Ucraina: la strategia di Francesco contro la guerra

di:

guerra

Uno dei contributi critici di papa Francesco[1] nei suoi anni di pontificato è stato quello di evitare, prevenire e stroncare sul nascere qualsiasi tentativo di usare la religione per scopi politici, soprattutto per giustificare la guerra.

Lo ha fatto essenzialmente scegliendo di non schierare la Chiesa cattolica a favore di una o dell’altra causa politica. Ha invece deciso di parlare anche a nome dei fedeli di altre religioni.

È stato vero in Medio Oriente, dove i cristiani sono stati attaccati da alcune frange di terroristi a maggioranza musulmana. È vero anche in Ucraina, dove ucraini e ortodossi sono teoricamente schierati su fronti opposti.

Il tentativo dei leader politici di usare la religione per i loro fini dividerebbe, ovviamente, il mondo e creerebbe enormi tensioni per tutti, ma soprattutto per l’Occidente – dal momento che Europa e America hanno rinunciato all’idea della guerra di religione da secoli. La questione è religiosa per il papa, ma ha importanti implicazioni politiche per tutti.

Quando il papa Francesco parla ai musulmani comuni o agli ortodossi russi, toglie benzina ai nemici della pace e cerca di trovare soluzioni pacifiche ai conflitti esistenti. In termini puramente politici, il papa si muove in uno spazio che alla fine della Seconda Guerra Mondiale doveva essere quello delle Nazioni Unite, per trovare una mediazione e un dialogo tra le diverse parti nel rispetto reciproco, indipendentemente da chi abbia ragione o torto.

Questo non significa che un Paese non abbia il diritto di difendersi in caso di aggressione, ma la Chiesa non deve schierarsi per promuovere la pace.

Il papa lo fa senza obiettivi politici per sé o per la Santa Sede – e senza scopi religiosi. Non vuole convertire i musulmani al cristianesimo, né vuole convertire gli ortodossi alla fede cattolica.

Oggettivamente, però, in questo senso, proprio perché fa il bene per il bene, aiuta la sua fede senza danneggiare gli altri. Porta la barca in mezzo al mare e non getta reti o ami, ma aspetta che i pesci saltino a bordo, se saltano. Se non saltano sulla barca, però, questa navigazione ha già raggiunto il suo scopo: cercare di calmare le acque.

Con questa azione, papa Francesco emargina politicamente gli estremisti islamici in Medio Oriente. In questo modo favorisce l’integrazione politica ed economica tra Israele e alcuni dei suoi vicini islamici. In Ucraina e in Russia sta gettando i semi per un nuovo rapporto culturale e politico al di là degli scopi religiosi.

Il punto è che l’invasione russa dell’Ucraina ha allontanato la maggioranza degli ucraini dalla Russia. Questa maggioranza, circa il 60%, era di fede russo-ortodossa. Gli ucraini ortodossi sono importanti anche per la Chiesa ortodossa russa perché Kiev è la culla culturale dell’ortodossia russa. Inoltre, molti sacerdoti ucraini vanno a lavorare in Russia. In altre parole, il clero dell’Ortodossia russa è composto da una parte non trascurabile di ucraini che si sono trasferiti in Russia.

L’invasione del presidente russo Vladimir Putin ha quindi l’effetto pratico di aver lacerato l’unità della Chiesa ortodossa russa, che comprendeva appunto l’Ucraina come parte della Russia. La Chiesa ortodossa russa è uno dei pilastri del consenso politico interno di Putin, per cui aver minato questa realtà indebolisce significativamente Putin stesso all’interno della Russia.

Inoltre, oggi coloro che erano ortodossi russi in Ucraina stanno cambiando affiliazione e centinaia di parrocchie, di fatto, fanno ora riferimento a leader religiosi ortodossi ucraini e non più russi.

In linea di massima, in Ucraina ci sono tre fedi: Cattolici di rito latino e greco, Ortodossi che rispondono al Patriarca di Costantinopoli e hanno l’autocefalia, e poi la maggioranza, il 60% prima del conflitto, degli Ortodossi russi che riconoscono il Patriarca di Mosca.

Quest’ultima si è allontanata dal Patriarca di Mosca e sta migrando verso la fedeltà al Patriarca di Kiev. Questo ha implicazioni per i fedeli in Ucraina e soprattutto per i fedeli ortodossi russi in Russia. Putin non è riuscito a trasformare l’invasione dell’Ucraina in una guerra santa contro i nazisti anche perché non poteva contrapporre gli ortodossi russi in Russia ai fedeli della stessa Chiesa in Ucraina.

Al contrario, il fatto che gli ortodossi russi dell’Ucraina si siano allontanati dalla fedeltà al Patriarca di Mosca scuote le fondamenta stesse della Chiesa ortodossa russa con il suo obiettivo di universalità e di essere la Terza Roma, e mina una delle basi del potere e del consenso di Putin in Russia.

Questo fallimento isola il Patriarca di Mosca dal resto dell’Ortodossia, minando così la sua ambizione di guidare l’ortodossia globale. Inoltre, potrebbe aprire le porte a una eventuale riunificazione dell’ortodossia russa con Roma.

Questo è stato fatto senza dichiarare guerra, ma piuttosto perseguendo con caparbietà e contro ogni opposizione la pace. È una rivoluzione politica fondamentale; dimostra l’uso strategico della pace e del dialogo per perseguire obiettivi politici di pace e non di conflitto. Ogni Paese interessato alla pace dovrebbe quindi guardare con attenzione a questa azione.

Le lezioni per la Cina potrebbero essere molte. Dimostra che il papa è una forza di pace, indipendente dalle pressioni dell’Occidente e dell’Oriente. Pechino non ha bisogno di “amici” che la seguano pecorinamente in cambio di una tangente. Ha bisogno di partner affidabili che dicano la verità e offrano una prospettiva diversa.

Inoltre, dimostra che è difficile e complicato usare la religione per obiettivi politici. Può facilmente ritorcersi contro. Alcuni politici statunitensi ci hanno provato, ma come nel caso degli ortodossi russi, hanno finito per dividere le loro Chiese.

L’attivismo politico di alcuni cattolici di Hong Kong sta dividendo la Chiesa della città. Potrebbe accadere ai cristiani in Cina, soggetti a un intenso indottrinamento politico per “peccare”. Pechino lo fa perché teme che il cristianesimo possa essere un canale di sovversione in Cina. Ma la religione è volatile; può facilmente ritorcersi contro, perché i religiosi non temono altro che perdere la propria fede.


[1] Per questo articolo sono grato a padre Lorenzo Prezzi per il suo insegnamento e i suoi articoli.

Print Friendly, PDF & Email

Un commento

  1. Giorgia Gariboldi 25 maggio 2022

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi