Fratelli tutti: una sfida all’American Way of Life

di:

FT e USA

Papa Francesco dedica il secondo capitolo della sua nuova enciclica sociale, Fratelli tutti, a una meditazione sulla parabola del buon samaritano. In tal modo, offre una lente teologica e morale convincente per comprendere il nostro mondo, esaminare la nostra coscienza e trovare un percorso verso la fraternità universale e l’amicizia sociale.

Descrive i vari personaggi della parabola: ladri che picchiano e lasciano un uomo a soffrire per strada, sacerdoti e tipi religiosi che si allontanano dall’altra parte in modo da non dovergli passare accanto. Poi arriva lo straniero, uno straniero totale, che dà la sua tenerezza, il denaro e il tempo per prendersi cura della persona ferita.

Il papa chiede: “Con quale di questi personaggi ti identifichi? Questa domanda, per quanto schietta, è diretta e incisiva. Quale di questi personaggi ti assomiglia?”.

L’enciclica e gli Stati Uniti

Se gli Stati Uniti dovessero rispondere onestamente alla domanda, la risposta sarebbe piena di contrizione.

Il papa scrive: “Il vero valore dei diversi paesi del nostro mondo si misura dalla loro capacità di pensare non semplicemente come un paese, ma anche come parte della più grande famiglia umana”. Come si collocano quindi gli Stati Uniti?

Chi sono le persone picchiate in strada oggi? Sembra impossibile elencare ogni ingiustizia sociale che affligge la nostra società, ma Francesco ci arriva vicino. L’elenco dei mali che affliggono il nostro mondo spezzato e diviso comprende: guerra, cambiamento climatico, pena di morte, povertà, aborto, disuguaglianza, capitalismo sfrenato, razzismo, nazionalismo e disoccupazione.

E Francesco ci ricorda chi sono sempre le persone che soffrono di queste ingiustizie: i poveri, i disabili, le donne, le minoranze razziali, i migranti, i rifugiati, gli anziani, i prigionieri, i nascituri, i soli.

Gli eventi del 2020 e il fallimento dei nostri leader di essere all’altezza del momento hanno messo in luce ed esacerbato l’ingiustizia sociale profondamente radicata.

Il razzismo, il peccato originale della nostra nazione, si è dimostrato “un virus che muta rapidamente”; la pandemia di Covid-19 ha colpito tutte le comunità, ma le persone di colore e gli anziani hanno sofferto in modo sproporzionato; la devastazione economica che ne è seguita ha costretto milioni di lavoratori a basso reddito sull’orlo della disperazione, mentre allo stesso tempo la ricchezza dei miliardari è cresciuta di oltre il 25 per cento.

Quando l’altro non è dei nostri

Papa Francesco dedica una notevole attenzione alla situazione dei migranti e dei rifugiati. Nel 2019, secondo le Nazioni Unite, si contavano oltre 272 milioni di migranti in tutto il mondo. “Possiamo quindi dire che ogni paese appartiene anche allo straniero, pertanto i beni di un territorio non devono essere negati a una persona bisognosa proveniente da altrove”, scrive il papa.

L’amministrazione Trump ha sempre cercato di frenare l’immigrazione, legale e illegale, mettendo ostacoli per i richiedenti asilo in fuga dalla violenza, tentando di porre fine al programma Deferred Action for Childhood Arrivals e rendendo più difficile per i titolari di carta verde mantenere la residenza legale negli Stati Uniti.

La fine della politica

Il papa identifica la piaga della polarizzazione politica e il crollo di un autentico discorso pubblico come motivo principale per la nostra incapacità di rispondere al momento. Francesco avverte che “cose che fino a qualche anno fa non potevano essere pronunciate senza rischiare la perdita del rispetto universale si possono ora dire impunemente, e nel più crudo dei modi, anche da alcune figure politiche”.

Fratelli tutti, quindi, al di là di un eccellente resoconto sull’insegnamento sociale cattolico, ricorda a tutte le persone la buona volontà che il lavoro contro le strutture del peccato sociale va di pari passo con la crescita personale e individuale della virtù. Questo papa ha costantemente incoraggiato i credenti a seguire Cristo nelle periferie della società, e ci ricorda in questa enciclica che “alcune periferie ci sono vicine, nei centri cittadini o all’interno delle nostre famiglie (…). Ha a che fare con i nostri sforzi quotidiani per espandere la nostra cerchia di amici, per raggiungere coloro che, anche se mi sono vicini, non considero naturalmente una parte della mia cerchia di relazioni”.

Sfiducia reciproca

Mentre la maggior parte degli americani sono d’accordo che la nostra politica nazionale sia in declino, purtroppo passa troppo spesso inosservato che anche la nostra vicinanza sociale è in declino. Come David Brooks ha detto di recente in un saggio per The Atlantic, “la fiducia interpersonale è in declino catastrofico.” Solo il 30 per cento degli americani ritiene che “la maggior parte delle persone può essere attendibile.”

Siamo ad alto rischio di non sapere cosa affligge anche la persona accanto a noi. La maggior parte degli americani conosce solo relativamente pochi dei loro vicini, e quasi nessuno li conosce tutti. È un problema anche il fatto che gli americani hanno perso la fiducia nelle istituzioni. Questo paese sarà ingovernabile e invivibile se tutti noi perdessimo la fiducia l’uno nell’altro.

In una pandemia che ha dimostrato quanto sia limitata la protezione offerta dai confini nazionali, le parole del papa colpiscono al cuore. Ma le sue opinioni potrebbero anche rivelarsi preveggenti. Il nazionalismo aumenta; il mondo è minacciato da armi da guerra nelle mani di leader roboanti i cui falsi populismi prosperano sul conflitto e sulla divisione. Francesco avverte: “spesso possiamo ritrovarci a soccombere alla mentalità dei violenti, degli ambiziosi ciechi, di coloro che diffondono sfiducia e menzogne”.

Ma, come Gesù, che non era estraneo alle lotte politiche e alla violenza, Francesco è risolutamente fiducioso: “altri possono continuare a vedere la politica o l’economia come un’arena per i propri giochi di potere. Da parte nostra, promuoviamo ciò che è buono e mettiamoci al suo servizio”.

Sicuramente, gli Stati Uniti hanno fatto molto di buono nel mondo. Ma tutto questo è vano senza una presa di coscienza nazionale sulla crisi politica e spirituale in cui siamo precipitati.

Cattolici negli Stati Uniti

Fratelli tutti, letta durante un anno elettorale, ricorda che l’insegnamento sociale cattolico offre una profonda sfida alla coscienza nazionale, ma contiene anche i semi di una conversione nazionale.

Durante la candidatura presidenziale di John F. Kennedy, gli elettori si preoccuparono che Roma si sarebbe infiltrata nei massimi livelli del nostro governo. Ora, un candidato presidenziale propaganda con orgoglio la sua fede cattolica abbracciando politiche che ignorano alcuni insegnamenti morali cattolici fondamentali; l’altro si proclama un paladino dei valori cattolici, ma probabilmente respingerebbe la maggior parte dell’enciclica del papa.

Eppure, gli americani, compresi i cattolici americani, non sembrano preoccupati che l’influenza del cattolicesimo sconvolgerà il loro modo di fare le cose. In Fratelli tutti, il papa ha inviato un monito: forse dovremmo esserlo tutti.

  • Editoriale della rivista dei gesuiti statunitensi America.
Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi