Nicaragua: processo alla Chiesa

di:

chiesa

Sono stati formulati i capi di accusa contro quattro preti, due seminaristi e il cameraman che erano stati arrestati dalla polizia nicaraguense insieme a mons. Alvarez, nell’agosto scorso, all’interno della curia della diocesi di Matagalpa: cospirazione contro l’integrità nazionale del Nicaragua e propagazione di notizie false a riguardo dello stato e della società. Le accuse, presentate dal procuratore il 21 settembre, sono state rese note solo nelle ultime ore.

Il processo dovrebbe aprirsi oggi, venerdì 7 ottobre, nella capitale del paese. Tra gli imputati, il rettore dell’Università Giovanni Paolo II Ramiro R. Tijerino.

La polizia nazionale, con a capo F. Diaz suocero del presidente Ortega, accusa il vescovo Alvarez e i suoi collaboratori di aver tentato di organizzare bande armate al fine di destabilizzare il paese e attaccare le autorità istituzionali. Senza però che siano stati ancora formulati formalmente capi di accusa contro il vescovo di Matagalpa, che si troverebbe ancora agli arresti domiciliari a Managua.

Il presidente Ortega ha recentemente attaccato violentemente la Chiesa cattolica e papa Francesco, accusandolo di voler usare i vescovi in Nicaragua per mettere mano a un colpo di stato. Definendo, poi, i vescovi del paese come dei terroristi e golpisti.

Continuano, da parte della polizia, attività persecutorie nei confronti delle celebrazioni religiose tenute nelle parrocchie del paese, impedendo lo svolgimento di processioni e di ricevere l’eucaristia nel corso della messa.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi