6/ Sull’altare dell’egolatria

di:

opzione francesco

Riprendiamo il sesto contributo (giugno 2022) della rubrica «Opzione Francesco», firmata dal teologo Armando Matteo per la rivista Vita Pastorale. Per gentile concessione del direttore, don Antonio Sciortino, la rubrica viene interamente pubblicata su Settimana News.

A questo punto della nostra illustrazione dell’Opzione Francesco, che provoca i credenti ad acquistare una maggiore consapevolezza delle dinamiche antropologiche oggi in atto, a seguito del cambiamento d’epoca, proviamo a tirare una sintesi. E lo facciamo con una domanda: quale risulta essere il tratto maggiormente distintivo dell’umano in questa stagione della storia?

La morte del prossimo

Anche in questo caso ci viene incontro una parola illuminante di papa Francesco: «La creatura umana sembra oggi trovarsi in uno speciale passaggio della propria storia […]. Il tratto emblematico di questo passaggio può essere riconosciuto sinteticamente nel rapido diffondersi di una cultura ossessivamente centrata sulla sovranità dell’uomo – in quanto specie e in quanto individuo – rispetto alla realtà. C’è chi parla persino di egolatria, ossia di un vero e proprio culto dell’io, sul cui altare si sacrifica ogni cosa, compresi gli affetti più cari. Questa prospettiva non è innocua: essa plasma un soggetto che si guarda continuamente allo specchio, sino a diventare incapace di rivolgere gli occhi verso gli altri e il mondo».

Questa considerazione ci invita a prendere consapevolezza del fatto che le nuove condizioni di vita offerte oggi ai cittadini occidentali, i quali come non mai nella storia avvertono potente un sentimento di libertà e di unicità, conducono pure ad un amento del tasso di individualismo e di egoismo che circola tra di noi. Si lascia cioè scorgere, nei pensieri e nei gesti del cittadino comune, una sorta di culto del proprio io, sul cui altare si è appunto disposti a sacrificare pure gli affetti più cari.

Una tale diagnosi ricorda molto da vicino quella offerta, in anni recenti, da altri studiosi del paesaggio contemporaneo. Penso a Colette Soler che denuncia il nocivo diffondersi, nelle società occidentali, di un terribile «narcinismo»; oppure a Luigi Zoja che ha dato alle stampe un piccolo ma acuto saggio intitolato La morte del prossimo. Ci comportiamo, insomma, come se l’altro e gli altri nulla avessero a che fare con il pieno raggiungimento della nostra umanità. Avanza, pertanto, l’illusione di poter semplicemente bastare a noi stessi per una vita piena, compiuta, umana.

Coltivata (e remunerativa) egolatria

Già questa prima sintesi intorno agli effetti complessivi del cambiamento d’epoca ci apre alla seconda grande istanza che abita l’Opzione Francesco: quella che riguarda il destino della religione cristiana sotto tali condizioni socioculturali davvero inedite ed inaudite. Ad essa presteremo attenzione nei prossimi interventi della rubrica.

Non possiamo, tuttavia, non sottolineare l’influsso decisivo che nella attuale deriva egolatrica dell’umano esercita il sistema economico imperante. Si tratta di un sistema che agisce sempre di più facendo leva non solo su ciò che deve vendere ma anche su chi deve acquistare ciò che esso vende.

E su questo livello avalla generosamente – grazie alla cultura di massa e al grande impero della pubblicità – modelli antropologici fortemente individualistici ed egoistici. Più il consumatore è convito dell’unicità e preziosità di sé stesso, più sarà disponibile ad acquistare per sé stesso cose utili, inutili e perfino nocive! L’egolatria, insomma, fa girare – e molto – il denaro.

 

Print Friendly, PDF & Email

Un commento

  1. Fabio Cittadini 24 giugno 2022

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi