Il discernimento

di:

Il discernimento

Il volume raccoglie gli interventi del Convegno internazionale tenuto presso la Pontificia Università Urbaniana in Roma dal 13 al 15 marzo 2017.

Il curatore dell’opera, Armando Matteo, autore di provata sensibilità nel saper cogliere i “segni dei tempi” e leggerli alla luce delle indicazioni evangeliche, chiarisce la finalità del progetto: «offrire uno strumento efficace di riflessione per individuare i fondamenti, i soggetti, la dinamica, i luoghi e lo stile dell’esercizio del discernimento» (Introduzione, p. 7).

Sono così indicati i cinque ambiti che compongono il volume, e ospitano le riflessioni degli specialisti.

Sedici voci in totale, compresa quella di Matteo per l’Introduzione e di C. Zuccaro sullo status quaestionis:

D. Scaiola, J.-N. Aletti, V. Grossi e M. Gronchi per la sezione “I fondamenti del discernimento”

S. Dianich e D. Kowalczyk per “I soggetti del discernimento”

E. Bianchi e G. Ruggeri per “La dinamica del discernimento”

P. Erdö, C.U. Cortoni, J.F. Keenan per “I ‘luoghi’ del discernimento”

L. Bressan, F. Zaccaria, F. Filoni per “Lo stile del discernimento”.

La finalità dello studio: «Saper valutare questo tempo significa aprirsi alla verità per la quale la salvezza è qui e ora e nessuno può più addurre scuse per non vedere ciò che è ormai sotto gli occhi di tutti: Dio è il per sempre fedele ai suoi progetti di salvezza e ai suoi intenti di vicinanza amorevole ad ogni uomo e donna della terra, ai più poveri e ai più bisognosi in particolare» (p. 5).

Vi è dunque una precisa urgenza legata al discernimento che diventa quindi non già qualcosa di facoltativo: saper leggere i segni dei tempi è compito imprescindibile del sapere della fede. L’accorato appello di Gesù ai suoi contemporanei (Lc 12,56; Mt 16,3) è parola che conserva anche per noi, se disattesa, il medesimo sdegno.

Quest’opera collettanea ha il pregio di visitare un tema non particolarmente frequentato all’interno dell’universo ecclesiale, smarrito e sballottato tra appartenenza a questo mondo e fedeltà al vangelo di Gesù. Appartenere a questo mondo ma ispirandosi al vangelo implica una costante rilettura del vangelo stesso e un giudizio sui nostri modi di vita.

Da questo punto di vista il volume apre lo spazio per una riflessione che deve continuare e ne indica le direzioni. Un libro che raccoglie molte voci non può fare di più. Vanno ulteriormente approfonditi e articolati con decisione alcuni aspetti per far emergere se e come nella Chiesa vi sia uno sforzo collettivo e costante per capire il nostro tempo. Capire la cultura, le rappresentazioni collettive, i modi di vivere, gli schemi che sorreggono e innervano i rapporti sociali, cioè mettere in cantiere una forma di discernimento cristiano capace di mostrare che il vangelo è sempre ascoltato e vissuto dentro una cultura. Questo lavoro deve continuare e chiede seriamente approfondimenti nuovi.

Senza dimenticare che veniamo da cinquant’anni di inutili litigi sull’ermeneutica del Vaticano II che hanno finito per farci perdere di vista l’essenziale: che quello è il luogo dove abita una grande profezia la quale aspetta ancora di essere ascoltata più che citata. Quello resta nella storia come un cattivo esercizio di discernimento.

La comprensione del nostro tempo alla luce del vangelo diventa quindi credibile quando si trasforma in parola e in stile che generano speranza, una speranza collettiva. Per gli operatori pastorali, impegnati oggi nel compito assai complesso di ripensarne le forme, questo è il punto più sicuro da cui ripartire. Tenendo presente che la cura della pastorale è il luogo dove meglio appare il limite del discernimento come Chiesa.

L’augurio da fare a Armando Matteo è che continui il lavoro iniziato mantenendo attivo questo qualificato gruppo di specialisti. Il convegno internazionale ha evidenziato una urgenza. Continuare il lavoro è un esercizio effettivo di buon discernimento.

Armando Matteo (a cura), Il discernimento. “Questo tempo non sapete valutarlo?” (Lc 12,56), Urbaniana University Press, Città del Vaticano 2018, pp. 274, € 25,00.

Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi