Vicenza: 10 anni di microcredito

di:

Microcredito è una prassi finanziaria che abbiamo pensato per molto tempo applicabile nelle aree in via di sviluppo del terzo e del quarto mondo. Una prassi impensabile nel primo mondo, finché la grande crisi finanziaria mondiale non investì anche il vecchio continente.

Allora anche l’Europa fu costretta a rivedere i suoi parametri di sostegno e di sviluppo del’economia, per far fronte al disagio sociale che aveva colpito persone, famiglie e l’imprenditoria più fragile.

La Caritas vicentina fu una delle prime a dotarsi dello strumento dei microcredito. Basandosi sulla disponibilità di 45 volontari (spesso ex bancari) formati allo scopo e sul fondo di garanzia (160.000 euro) approntato dalle Banche di Credito Cooperativo e da alcune Casse Rurali presenti in Veneto, furono aperti sette sportelli per erogare i microcrediti.

Oggi i volontari presso gli sportelli sono 150 e sono presenti in 14 zone. Le persone aiutate in questi dieci anni sono state 1.250 per un ammontare di 2.623.405 euro. «Gocce continue di solidarietà che hanno permesso a tanti di rimettersi in moto», si legge nell’inserto “Informa Caritas” ospitato nelle pagine centrali de La Voce dei Berici (5 giugno 2016), settimanale diocesano della Chiesa vicentina. definendo i volontari «veri angeli custodi per le persone in difficoltà».

In questi anni l’attività di microcredito è stata inglobata nel Servizio Territoriale Relazione di Accompagnamento nella Difficoltà Economica (S.t.r.a.d.e), un organismo che – ha dichiarato Paolo Frison, bancario di professione nonché coordinatore –, iniziando dall’ascolto, «si sviluppa con la relazione tra persone e il coinvolgimento della rete ecclesiale, istituzione e sociale e si conclude con un sostegno non solo economico, che mira a riconoscere piena dignità a chi è in difficoltà».

Annota ancora Paolo Frison che il disagio finanziario è spesso la punta di iceberg, «in quanto sottintende un bisogno umano ben più vasto, come problemi di salute, difficoltà familiari, solitudine personale e disagio sociale».

In questi anni gli sportelli di microcredito sono stati osservatori privilegiati sui mutamenti sopravvenuti nella società. «Se dieci anni fa – afferma il coordinatore di S.t.r.a.d.e – il problema era la scarsità di reddito, oggi è più drammaticamente la scarsità di lavoro». E questo colpisce le fasce socialmente più deboli. A questo punto la crisi non va più imputata agli stili di vita delle persone o delle famiglie, ma «al sistema economico nel quale viviamo».

Giorgio Sandini, presidente di un istituto bancario vicentino, sulla stessa pagina del settimanale descrive con quali idealità e in quali modi le Banche di Credito Cooperativo si affiancarono alla Caritas per fronteggiare le situazioni di crisi causate da mancanza di lavoro o da spese straordinarie e impreviste che una fascia di popolazione, priva di requisiti di bancabilità, doveva affrontare.

Nel tracciare un bilancio dell’esperienza, Sandini dichiara che la percentuale di insolvenza si è stabilizzata al 14% dei prestiti erogati, «una percentuale molto bassa, considerata la fascia di popolazione che ne beneficia e che presenta molto spesso situazioni di criticità». E conclude ribadendo che le banche del territorio che si ispirano ai valori etici delle Banche di Credito Cooperativo intendono proseguire in questa iniziativa di sostegno alle categorie più deboli.

Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi