USA-aborto: il dibattito impossibile

di:

Nei giorni scorsi la Corte Suprema degli Stati Uniti ha ascoltato gli argomenti orali del primo caso inerente l’aborto che fa ingresso nelle sue aule da decenni, inerente la legge promulgata nello stato del Missisipi. La maggioranza della Corte sembra essere parzialmente favorevole al riconoscimento di costituzionalità della legge, la sentenza è attesa per la primavera del 2022.

Le leggi sull’aborto recentemente approvate in Georgia e Alabama hanno alzato la temperatura del dibattito nazionale quasi al punto di ebollizione. La legge in Georgia, basata sul rilevamento dell’attività cardiaca fetale, limiterebbe l’aborto dopo circa la sesta settimana di gravidanza; e definisce gli esseri umani nell’utero, a qualsiasi stadio di sviluppo, come “persone naturali”. La legge dell’Alabama vieta l’aborto in qualsiasi fase della gravidanza. Mentre queste leggi permettono eccezioni per i casi in cui la vita della donna sarebbe in pericolo portando la gravidanza al parto, nessuna delle due leggi ha eccezioni che permettono l’aborto in caso di stupro o incesto.

Molte discussioni su queste leggi le hanno descritte come “estreme”, trascurando quasi completamente la causa più significativa di tale “estremismo”. Molti commentatori riconoscono che queste nuove leggi sono progettate per avviare una sfida legale a Roe v. Wade, ma non notano che le blande restrizioni di queste leggi sono un’immagine speculare dell’ampio rifiuto di Roe di qualsiasi limite pratico o efficace all’aborto. Quando i sostenitori dei diritti all’aborto difendono Roe per respingere qualsiasi proposta di restrizione dell’aborto, stanno prendendo una posizione estrema. Questo non lascia terreno libero per alcun compromesso su leggi meno estreme. I legislatori pro-vita incontreranno la stessa opposizione con le unghie e con i denti sia che mirino a vietare tutti gli aborti o, come si è visto recentemente al Senato degli Stati Uniti, tentino di richiedere che i bambini nati vivi durante un aborto ricevano cure mediche.

Coerentemente nel corso dei decenni, i sondaggi mostrano che una maggioranza significativa di americani sostiene restrizioni più severe sull’aborto rispetto a quelle permesse da Roe, ma non così severe come quelle stabilite da queste nuove leggi. L’opinione pubblica americana sulla legalità dell’aborto è conflittuale e contraddittoria. Secondo un sondaggio condotto questo mese, la metà degli elettori crede che le “leggi sul battito cardiaco” di sei settimane siano “giuste” o anche “troppo indulgenti”; un altro sondaggio ha trovato che due terzi degli adulti statunitensi sono contrari a rovesciare Roe.

Ma secondo Roe e la decisione successiva, Casey v. Planned Parenthood, i limiti all’aborto che molti elettori vogliono, anche se l’aborto rimane legale, sono resi incostituzionali. Circa il 60% degli americani sostiene l’aborto legale durante i primi tre mesi di gravidanza, ma molto meno – meno di un terzo – lo sostiene fino a sei mesi. Ma lo standard di “onere indebito” di Casey non permette restrizioni all’aborto in qualsiasi momento prima della vitalità del feto (circa sei mesi), che non è quello che la maggior parte degli americani sceglierebbe.

C’è un grande divario tra ciò che Roe richiede e ciò che gli americani credono sull’aborto. Ma affrontare questo divario rimane politicamente inimmaginabile per gli attivisti pro-choice nello momento in cui presentano la possibilità che Roe venga rovesciata come una crisi politica acuta. In realtà, è il contrario. La crisi politica in corso è una conseguenza del persistente fallimento di Roe e Casey nel risolvere la questione dell’aborto e il fallimento della Corte Suprema nell’offrire qualsiasi segno che questi casi lo faranno mai.

Nella sua opinione di maggioranza che sosteneva Roe in Casey contro Planned Parenthood, il giudice Sandra Day O’Connor ha scritto che “l’interpretazione della Corte della Costituzione chiama le parti contendenti di una controversia nazionale a porre fine alla loro divisione nazionale accettando un mandato comune radicato nella Costituzione”. Sulla questione dell’aborto, questa chiamata è manifestamente ed espressamente fallita per più di 45 anni, distorcendo la politica nazionale e contribuendo alla divisione nazionale. Le macerie di questi casi devono essere ripulite perché il paese possa andare avanti.

Le leggi dell’Alabama e della Georgia sono tutt’altro che perfette. Avrebbero dovuto essere accompagnate da un sostegno altrettanto vigoroso per le donne che sono in difficoltà con il portare avanti la gravidanza. Saranno quasi certamente sospese da un’ingiunzione prima di essere attuate, e quando alla fine raggiungeranno la Corte Suprema, è improbabile che siano sostenute in tutti i dettagli della loro forma attuale. Se queste leggi saranno confermate e Roe sarà rovesciata o limitata, dovranno essere modificate per essere praticamente e giustamente applicate.

Ma il lavoro legislativo di rispondere alle impegnative domande morali sull’aborto diventerà almeno possibile. Anche se questo non porrà fine alle divisioni politiche sull’aborto, ci permetterà di affrontarle in modo più onesto.

  • Pubblicato sulla rivista dei gesuiti statunitensi America.
Print Friendly, PDF & Email
Tags: ,

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi