Deuteronomio: introduzione e commento

di:

Papola, DeuteronomioIl Deuteronomio è una rilettura di tutta la Torah precedente, alla luce dell’esilio babilonese (587-538 a.C.). Composto in appoggio alle riforme introdotte dal pio re Giosia (nel 622 a.C:, durante i lavori nel tempio, viene «scoperto» un libro – Dt 12–26, il «Codice deuteronomico» probabilmente –), fu rielaborato e completato alla luce della tragica fine del regno di Giuda e i primi anni di esilio babilonese. Redatto nella forma finale da un’équipe di sacerdoti, scribi, profeti e saggi, esso raccoglie l’istanza dell’amore unico verso YHWH, il Dio dell’alleanza, da corrispondere con l’esecuzione pronta e convinta dei suoi vari comandi. Arricchimenti sapienziali vennero portati a Gerusalemme nel 722 dopo la caduta di Samaria. Gli scribi erano interessati alla giustizia sociale, mentre i sacerdoti puntavano al rinnovamento del culto con la sua centralizzazione nel tempio di Gerusalemme.

La quarantanovenne esegeta nuorese, suora orsolina di san Carlo e dottore in teologia biblica alla Gregoriana, insegna alla Facoltà teologica dell’Italia settentrionale e all’ISSR «San Pietro martire» di Verona.

Come richiesto dalla collana di inserimento, nell’Introduzione generale (pp. 5-28), l’autrice propone anche una struttura del libro: 1,1–4,43 Primo discorso di Mosè, narrativo; 4,44–26,28 L’alleanza dell’Oreb; 26,69–30,21 L’alleanza di Moab; 31,1–34,22 Sezione narrativa. 33,1-29 riporta la benedizione di Mosè.

Di ogni parte del libro la studiosa commenta alcuni brani del Dt. L’articolazione segue lo schema: la lettura del testo-interpretazione-spunti di riflessione.

In tutto vengono accostati dodici testi: 4,1-18 Obbedire per vivere; 4,9-14 Ascoltare solo una voce, che «si vede»; 4,32-40 Il Signore soltanto: il Dio personale si rivela nella storia; 6,4-9 Ascolta Israele: amare solo il Signore, ascoltarlo per essere felici; 8,1-20: Ricordare e testimoniare il cammino del deserto, una volta giunti nella terra del Santo; 10,12-22: Ama il forestiero, amarlo e accoglierlo; 16,1-7: Celebrare le feste, che rendono gioiosa la vita; 18,9-22: Dare ascolto al profeta; 26,1-11: Offerta delle primizie, la fede e la preghiera edificano la comunità; 30,11-14: Vicino a te è la parola, la qualità della Legge e il “luoghi” della Parola, da ascoltare perché vicina; 30,19-20 Scegli la vita! Le due vie, con la scelta della vita come esperienza di sapienza; 34,1-12 La morte del profeta e dell’intercessore. Senso della morte di Mosè.

Nell’Appendice (pp. 25-225) si riflette sui codici legislativi presenti in Dt (Codice deuteronomico; l’Alleanza dell’Oreb e quella di Moab). Si descrivono le somiglianze di questi codici con i trattati di vassallaggio del Vicino Oriente antico. Un glossario, e una pagina di bibliografia completano l’opera.

Il Deuteronomio ha un proprio stile, con espressioni ripetute con insistenza, ed esprime la necessità di porre in pratica i comandi del Signore, che è l’unico Signore, il Dio dell’alleanza. Osservare il patto darà felicità, ignorarlo farà conoscere l’orrore dell’esilio, intravisto nelle ultime pagine.

Un libro biblico molto importante, citato spesso nel NT e ricco di indicazioni sapienziali e di giustizia sociale valide tutt’oggi.

Grazia Papola, Deuteronomio, collana «Dabar – Logos – Parola», Edizioni Messaggero, Padova 2017, pp. 240, € 20,00.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi