Tigray: negoziati di pace

di:

negoziati

Sono iniziati ieri in Sudafrica i negoziati, mediati dall’Unione africana, tra i rappresentanti del governo di Addis Abeba e quelli del Fronte popolare di liberazione del Tigray (Tplf). L’obiettivo dei colloqui è quello di porre fine al conflitto in corso dal 2020. Il conflitto ha ucciso migliaia di persone, sfollato milioni di persone e lasciato centinaia di migliaia sull’orlo della carestia.

L’esecutivo etiope ha dichiarato che una propria delegazione è partita per Pretoria. “Il governo dell’Etiopia vede i colloqui come un’opportunità per risolvere pacificamente il conflitto e consolidare il miglioramento della situazione sul campo”, ha affermato il servizio di comunicazione del governo in una nota.

I ribelli tirgrini, a loro volta, hanno affermato che i loro negoziatori sono già arrivati in Sudafrica. Kindeya Gebrehiwot, portavoce dei ribelli nel Tigray, ha chiesto: “la cessazione immediata delle ostilità, l’accesso umanitario illimitato e il ritiro delle forze eritree”. E ha aggiunto: “Non può esserci una soluzione militare” alla crisi.

I combattimenti sono ripresi con particolare virulenza ad agosto dopo una tregua durata cinque mesi e hanno visto il ritorno sul campo delle forze armate eritree a sostegno delle forze etiopi e dei loro alleati regionali.

La scorsa settimana, il governo ha promesso di prendere il controllo degli aeroporti e di altri siti federali nel Tigray dai ribelli mentre le truppe etiopi ed eritree hanno lanciato un’offensiva che ha permesso loro di conquistare tre città tigrine tra le quali Shire. “Le forze armate etiopi – è scritto in una nota diffusa dall’ambasciata etiope di Roma – ha continuato a prendere il controllo dei principali centri urbani negli ultimi giorni. I reparti etiopi sono riusciti a evitare il combattimento nelle aree urbane”.

Il governo dell’Etiopia, è scritto nella nota – lavora in coordinamento con le agenzie umanitarie “per continuare a fornire aiuti umanitari in queste aree”. Ha inoltre chiesto agli operatori dei servizi essenziali “di accelerare la loro preparazione per riprendere i servizi in queste aree”.

Il premier etiope Abiy Ahmed, che ha inviato truppe nel Tigray nel novembre 2020 promettendo una rapida vittoria sui leader dissidenti della regione settentrionale, ha detto la scorsa settimana che la guerra “finirà e la pace prevarrà”. “L’Etiopia sarà pacifica, non continueremo a combattere indefinitamente”, ha detto il primo ministro. E ha aggiunto: “Spero che il giorno in cui vivremo con i nostri fratelli tigrini per lavorare insieme per lo sviluppo sia vicino”.

Le richieste internazionali per un cessate il fuoco sono cresciute da quando l’Unione africana dopo il fallimento di una prima sessione di colloqui l’8 ottobre (annullati per “motivi logistici”).

Il ritorno sul campo di battaglia ad agosto ha fermato l’arrivo di aiuti umanitari in Tigray, una regione di sei milioni di abitanti nella quale mancano di cibo, medicine, oltre ai servizi di base. Il Tigray è isolato dalle comunicazioni da oltre un anno e le notizie dalla regione sono stati ridotte.

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha tenuto una riunione a porte chiuse venerdì per discutere della spirale del conflitto e dei crescenti timori per i civili siano coinvolti nel fuoco incrociato.

L’inviato degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, Linda Thomas-Greenfield, ha affermato che migliaia di militari etiopi, eritree e tigrini erano impegnate in combattimenti. “La portata dei combattimenti e delle morti rivaleggia con quella che stiamo vedendo in Ucraina, e civili innocenti vengono presi nel fuoco incrociato”, ha detto, e ha aggiunto: “In due anni di conflitto, fino a mezzo milione di persone sono morte e gli Stati Uniti sono profondamente preoccupati per il potenziale di ulteriori atrocità di massa”.

Anche il Consiglio per la pace e la sicurezza dell’Ua, il suo principale organo di risoluzione dei conflitti, si è riunito per la prima volta venerdì da quando i combattimenti sono ripresi ad agosto. In una dichiarazione, il Consiglio ha accolto con favore “gli impegni reciproci di partecipare realmente al processo di pace” e ha auspicato “un esito fruttuoso”.

  • Ripreso dal sito della rivista Africa.
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi