Preti: le mie convinzioni

di:

Cara Settimananews,

il vostro osservatorio sulla vita pastorale del prete – prima nell’edizione cartacea e ora in on line – ci tiene attenti da tanti anni, almeno da quando sono diventato prete io stesso (1973). Ho maturato in questi anni alcune convinzioni che direi preliminari ad ogni ipotesi strutturale.

La prima è la vita del prete e la sua attenzione-formazione personale. La Presbyterorum ordinis parlava della vita e del ministero. Stiamo gironzolando per soluzioni comunitarie simili a quelle dei conventi, o altro. Io credo che ognuno di noi debba cercare la sua sistemazione che non potrà prescindere dalla relazione. L’isolamento è la morte della relazione. Ogni relazione utile è benedetta, purché si sappia che “non è bene che il prete sia solo”. La verginità chiama l’amicizia, come mi ha insegnato il padre Amato Dagnino.

La seconda è il passaggio da protagonista unico sulla scena a regista. Lo dico con questo linguaggio teatrale. La riscoperta del sacerdozio battesimale, che è base anche del nostro ministeriale, la piena dignità del cristiano comune dentro la Chiesa e nel mondo, la scoperta che noi preti non siamo e non possiamo essere tuttologi e che i fedeli laici sono più bravi di noi anche nelle cose ecclesiali, ci chiedono di mettere in moto la corresponsabilità.

Quando sento, da parte di qualche prete, giudizi tra l’ironico e il dispregiativo sui fedeli laici… mi pare che non siamo entrati in questa logica di Chiesa, la Chiesa sinodale del concilio. E non vale neppure la proposta di affidare semplicemente a dei laici l’intera responsabilità di una piccola comunità. Anche questi dovranno interfacciarsi con altri, e anche col celebrante prete.

Uno studio tra il sociologico e pastorale su queste collaborazioni e affidamenti in Italia sarebbe un cosa buona. E anche sulle cause della riuscita o dei fallimenti. La povertà di cui parlava A. Matteo nel primo intervento è questo passaggio (conversione) dall’essere noi protagonisti unici della vita ecclesiale (pastorale) alla capacità di comunione non finta con tutti, nell’armonia dei carismi e dei ministeri . I documenti della Chiesa lo dicono da tempo. Ma farci scendere dal piedistallo è dura.

La terza è la purificazione da ogni logica di potere. Noi nasciamo come pastori. Ci è difficile diventare agnelli e, per prendere l’odore delle pecore, occorre che stimiamo la vita e l’esperienza umana e spirituale di ogni persona che incontriamo.

Se scorriamo i siti che tratteggiano la psicologia e gli atteggiamenti delle persone di potere, ci accorgiamo che siamo facilmente contaminati anche noi. È un nuovo modello di Chiesa che stenta proprio a incarnarsi. Anche perché tanta gente ancora ci vuole uomini di potere.

Mariano Piccotti
marianopic@libero.it

Sulla figura del prete, si vedano i tre interventi di don Armando Matteo (cf. Settimananews 4, 10 e 13 giugno 2017) su “Che cosa resta del prete?” e il primo intervento (cf. SettimanaNews 2 luglio) di don Francesco Cosentino.

Print Friendly, PDF & Email
Tags:

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi