Senza te non cammino

Camminare senza te, Signore, è a vuoto;
la tua parola di fuoco è il mio sentiero;
mi hai incontrato stanco e prigioniero
del deserto, del cardo e del rovo.

Riposa qui con me del cammino,
che in Emmaus c’è grano e granaio,
c’è un poco di vino e una pergola
che ripara il tuo sogno, Pellegrino.

Io con te, Signore, ferito e cieco;
tu con me, Signore, febbricitante,
l’aria quieta, il cuore in fiamme.

E in un dialogo assetato e tormentato
si incontreranno in un medesimo battito,
faccia a faccia, il tuo amore e il mio peccato.

[Inno della Liturgia delle ore latinoamericana]

Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi