L’umana fragilità del prete

di:
prete1

“Urge una risposta ai problemi  sacerdotali”. “Uno scandalo che travolge la Chiesa”. Questi i commenti in seguito al ciclico episodio di cronaca che vede coinvolto un prete.

La verità è che non esistono problemi “sacerdotali” ma problemi umani, che riguardano l’umanità di un uomo uguale in tutto agli altri: nei bisogni, nelle pulsioni, nelle fatiche, negli errori. E non è vero che lo scandalo travolge tutta la Chiesa: ci fa toccare invece con mano la fragilità di un uomo a cui si attribuiscono super poteri e super ideali che non ha e non avrà mai.

Ciò che è veramente scandaloso è che il sistema di gestione della comunità cristiana – sia essa una diocesi, una parrocchia o un movimento – non produca quegli anticorpi necessari a far sì che non esista più l’uomo solo al comando, che i poteri non siano accentrati, che il controllo vicendevole nella carità sia realtà quotidiana.

La teologia, la pastorale e le norme della Chiesa devono far pace con l’umanità dei presbiteri – uguale all’umanità di ogni uomo e di ogni donna – , tener conto della sua fragilità, consegnandola ad una reale custodia reciproca in cui ci si sente tutti fratelli in cammino, chiamati a tutelarsi, custodirsi e, perché no, anche a controllarsi a vicenda.

Fino a quando questo non avverrà saremo ancora schiavi di uno sterile clericalismo, causa di dolori per le comunità e di pesi insopportabili, quanto inconsapevoli, per tanti (o forse tutti) presbiteri.

Print Friendly, PDF & Email
Tags:

2 Commenti

  1. Tiziano Raffaini 22 settembre 2021
  2. Tobia 18 settembre 2021

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi