervento nel dibattito legislativo che avrebbe potuto pregiudicarla, dal versante opposto si è tornato a chiedere l’abolizione del Concordato che tollererebbe siffatte «ingerenze».

Archiviato quel disegno di legge – che personalmente criticavo perché intendeva risolvere con un uso propagandistico dello strumento penale una questione di tipo educativo e socio-culturale; critica che estendo anche a tutti i vigenti reati di odio, istigazione, apologie e negazionismi, di ambigua applicazione – abbiamo scelto di affrontare le cose su un altro piano.

Partendo dal fatto che il Catechismo della Chiesa Cattolica si oppone a «ogni marchio di ingiusta discriminazione» verso le persone omosessuali, esse stanno davvero a cuore ai cattolici, soprattutto quando subiscono sulla propria pelle pregiudizi, discriminazioni e violenze, anche in ambito ecclesiale?

Alcuni pronunciamenti sul ddl Zan, da ambedue le parti, lasciavano trasparire atteggiamenti ideologici. Il pretesto talvolta addotto, purtroppo anche dal Magistero cattolico di trent’anni fa, è che alcune discriminazioni sarebbero ingiuste e altre «giuste»; si tratta di un ossimoro, perché se una persona fosse esclusa dall’insegnamento per una motivazione oggettiva (per esempio se non avesse il titolo di studio) non potrebbe dirsi discriminazione, mentre per una motivazione soggettiva e personale (come l’orientamento sessuale) è difficile ammetterlo che non lo sia.

I quattro autori che si sono messi in gioco sul tema sono la madre di un ragazzo omosessuale, due preti e uno studente di teologia. Partendo da esperienze differenti, sottolineano l’importanza di testimonianze aperte di vita concreta, ma pure di una competente educazione (pure nelle scuole cattoliche) alle sessualità e di una predicazione ecclesiale inclusiva, capace di valorizzare i doni anche delle persone LGBT+ credenti e di prendere posizione contro ogni discriminazione, senza ambiguità. Come mostra il coming out di 125 membri della Chiesa cattolica in Germania, e il loro appello #OutInChurch firmato da 119.000 persone, oltre alla richiesta di continuare a servire – a ogni livello – la comunità ecclesiale come persone dichiaratamente LGBT+ senza temere licenziamenti, si chiede la revisione di certi assunti magisteriali che definiscono le tendenze omosessuali «oggettivamente disordinate», e le persone che le vivono incapaci di «costruire relazioni corrette».

Infatti, «alla luce delle conoscenze provenienti dalle scienze teologiche e dalle scienze umane, affermazioni di questo tipo non sono più accettabili», scrivono dalla Chiesa tedesca. I nostri autori sposano unanimemente questa linea.

Concordato

Venendo al tema del Concordato, gli interventi ne soppesano l’importanza storica per risolvere la «questione romana»; ancora oggi resterebbe attuale perlomeno il metodo di affrontare consensualmente e su un piano paritario le relazioni bilaterali tra Stato e Chiesa.

Si avverte l’esigenza di una nuova legge sulla libertà religiosa, vecchia ormai di un secolo, mentre si segnala il pericolo di una modifica unilaterale dei Patti Lateranensi, già ritoccati nel 1984 dagli accordi di Villa Madama. Sono proprio questi che hanno introdotto il meccanismo dell’8 per mille – contestato in particolare per la ripartizione delle quote non espresse – e il nuovo Insegnamento della Religione Cattolica, confessionale ma facoltativo.

Su questi due punti il vicedirettore Lorenzo Banducci propone che sia la Chiesa cattolica stessa a proporre una modifica del Concordato, per evitare la percezione di un cattolicesimo arroccato su posizioni di rendita privilegiata anziché al servizio di processi «in uscita» verso l’umanità di oggi.

IRC

Questo ci introduce al terzo tema: l’IRC. Sono soprattutto la monoconfessionalità e la facoltatività dell’insegnamento a renderlo problematico oggi; i sei autori, quasi tutti giovani insegnanti di religione, ai quali si aggiungono i due esperti intervistati, mostrano la vivacità del dibattito e il coraggio nel mettere in discussione quella «posizione di rendita» che paradossalmente ha avuto l’effetto di screditare la disciplina.

A ingenerare diffidenza e critiche è soprattutto la «C» di cattolica, ma pure il fatto che la proposta di nomina debba necessariamente pervenire dai vescovi cattolici, basandosi oggi perlomeno su titoli di studio riconosciuti, ma anch’essi di istituzioni esclusivamente cattoliche.

Gli autori propongono quindi di affrontare la questione della confessionalità, almeno rivedendo l’idoneità diocesana all’insegnamento, mentre avanzano proposte di modelli differenti. O si cambia o si muore, oppure si agonizza tra sofferenze e diffidenze, vissute sulla propria pelle dai docenti; soprattutto i più giovani hanno grandi potenzialità inespresse e non di rado anche lauree civili.

I nostri autori tendono a caldeggiare la trasformazione dell’IRC in un paio d’ore obbligatorie di Storia delle Religioni, contemperata da competenze riflessive, educazione al pluralismo religioso e testimonianze di vita da ascoltare e rispettare; tali aspetti già caratterizzano la prassi di molti insegnanti di religione e non possono andare perduti: vanno piuttosto estesi a tutti.

Con un grave analfabetismo religioso, per orientarsi e agire nella società complessa può essere un primo passo conoscere qualcosa sulle religioni; occorre però poi imparare – nello scambio accogliente delle unicità di esistenze, sensibilità ed esperienze – da esse.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi