Il canto liturgico nella Chiesa ortodossa russa

di:

Si è tenuto a Mosca il 2° congresso internazionale di reggenti e cantori della Chiesa russa ortodossa. Il discorso del patriarca Kirill.

Il 24 ottobre scorso il patriarca Kirill di Mosca ha presieduto la cerimonia di apertura del 2° congresso internazionale di reggenti e cantori della Chiesa russa ortodossa, tenutosi nella sala della chiesa cattedrale di Cristo Salvatore. Hanno partecipato musicisti e teologi non solo dalla Russia ma anche da vari paesi a significativa presenza cristiana ortodossa russa.

Nel discorso di apertura il patriarca ha manifestato tutta l’importanza che la musica e il canto rivestono nella liturgia delle chiese ortodosse.

«Il canto della Chiesa è la ricchezza che dobbiamo proteggere e accrescere», con queste parole il patriarca Kirill ha accolto i partecipanti al congresso ricordando l’enorme impatto emotivo che la musica e il canto hanno sui fedeli. La bellezza del canto – secondo il patriarca – accompagna l’adorazione spirituale dei misteri e comunica il senso delle Scritture, ha una potente valenza missionaria.

Chi dirige e canta nella liturgia è in grado di influenzare fortemente i sentimenti “estetici” umani, ossia le sensazioni e le percezioni del divino. Perché «il nucleo della vita cristiana è principalmente nella divina liturgia».

Canto e ministero

Il patriarca ha poi tracciato conseguenze e indicazioni di carattere pastorale, non senza aver ricordato gli ostacoli che, anche in fatto di musica e di canto sacro, la Chiesa di Russia ha vissuto nel lungo tempo di governo sovietico. Una particolare memoria, in tal senso, è stata dedicata al musicista Pavel Chesnokov, citato tra i grandi compositori di musica sacra ortodossa, con Ciajkovskij, Rachmaninov e Taneyev, creatore di opere spirituali di straordinaria bellezza: autore che non ha potuto esprimersi, nel tempo sovietico, secondo le sue grandi potenzialità.

Congresso cantori Chiesa orotodossa russaKirill non ha nascosto i problemi che, da quel passato, affliggono il canto sacro nelle chiese, non tanto nelle grandi cattedrali e nelle principali feste liturgiche a cui partecipa il patriarca, quanto nelle parrocchie e nelle piccole chiese di ogni dove, specie se lontane dai principali centri. «Si canta nei templi sia grandi che piccoli, urbani e rurali».

La costatazione, portata quindi tra le righe del discorso, è che la preparazione è in genere buona dal lato musicale professionale quando sostenuta da un’adeguata retribuzione, ma non altrettanto dal lato della formazione teologica e dell’attitudine all’evangelizzazione di fedeli laici che abbisognano di «catechesi primaria».

La raccomandazione del patriarca ai vescovi e ai sacerdoti in cura d’anime è perciò di garantire un buon servizio non solo nelle cattedrali e nelle grandi circostanze, ma anche nelle parrocchie e nei piccoli centri. Per questo ha dato alcune indicazioni.

Ha innanzi tutto dichiarato una grande considerazione per il compito dei reggenti (responsabili), uomini e donne, coi loro cori, parimenti costituiti da uomini e donne, assimilandolo a un vero e proprio ministero sacerdotale: «quelli che guidano e cantano ricordino che la loro opera ha significato di predicazione di Cristo, un valore che non dovrebbe essere diminuito in alcun modo».

Ha quindi incoraggiato a un maggior impegno di formazione e di organizzazione, sostenuto da un adeguato investimento finanziario, con corsi e scambi di competenze tra figure dei cori maggiori delle chiese dei centri urbani e cori minori delle chiese dei centri rurali. L’obiettivo è giungere a disporre di almeno una o due o tre persone musicalmente preparate e dignitosamente retribuite, oltre che teologicamente formate, in ogni parrocchia, al fine di raggiungere e mantenere livelli consoni alla rilevanza del compito o ministero del canto liturgico. «Sostegno reale e assistenza a reggenti, salmisti e cantori, fanno parte degli impegni fondamentali della Chiesa».

In tempi in cui si levano lamenti sulla poesia e sul canto liturgico, il discorso del patriarca e il congresso dei musicisti ortodossi russi possono forse stimolare nuovi investimenti di interesse e piste di ricerca musicale nella liturgia anche in ambito cattolico.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi