Chi sono gli insurrezionalisti del 6 gennaio ?

di:

presa capitol hill

Intervista con Robert Pape, professore di scienze politiche all’Università di Chicago. Il prof. Pape è specializzato in questioni di sicurezza nazionale e internazionale, e nell’ultimo anno ha studiato gli eventi del 6 gennaio per capire i 700 americani che hanno preso d’assalto il Campidoglio quel giorno.

  • Lei ha studiato i terroristi interni e internazionali per 20 anni, sfatando una serie di idee sbagliate. Prendiamo la sua ricerca sull’insurrezione del 6 gennaio un anno dopo. Qual è stata la scoperta più significativa dei dati sul 6 gennaio?

La scoperta numero uno in assoluto è la parola mainstream. Siamo così abituati a pensare che gli estremisti siano ai margini, che facciano parte di gruppi di milizia o di sette religiose. Ciò che colpisce di coloro che hanno fatto irruzione nel Campidoglio – e anche ciò che colpisce dei sentimenti insurrezionali oggi nella popolazione del paese in generale – è che sono mainstream. E questo emerge nella nostra ricerca in molteplici modi.

  • Pensa che il fatto che queste persone siano per lo più mainstream sia una delle ragioni per cui alcuni fanno fatica a chiamarla insurrezione? Come si rivolgerebbe alle persone che non pensano di essere insurrezionalisti e pensano che cose come le proteste di Black Lives Matter siano una minaccia alla repubblica?

Il fatto che la violenza politica che vediamo davanti a noi sia mainstream ci manda davvero in tilt. Ci fa desiderare di normalizzare ciò che vediamo perché fa parte del mainstream. E anche le forze dell’ordine ci spiazzano, perché sono abituate ad avere a che fare con le frange. Più è un fenomeno mainstream, più è difficile per noi affrontarlo.

  • Quando dice mainstream, stiamo parlando di questi insorti che sono persone comuni che vivono proprio accanto a noi?

Più di quanto ci sentiamo a nostro agio. Quindi lasciate che vi racconti alcuni fatti su chi ha fatto irruzione nel Campidoglio. La scoperta numero uno è il loro profilo economico: Più della metà dei quasi 700 che sono stati arrestati per aver fatto irruzione nel Campidoglio sono proprietari d’azienda o provenienti da occupazioni di colletti bianchi – dottori, avvocati, architetti. Solo circa il 13% sono membri di gruppi di miliziani come gli Oathkeepers o i Proud Boys.

Almeno il 25 per cento degli insorti ha una laurea. Questo è più o meno in media con gli elettori americani, che è circa il 30 per cento. Quando guardiamo al servizio militare, circa il 15 per cento degli insorti ha fatto il servizio militare. Questo è un po’ più alto del 10 per cento della popolazione generale, ma in realtà abbastanza vicino a questo dato. Il sette per cento degli insorti che hanno fatto irruzione nel Campidoglio il 6 gennaio erano disoccupati – quasi la media nazionale in quel momento.

Non sono al 100% uguali alla popolazione generale. Sono più bianchi: il 93% di coloro che sono stati arrestati per aver fatto irruzione nel Campidoglio sono bianchi. Sono anche più maschi, circa l’85%. Ma è il caso che nella stragrande maggioranza quello che stiamo vedendo è il mainstream.

  • Una delle cose di cui sono curiosa è se c’è stato qualche ruolo che la religione, in particolare il cristianesimo, ha giocato in questo movimento che ha portato all’assedio del Campidoglio?

Non siamo in grado, con i documenti giudiziari di coloro che sono stati arrestati per quanto accaduto il 6 gennaio, di sapere molto sulla religione. Il modo migliore per arrivare al ruolo della religione è guardare i nostri sondaggi rappresentativi a livello nazionale. Una volta saputo che gli insorti del 6 gennaio facevano parte del mainstream, abbiamo condotto indagini rappresentative a livello nazionale sull’insurrezione dei sentimenti nella popolazione degli Stati Uniti in generale. Lo abbiamo fatto con il “National Opinion Research Council” dell’Università di Chicago. Abbiamo usato il gold standard dei sondaggi rappresentativi.

Quello che abbiamo trovato è che un gran numero di americani, 21 milioni, ha due opinioni radicali. Uno, credono che l’uso della forza per riportare Donald Trump alla presidenza sia giustificato. Due, credono che Joe Biden sia un presidente illegittimo. Queste sono le due convinzioni insurrezionali chiave che abbiamo visto il 6 gennaio.

Quando si scava un po’ più a fondo in questo, possiamo guardare alle credenze del movimento. Le credenze primarie del movimento non sono principalmente religiose.

  • Se questo è mainstream, quali sono i segni che potremmo vedere tra i nostri familiari o vicini che potrebbero indicare che simpatizzano e potrebbero essere radicalizzati da questo movimento?

Guardando i dettagli di provenienza delle 700 persone che sono state arrestate per aver fatto irruzione nel Campidoglio: dove vivevano? Da dove venivano? Venivano da 44 stati, non solo dai pressi di Washington D.C.

Quando guardiamo a livello di contea, molti di loro provenivano da contee vinte da Joe Biden piuttosto che da Donald Trump. Infatti, più la contea ha votato per Trump, meno probabilità aveva di inviare insorti. Da dove vengono? Dalle grandi aree metropolitane. Vengono in modo schiacciante dalle grandi aree metropolitane dove sono una minoranza politica.

Questo è il motivo per cui la ricerca empirica che stiamo facendo è così importante, perché è facile dire: “Ho la mia idea di come sia un estremista di destra, e l’ho avuta per decenni”. Ma questa è una situazione diversa. Ed è importante vederlo perché altrimenti penseremo alle soluzioni normali in quello che si chiama contrastare l’estremismo violento: diamo lavoro alla gente. Beh, se abbiamo il 50% di imprenditori e medici, avvocati e architetti, quanto conta davvero?

La loro età media è di circa 42 anni. Sono soprattutto intorno ai 40 e 50 anni, non ai 20. Molte volte, nel contrastare l’estremismo violento, pensiamo: “beh, in un certo senso invecchieranno”. Questo non è realistico quando la gente ha 40 e 50 anni, perché è già sposata, ha già dei figli. Questo è il motivo per cui è davvero importante vedere di concentrarsi sui dettagli di chi era coinvolto, perché significa che questa è ora una sfida politica per i nostri leader politici.

E quando cominciamo a sbucciare ulteriormente la cipolla, quello che vediamo è che c’è un’idea a destra che era solo marginale e che ora si sta spostando verso il mainstream, chiamata “la grande sostituzione”. Questa idea è che i bianchi vengono rimpiazzati da non-bianchi; sta accadendo o solo attraverso la demografia o, nella teoria del complotto degli estremisti di destra, i democratici liberali lo stanno facendo accadere aprendo le frontiere in modo da poter cambiare l’elettorato. La caratteristica numero uno in comune tra le contee da cui provengono gli individui è il declino della popolazione bianca.

Tenete a mente che ci sono un sacco di politici e figure dei media che stanno propagandando questa idea della grande sostituzione. E così se si vive in un certo ambiente e inizia a sembrare che corrisponda alla realtà di ciò che si sta guardando in TV, si può vedere come quella teoria del complotto può iniziare a produrre violenza.

  • Come persona di fede, sto pensando: come possiamo contrastare questo? Come posso parlare ai miei vicini?

I leader religiosi, la Chiesa, sono voci potenti nella comunità, nel mainstream. E in un momento in cui i nostri politici sono così polarizzati, abbiamo bisogno di luoghi dove possiamo avere un vero dialogo. I leader religiosi sono un luogo potente per migliorare ciò che abbiamo di fronte a noi oggi. Fare in modo che i leader religiosi vedano i dettagli di ciò che sto descrivendo qui… per prendere davvero in considerazione queste informazioni e fare proprio ciò che stiamo descrivendo, questo è il passo successivo.

È importante che i leader religiosi non dicano: “questo è solo un problema dell’FBI o è solo un problema dei politici, oppure del partito repubblicano”. I leader religiosi possono essere molto importanti, ma questo significa che essi devono essere d’accordo con la meta da raggiunger: proteggiamo la democrazia guardando ai leader della nostra comunità, non solo ai nostri politici nazionali e non solo alle forze dell’ordine.

  • Sono preoccupata per quello che succederà nelle elezioni del 2022 e 2024 se questo sentimento, invece di andare via, è rimasto forte come sempre.

Ecco perché è così importante non solo pensare al 6 gennaio come un evento storico, ma a ciò che significa per il futuro. Questa potrebbe essere una stagione elettorale piuttosto volatile, e il 2024 forse ancora di più. Ma c’è una ragione per i leader religiosi di agire ora, di non aspettare fino al prossimo evento, perché ci stiamo avvicinando a una serie di scadenze elettorali elezioni molto serie e controverse dove possono insorgere scintille.

E quando le scintille volano con tanta legna secca gli incendi possono essere innescati in vari modi. Quello che è successo il 6 gennaio è: abbiamo aspettato, il fuoco è scoppiato, e poi la gente ha detto: aspetta un attimo – perché, perché non possiamo fermarlo?” Beh, è perché avete il fuoco. Non è che prendi il telefono e 10 secondi dopo hai 25.000 truppe a Washington D.C.

Ecco perché non vogliamo aspettare. Dobbiamo agire ora. Ai leader religiosi vorrei dire: questo è estremamente cruciale per il paese, per la nostra popolazione e per la nostra democrazia in futuro.

  • Pubblicato sulla rivista dei gesuiti statunitensi America (nostra traduzione dall’inglese).
Print Friendly, PDF & Email
Tags:

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi