Un Dio umano

di:
un Dio umano

Battista Borsato, Un Dio umano

“Il cristianesimo come ‘movimento non religioso’”, “Una lettura non religiosa della Bibbia”, “Un cristianesimo non religioso”, “I sacramenti: simboli religiosi o laici?”… sono alcuni dei capitoli di cui è composto questo libro. L’autore, don Battista Borsato, presbitero vicentino, è noto ai lettori per aver pubblicato con le EDB alcuni libri di pastorale coniugale e familiare e alcuni testi di catechesi per gli adulti. Questo libro lo possiamo catalogare in quest’ultima categoria.

Nella nostra società i segni e le manifestazioni del sacro sono in crisi evidente. Anche il linguaggio sacrale e la religione pensata come un insieme di atti di culto, di osservanze rituali, di dogmi in cui credere, di precetti da ottemperare sono attraversati dal vento della secolarizzazione. È innegabile che alcuni verbi, un tempo intesi come verbi religiosi e rituali, «diventano verbi esistenziali, sociali, cosmici, laici».

La domanda di fondo è: qual è la vera religione? Guardando Gesù, possiamo affermare che «la vera religione è cambiare il cuore e impegnarsi a costruire un mondo umano». La preghiera e la liturgia risultano allora del tutto inutili? No – risponde l’autore –. Anzi essi sono indispensabili, perché solo con la forza dello Spirito è possibile avere un cuore nuovo per costruire un mondo nuovo.

Si tratta quindi di evitare una religione ridotta a puro culto incapace di soffermarsi sulle ferite della storia e di prendere a cuore i problemi delle persone. Non si può essere veri credenti se non si è attenti a tutto ciò che è umano.

Senza nulla togliere alla preghiera e alla liturgia – conclude l’autore nell’Introduzione – occorre convincersi che «la fede si manifesta principalmente in ciò che si fa per l’uomo».

Queste pagine nascono dalla provocazione di Dietrich Bonhoeffer che parlava di «un cristianesimo non religioso» e di «un vivere davanti a Dio senza Dio».

Nella Postfazione, il teologo Carlo Molari attribuisce l’inefficacia dell’annuncio cristiano al linguaggio (verbale, iconico e rituale) usato dalla Chiesa, oggi diventato incomprensibile per molti.

Occorre inoltre, secondo Molari, «modificare il modo di pensare alla presenza di Dio nella creazione e nella storia». Occorre rifuggire dal «Dio tappabuchi» di bonhoefferiana memoria. Occorre piuttosto – ed è la conclusione della Postfazione – «far crescere la fede in un Dio che non vuole agire al posto dell’uomo. ma che anzi lo invita ad assumere la sua responsabilità nei riguardi della storia e del creato».

Ottime pagine di catechesi per gli adulti.

Battista Borsato, Un Dio umano. Per un cristianesimo non religioso, collana «Fede e annuncio», EDB, Bologna 2016, pp. 144, € 13,00. 9788810203859

Descrizione dell’opera

Dalla prigione in cui era rinchiuso, il teologo Dietrich Bonhoeffer scriveva al suo discepolo e amico Eberhard Bethge parlando di «una lettura non religiosa della Bibbia», di «un cristianesimo non religioso» e di «un vivere davanti a Dio senza Dio». Le sue affermazioni continuano ancora oggi a provocare e interrogare il pensiero teologico e pastorale.

La religione può essere intesa come un insieme di atti di culto, di osservanze rituali o di precetti da ottemperare o di dogmi in cui credere per dare lode a Dio e ottenere la propria salvezza. Ma si dà lode a Dio osservando meticolosamente il culto e le leggi religiose o impegnandosi per la giustizia, lottando perché tutti gli uomini siano uguali in dignità e in opportunità economiche, promuovendo la loro la dignità? In un’omelia del dicembre 1977 il vescovo Óscar Arnulfo Romero affermava: «Una religione di messe domenicali, ma di settimane ingiuste, non piace al Signore, una religione piena di preghiere, ma senza denunciare le ingiustizie non è cristiana».

Gesù è chiamato il samaritano dell’umanità ferita. E il samaritano era nel suo tempo considerato eretico, forse non praticante, ma essendo attento all’uomo, era il vero credente. Nel suo impegno laico egli manifestava la sua fede e l’incontro con Dio. Questo non toglie nulla al valore della preghiera e della liturgia, purché siano luoghi di incoraggiamento a cambiare il cuore e camminare verso il mondo. Perché il fine della liturgia è prendersi cura degli uomini e del mondo. E la fede si manifesta principalmente in ciò che si fa per l’uomo.

Note sull’autore

Battista Borsato è stato parroco ed è direttore emerito dell’Ufficio di pastorale familiare della diocesi di Vicenza. Docente all’Istituto teologico di Monte Berico, è membro della redazione della rivista Matrimonio. Per EDB ha pubblicato: Sposarsi nel Signore. Cammino di riscoperta del sacramento del matrimonio (11a ed., 2009); Nasce un popolo nuovo (2a ed., 2007); Vita di coppia. Linee di spiritualità coniugale e familiare (5a ed., 2003); Immaginare il matrimonio (2a ed., 2000); L’avventura sponsale. Linee di pastorale coniugale e familiare (2a ed., 2006), Il sapore della fede (3a ed., 2012).

Print Friendly, PDF & Email

Un commento

  1. Giorgia Gariboldi 6 ottobre 2016

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi