UE-Polonia: blocco dei finanziamenti

di:

unione europeaPer la prima volta nella storia dell’Unione Europea, la Commissione ha deciso di bloccare i finanziamenti alla Polonia fino a quando essa non avrà pagato le somme che deve all’Unione per varie penalità inflitte al paese dalle corti europee.

Occasione prossima della decisione è il rifiuto polacco di dare seguito a una sentenza della Corte di giustizia riguardante una miniera di lignite al confine con la Repubblica Ceca – e il mancato pagamento della somma ingiunta in caso di mancata ottemperanza.

Dietro vi sono però le tensioni di lungo corso fra l’UE e la Polonia di Duda e del suo partito, in particolare quelle che riguardano la legge sul sistema disciplinare della magistratura e la decisione della Corte costituzionale polacca che assoggetta il diritto europeo alle leggi del paese. La cifra trattenuta è relativamente bassa, 16 milioni di Euro, se si tiene conto di quello che la Polonia deve all’UE per penalità non liquidate (che ammonta a circa 60 milioni di Euro) e del fatto che la Polonia è il paese membro che ha ricevuto più contributi europei.

Di questi fondi la Polonia di Duda non può fare a meno proprio sul versante interno, dove è messo in difficoltà sia da una coalizione che lo spinge verso la destra nazionalista estrema, sia da contestazioni della cittadinanza per l’aumento dell’inflazione e una cattiva gestione della pandemia.

La strategia polacca di rimanere nell’Unione Europea solo con un piede, quello che garantisce i fondi necessari al paese, tenendo l’altro nella pantofola di casa, ossia subordinando il diritto europeo alla legislazione polacca cavalcando l’onda del nazionalismo, deve ora fare i conti con una Commissione che ha iniziato a smontare gli ingranaggi del gioco polacco.

Tutto questo avviene mentre la crisi ucraina incombe alle porte della Polonia e dell’Europa. Dove terminino le aspirazioni di Putin nel ricostruire in altra forma il blocco sovietico, diventa il discrimine per decidere della posizione polacca – comunque allettata da un flirt con lo zar di Mosca, che potrebbe però rivelarsi ben più pericoloso del compromesso con Bruxelles.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi