24 ore e 1000 generazioni

di:

Fra il 4 e il 5 marzo, venerdì e sabato precedenti alla IV domenica di Quaresima, si dà corso alle «24 ore per il Signore» con l’apertura delle cattedrali o di altre chiese disponibili alla confessione. Un iniziativa nata tre anni fa e che, nel contesto dell’anno giubilare, illumina il senso e l’urgenza della confessione sacramentale come luogo prezioso dell’esperienza della misericordia di Dio. Oltre al dato sostanziale vi è l’elemento curioso delle 24 ore. La scansione frenetica del tempo è proprio dell’età moderna e i processi di globalizzazione hanno fatto esplodere il “presentismo”, il “tempo reale”. Nella scrittura i riferimenti alle singole ore del giorno sono rari e molto pensati, come in Giovanni o nella parabola degli operai mandati nella vigna (Mt 20,1-16). La plausibilità pastorale del richiamo alle «nostre» 24 ore è in realtà il richiamo ad un «altro» tempo, quella della misericordia di Dio, che Es 34, 5-7 così esprime: «Allora il Signore scese nella nube, si fermò presso di lui (Mosè) e proclamò il nome del Signore. Il Signore passò davanti a lui, proclamando: “Il Signore, il Signore, Dio misericordioso e pietoso, lento all’ira e ricco di amore e di fedeltà, che conserva il suo amore per mille generazioni, che perdona la colpa, la trasgressione e il peccato”».

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi