I fischi al papa… portano male

di:

salvini

La vociante folla di Milano raccolta attorno al capopopolo Matteo Salvini (19 maggio) ha confermato le posizioni del leader della Lega con ripetuti fischi e ululati contro papa Francesco. Liberi fischi in libera piazza.

Ma un minimo di memoria storica avrebbe spento i petti gonfi di entusiasmo. Nel 1917 sulle piazze francesi e tedesche (e italiane) si irrideva alla lettera di Benedetto XV ai capi dei popoli belligeranti qualificando la guerra come «inutile strage» e «suicidio dell’Europa». Si gridava contro il pape-boche (papa crucco) e der französische Papst (papa parigino).

Nel 1938 le folle romane inneggiavano al Führer e al duce. Papa Pio XI commentava: «tristi cose, molto tristi, e da lontano e da vicino a noi; molto tristi cose; come il fatto di inalberare a Roma le insegne di un’altra croce, che non è la croce di Cristo». Sappiamo il seguito.

Nel 1983 a Managua il papa Giovanni Paolo II fu fischiato dalla folla per le sue critiche al potere rivoluzionario. Pur dando per scontato la scarsa comprensione di Wojtyla per il socialismo latino-americano e le sue ragioni, quel dissenso mostrò il filone ideologico e settario che avrebbe svuotato dall’interno l’utopia rivoluzionaria.

Il rosario esibito come un trofeo in piazza duomo a Milano non è certo quello di Maria, Madre della Chiesa, ma ha trovato consenso negli ululati. Dando consistenza all’invito di uno dei burattinai di questa stagione, il consigliere trumpiano e salviniano Steve Bannon,  che in una intervista a The Spectator (dicembre 2018) invitava i populisti al disprezzo per papa Francesco.

I fischi svuotano i polmoni. Talora anche i cervelli e i cuori.

Print Friendly, PDF & Email
Tags:

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi