I fischi al papa… portano male

di:

salvini

La vociante folla di Milano raccolta attorno al capopopolo Matteo Salvini (19 maggio) ha confermato le posizioni del leader della Lega con ripetuti fischi e ululati contro papa Francesco. Liberi fischi in libera piazza.

Ma un minimo di memoria storica avrebbe spento i petti gonfi di entusiasmo. Nel 1917 sulle piazze francesi e tedesche (e italiane) si irrideva alla lettera di Benedetto XV ai capi dei popoli belligeranti qualificando la guerra come «inutile strage» e «suicidio dell’Europa». Si gridava contro il pape-boche (papa crucco) e der französische Papst (papa parigino).

Nel 1938 le folle romane inneggiavano al Führer e al duce. Papa Pio XI commentava: «tristi cose, molto tristi, e da lontano e da vicino a noi; molto tristi cose; come il fatto di inalberare a Roma le insegne di un’altra croce, che non è la croce di Cristo». Sappiamo il seguito.

Nel 1983 a Managua il papa Giovanni Paolo II fu fischiato dalla folla per le sue critiche al potere rivoluzionario. Pur dando per scontato la scarsa comprensione di Wojtyla per il socialismo latino-americano e le sue ragioni, quel dissenso mostrò il filone ideologico e settario che avrebbe svuotato dall’interno l’utopia rivoluzionaria.

Il rosario esibito come un trofeo in piazza duomo a Milano non è certo quello di Maria, Madre della Chiesa, ma ha trovato consenso negli ululati. Dando consistenza all’invito di uno dei burattinai di questa stagione, il consigliere trumpiano e salviniano Steve Bannon,  che in una intervista a The Spectator (dicembre 2018) invitava i populisti al disprezzo per papa Francesco.

I fischi svuotano i polmoni. Talora anche i cervelli e i cuori.

Print Friendly, PDF & Email
Tags:

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi