Agrigento: la pastorale dell’“abitare”

di:

«“Abitare la comunità”, in continuità con l’esigenza di “ripensarla” (2016-2017) e in vista dell’impegno a “viverla” (2018-2019), è la sfida del Piano pastorale 2017-2018» – scrive il vicario episcopale per la pastorale di Agrigento sul Bollettino ecclesiale agrigentino di fine novembre 2017. Del resto, prosegue, «Abitare – terza “via” suggerita dal Convegno ecclesiale nazionale di Firenze 2015 per raggiungere le “periferie dell’esistenza”, insieme a quelle dell’uscire, annunciare, educare e trasfigurare – significa entrare pienamente nel cuore del Vangelo per riuscire a portarlo pienamente nel nostro vissuto quotidiano e nel vissuto di chi ci vive accanto. In questo consiste la vita e la missione della Chiesa che, nelle dinamiche specifiche del nostro tempo e nelle tensioni proprie del nostro territorio, siamo chiamati a incarnare».

Riconoscere Gesù. Incontrare la fragilità dell’umano.

Interessante è anche la scansione del Piano pastorale secondo i quattro tempi della liturgia, in cui, ad es., la quaresima è il momento in cui “riconoscere Gesù”, esperienza forte di fede per poi «condividere altrettante domande, tutte concentrate sulle “fragilità dell’umano”». Come si può vedere è un itinerario che invita, a partire da uno sguardo nuovo di fede, ad accostarsi alle tante fragilità dell’umano, che ha di fronte non solo i drammatici sbarchi a Lampedusa, parte della diocesi, ma anche le difficoltà-fragilità dei giovani e delle famiglie.

«Con uno sguardo nuovo» è dunque l’invito dell’arcivescovo card. Montenegro riportato fin dal titolo della sua Lettera pastorale e “Abitare la comunità” è il contenuto del Piano pastorale diocesano 2017-2018, scandito – come s’è detto – sui grandi tempi dell’anno liturgico e seguendo l’icona del ministero di Gesù a Gennesaret riportato nel Vangelo di Marco (Mc 6,53-56), quello che è appunto proposto a tutta la Chiesa in quest’anno B.

Inoltre, circa un anno fa (25/2/2017) ci fu l’indizione della visita pastorale “Il Signore benedirà il suo popolo nella pace”, che completa e integra un cammino di Chiesa fatto di ascolto (Dio e uomo-territorio) e di nuova progettazione di una presenza e testimonianza ecclesiale.

Parola d’ordine della nuova proposta, suggerita dall’icona evangelica di riferimento nonché dal magistero di papa Francesco, è “fragilità dell’umano”. Si tratta – precisa il vicario per la pastorale – «di tutte quelle situazioni di povertà, dalle quali nessuno può ritenersi esente, che Dio in Cristo ha scelto di raggiungere e riscattare e verso le quali continua a mandare la sua Chiesa per continuare l’opera di evangelizzazione e salvezza nella forza dello Spirito».

«Mentre vi scrivo – annota il card. Montenegro, che è anche presidente della Caritas italiana – ho davanti agli occhi i tanti volti e le tante storie che in questi anni della mia permanenza tra voi mi sono diventati familiari e che fanno ormai parte della mia vita. Il mio pensiero va anche ai tanti volti e alle tante storie che ho soltanto intravisto e appena conosciuto e a quelli che non ho ancora avuto modo di incontrare o che, per la fatica del confronto o le diversità di vedute, si sentono lontani. A tutti, uno per uno, vorrei che giungesse il mio abbraccio, insieme all’invito a rilanciare la sfida della comunione e della missione per la crescita del Regno di Dio: qui, ora e insieme!».

«Sono fermamente convinto che la forza rinnovatrice del Vangelo, che passa attraverso la vita e l’azione della Chiesa, ci chiede una forte presa di coscienza delle sfide da assumere. Solo radicando l’annuncio del Vangelo nella realtà e nelle dinamiche del territorio, infatti, potremo dare concretezza alla fede, prospettive alla speranza e consistenza alla carità».

Print Friendly, PDF & Email
Tags:

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi