Una predica che pone interrogativi

di:

Domenica 29 luglio in una affollatissima grande chiesa di un paese di montagna – erano anni che non mi accadeva di partecipare a una messa in piedi – si affaccia un vescovo, lui pure in villeggiatura. Lettura liturgica Giovanni 6,5-15: notissimo e bellissimo brano della distribuzione di cibo ai cinquemila presenti. A ogni rilettura nuove suggestioni e nuove osservazioni tra l’attenzione all’erba e il recupero degli avanzi. Sua eccellenza incentra l’omelia sulla presenza del ragazzo con i cinque pani e i due pesci disposto a condividerli con un gesto che, interpretato da Gesù, riuscirà a sfamare la folla. Gesù potrebbe fare tutto da sé, ma chiede la collaborazione dell’uomo: invito all’impegno e alla condivisione.

Benissimo: il discorso prosegue con il dovere per l’uomo della generosità, chiesta da Gesù, e la sottolineatura dell’onnipotenza di Gesù stesso che della collaborazione dell’uomo potrebbe fare a meno. Interessanti le prediche che pongono domande: se il Signore può fare tutto da solo, perché, almeno qualche volta, non lo fa? Perché non guida alla meta i gommoni dei disgraziati che si buttano nel Mediterraneo, perché non gli fa costruire le case? Se il discorso si mantiene sulla necessità – e magari la bellezza – della condivisione, è nello spirito dell’evangelo; se afferma l’onnipotenza di Gesù, ne esalta la figura, come certamente era intenzione dell’oratore, ma apre a domande inquietanti.

Nel racconto evangelico – non sto a discutere la storicità di quel segno riferito da Giovanni – Gesù si vale della generosità di un ragazzo per suggerire che la soluzione di problemi anche gravi è possibile e non accetta di essere fatto re solo come solutore di problemi: di onnipotenza non si parla.

Il problema è senza risposta e tocca la stessa natura della fede: nell’evangelo la questione non si pone, pensiamo piuttosto a quanto tocca a noi, nel drammatico presente, evitando apologie di un dio diverso da quello di Gesù.

Nota-m n. 523, 15 agosto 2018, p. 5.

Print Friendly, PDF & Email
Tags:

Un commento

  1. Giovanni 24 agosto 2018

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi