3 anni del papa figlio del Concilio

di:

Non si deve dimenticare che tutto il novum che stiamo sperimentando, da tre anni a questa parte, era iniziato per colpa del Vaticano II e del suo 50° anniversario. Già quella sera dell’11 ottobre 2012 – nella piazza ammutolita – si era capito che la rievocazione del Concilio metteva papa Benedetto in una condizione nuova e scomoda: in quella notte iniziò il lento cammino che in 4 mesi avrebbe condotto il papa al gesto più conciliare del suo pontificato. Proprio nell’ultimo passo del suo percorso anche lui – padre responsabile e amareggiato del Concilio – si riconosceva figlio e obbediva alla logica conciliare.

Cosi ad un padre del Concilio che riusciva almeno in extremis a ricoscersi figlio, faceva seguito un figlio del Concilio che poteva diventarne Padre e papa.

In questi tre anni abbiamo riconosciuto in questo papa i tipici tratti di un figlio del Concilio. Questo è stato facile per tutti coloro che in 50 anni hanno lentamente assimilato e quasi incubato una tale possibilità. Per gli altri no, non è stato facile. Tutti coloro che hanno sottovalutato o denigrato il Concilio ora sono in crisi. Perché non hanno potuto riconoscere – e ancora non riconoscono – un papa in Francesco né Francesco come papa.

Ma tutto questo è solo presentimento e promessa. Nei prossimi tre anni vedremo le conseguenze e le realizzazioni. Ma per ora ringraziamo per i presentimenti confermati e prendiamo sul serio le promesse che iniziano a realizzarsi. Il Concilio ci ha fatto avere il presentimento di un papa così. Nel riconoscere che questa è diventata una realtà abbiamo visto compiersi un aspetto tutt’altro che secondario del Vaticano II. Ora Francesco nel suo primo triennio ci ha aperto ulteriori prospettive. A questo nuovo presentimento – del quale rendiamo grazie di cuore – lui stesso darà forma e consistenza gia nei primi giorni del suo “secondo triennio”. Al Vescovo di Roma venuto dalla fine del mondo si deve augurare: ad maiora.

Pubblicato il 13 marzo 2016 nel blog: Come se non

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi