Matino: le novelle e la Novella

di:

copertinaDon Gennaro Matino è parroco a Napoli e un narratore, traduttore di fiabe popolari del Seicento napoletano. Il cibo e i sentimenti si intrecciano nelle tre storie raccolte nel libro Pinto Smalto e altre fiabe dal Pentamerone, pubblicato da Marietti 1820 (96 pagine, euro 9,50). Tratti da Lo cunto de li cunti di Gianbattista Basile (1566-1632), prima raccolta europea di fiabe popolari, i racconti scritti in “lingua napoletana” erano destinati alla “conversazione” nelle piccole corti partenopee del Seicento, quando le tavole venivano sparecchiate e iniziavano i divertimenti del dopopranzo.

Betta non vuole marito ma, vista l’insistenza del padre, decide di farsene uno con le proprie mani impastando mandorle e zucchero, acqua profumata e muschio, pietre preziose e fili d’oro.

Anche Ciommetiello non vuole prendere moglie, ma quando si ferisce un dito tagliando una ricotta scopre di desiderare ardentemente una donna color del sangue e del latte e spera di trovarla andando in giro per il mondo. Il cibo e i sentimenti si intrecciano nelle tre novelle.

Il libro, introdotto dall’attore e sceneggiatore Enzo Decaro, che ha fatto parte del gruppo teatrale La Smorfia con Massimo Troisi e Lello Arena, si avvale di una nuova traduzione di don Matino. Collaboratore di Repubblica, ha pubblicato con Erri De Luca Mestieri all’aria aperta: pastori e pescatori nell’Antico e nel Nuovo Testamento (Feltrinelli 2004), Almeno 5 (Feltrinelli 2008) e Sottosopra: alture dell’Antico e del Nuovo Testamento (Mondadori 2008). Incuriositi dal traduttore, gli abbiamo rivolto alcune domande.

  • Don Matino, quali difficoltà ha incontrato nel tradurre la lingua napoletana e seicentesca di Basile nell’italiano di oggi?

Le difficoltà sono sia di tipo linguistico che contenutistico e di significato perché il ’600 napoletano è un tempo di grande vivacità culturale ed è conservato nella lingua napoletana, una vera lingua perché ha il suo vocabolario e i suoi autori. È difficile entrare in una lingua che risponde a quel momento, alla descrizione di un tempo che non è più il nostro. Ho dovuto fare insieme una ricerca semantica, ma anche un’inquadratura storica. Molto mi ha aiutato la lettura della traduzione che di quei testi ha fatto Benedetto Croce.

  • Lei è parroco e scrittore. In che modo si accordano queste due vocazioni?

Penso che, comunque sia, un prete è sempre un narratore, uno che di novelle se ne intende. Ovviamente la prima è la “buona novella”, che ha avuto in consegna dal Maestro. Poi impara il metodo dell’annuncio e del racconto ed è per questo che io, parroco e scrittore, mi diverto a fare il narratore.

  • Le tre fiabe di Basile che ha tradotto per il libro di Marietti 1820 intrecciano cibo e sentimenti. La vita sentimentale è forse oggi uno degli ambiti più complessi da osservare, anche dal punto di vista di un prete. Cosa ne pensa?

Penso che in questo caso i sapori si legano insieme con la sapienza. Parlare di cibi e sapori di cucina è un po’ riportare il tempo della convivialità al centro dell’esperienza. Anche se, nel caso specifico delle favole, non sempre si cucina per legare con gli altri, ma per cucinare gli altri e anche se stessi. Cosa che in realtà non è la sapienza, quella vera e profonda, dell’amore. Ecco perché i sentimenti servono per legare non per cucinare. Servono per donarsi più che prendere. E questo vale per ieri e per oggi.

  • Che cos’è Napoli per lei?

È la mia città. Fondamentalmente la vivo come madre e come matrigna. Madre perché la amo. La vivo e la sento e ne avverto l’aria e la carne, ma in certi momenti la percepisco anche come matrigna perché le sue contraddizioni e le frustrazioni di chi la vive sono tali che molto spesso spingono a fuggirla, ad andare altrove. Ma è giusto resistere perché, come lei cambia noi, noi possiamo cambiare lei.

Giambattista Basile, Pinto Smalto e altre fiabe dal Pentamerone, Traduzione di Gennaro Matino, Introduzione di Enzo Decaro, Marietti 1820, Bologna 2019, pp. 96, € 9,50.

Print Friendly, PDF & Email
Tags:

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi