Fragilità

di:

Fragilità

Un libretto pre-Covid19, evidentemente, quello del priore di Bose, ma che trova una conferma a tutto campo delle sue tesi in questi giorni di fragilità acclarata e di spaesamento a livello umano, sociale, economico e anche religioso. Laureato in Lettere classiche, nelle sue riflessioni a partire dalle sacre Scritture Manicardi è sempre attento al loro risvolto antropologico e filosofico, cercandone un’attualizzazione sapienziale e cordiale.

La fragilità è intrinseca all’essere umano, dalla sua nascita – in cui dipende in tutto dagli altri –, alla sua morte, in cui ancora una volta è affidato alle cure degli uomini e delle donne che lo circondano. Essa assume gli aspetti più diversi: limiti esistenziali, menomazioni fisiche e psichiche, difficoltà di relazioni, problematiche economiche ecc.

L’uomo è caduco perché deve finire, ma è anche fragile perché si può spezzare. La fragilità è propria dell’uomo che nasce sempre prematuro e ha bisogno di tutto per crescere. Essa è apertura agli altri, che può diventare però anche scacco e delusione.

Dalla fragilità nasce un’etica tutta dedicata. La fragilità fa appello alla responsabilità da parte dell’altro e della società nel suo insieme, se si vuole ancora mantenere e accrescere la qualità umana della convivenza e non regredire a livello di homo homini lupus. La fragilità fa appello alla responsabilità di chi deve prendersene carico, custodia e cura. Il tasso di umanità di una società si misura infatti dalla qualità della cura che mette in atto nei confronti di chi è più fragile.

La fragilità non va né elogiata né rimossa. Va accolta ed elaborata dal singolo e da chi gli è vicino. Fa appello alla resilienza in quanto ogni scacco e smentita della vita può e deve diventare un’occasione di ripresa a maggiori e migliori livelli, modificando forse vari aspetti del proprio modo di vivere. Gesù ha fatto appello alle risorse delle persone a cui guardava con misericordia, per guarirle e rimetterle in piedi.

La fragilità spesso nasce dalla difficoltà a fare i conti con se stessi, dalla vita interiore deficitaria di dialogo, di silenzio e di riflessione, tutte realtà che oggi appaiono molto difficili da coltivare. Ognuno deve lavorare su se stesso, ma sempre consapevole che vita interiore non è chiusura narcisista. Io mi realizzo nel tu, solo entrando in relazione col tu.

La morte resta sempre il limite invalicabile e inaggirabile. Nessun tecnicismo transumanista può far pensare di prolungare all’indefinito la vita umana, magari segnata da ineludibili penosi risvolti.

Un libretto che fa pensare, questo di Manicardi, scritto con empatia e sguardo di misericordia sugli uomini e le donne del nostro tempo – con uno sguardo di attenzione soprattutto ai più giovani –, alle prese con difficoltà che spiazzano la vita e la traumatizzano, ma che possono diventare occasioni perché tutti divengano ancora più umani.

In Iraq fu trovato un uomo di Neanderthal con un osso rotto ma ricomposto.

Non avrebbe potuto arrivare a 40 anni – pur rimanendo zoppo – se il suo clan non si fosse preso cura di lui, assistendolo e nutrendolo a lungo con compassione e umanità (cf. pp. 26-27).

Ed erano neanderthaliani.

Luciano Manicardi, Fragilità (Simpatetica s.n.), Qiqajon, Bose (BI) 2020, pp. 96, € 10,00, ISBN 978-88-8227-569-3

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi