Spagna: bando alle terapie anti-omosessuali

di:

È arrivato perentorio il documento del Vaticano contro l’attività terapeutica di Verdad y libertad, un ente che, dal 2013, opera per “guarire” l’omosessualità. Porta la firma del card. Beniamino Stella, fino a poco tempo fa a capo della Congregazione del clero.

In un lungo servizio, molto bene documentato, Miguel Angel Malavia e José Beltran, sul settimanale spagnolo Vida Nueva (10-16 luglio), ricordano che l’avvio delle terapie anti-omosessualità ebbe inizio a Granada ad opera del pediatra Miguel Angel Sanchez Cordon, coadiuvato da un giovane, Alberto Pérez, che si sottopose al processo di conversione. Furono attratti dalle idee dell’americano Richard Cohen, che diede impulso alla Fondazione internazionale di cura, convinto che la “ferita” dell’omosessuale possa essere cicatrizzata. Nel 2012 Cohen visitò la Spagna, tenendo conferenze e animando discussioni.

Alle cure terapeutiche, sponsorizzate anche da alcuni vescovi, si sottoposero preti secolari, religiosi e laici.

Un documentato dossier fu presentato all’assemblea plenaria della Conferenza episcopale spagnola tra il 17 e il 23 aprile 2021. Roma chiedeva ai vescovi di non assecondare, partecipare e raccomandare i trattamenti che si eseguivano in Verdad y libertad.

Mai, comunque, la Conferenza episcopale spagnola si era pronunciata autorizzando l’istituzione. Mai fu detto esplicitamente che si trattava di un’attività della Chiesa, biasimando invece che si fregiasse dell’appellativo di cattolica.

Di fatto, seminari, congregazioni, movimenti e parrocchie vi hanno fatto ricorso in questi anni, inviando candidati disposti a “curare” la loro omosessualità. Risponde al vero che anche un vescovo si sia sottoposto al cammino di cura.

trattamenti anti-omosessuali

Già nel 2019, la Congregazione romana si era interessata dei trattamenti anti-omosessuali, mettendo in guardia i vescovi perché sacerdoti e seminaristi non partecipassero a simili terapie di “ricostruzione affettiva”.

L’autore di un dossier assai documentato ne parlò ai vescovi, portando i casi di sei consacrati, che subirono danni a causa dei trattamenti. I vescovi nella stragrande maggioranza approvarono il dossier del religioso, criticando seriamente l’itinerario di “conversione”, che contemplava preghiere, meditazioni, giaculatorie del tipo “Dio non vi ha fatti così”.

Che cosa ha spinto il Vaticano a opporsi tassativamente a queste terapie?

Certamente il fatto che l’itinerario base di 270 giorni si svolgesse sotto un controllo diretto e ferreo di Sanchez Cordon, onnipresente. I ritiri di sanazione comportavano anche la celebrazione dell’eucaristia e azioni per mettere in evidenza la propria mascolinità, come contemplarsi nudi allo specchio. Impressiona il culto riservato al leader, ritenuto un santo vivente. Gli si diceva: «Hai un carisma che ti concede tutto». Chi non lo riteneva tale e si esprimeva criticamente, veniva espulso. Il dottore gli gridava: «Lo faccio per il tuo bene. È il Signore che me lo chiede».

Osservano gli autori di Vida Nueva che è impossibile fornire una cifra approssimativa di quanti sono ricorsi alle terapie anti-omosessualità in questi dieci anni di attività. Si parla comunque di circa 600 persone.

L’articolo 16 – “Proibizione di terapie di conversione” – della bozza di progetto della legge per l’uguaglianza reale ed effettiva delle persone trans e per la tutela dei diritti LGTB, elaborata dai ministeri spagnoli di Uguaglianza e Giustizia, ha dato luce verde lo scorso 29 giugno. Dice: «Si proibisce la pratica di metodi, programmi e terapie di avversione, conversione o contro-condizionamento, in qualsiasi forma, destinati a modificare l’orientamento o identità sessuale o l’espressione di genere delle persone, anche se hanno il consenso delle persone interessate o dei loro rappresentanti legali». Viene esplicitamente detto che tali azioni saranno sanzionate a partire da 10.001 fino a 150.000 euro.

Alberto Pérez, cofondatore di Verdad y libertad, ha confidato a Vida Nueva: «Sono stato io ad insegnare a Miguel Angel Sanchez Cordon le tecniche di spogliarsi davanti a un gruppo o abbracciarsi nudi, che lui poi applicò e sviluppò su vasta scala con più persone».

Ora Pérez è direttore del Gabinete Coaching Y Psicologia nelle Canarie. Gli hanno chiesto: «L’omosessualità si cura?». «No, perché l’omosessualità non è una malattia. L’amore non conosce dogmatismi né quadrature».

Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail

3 Commenti

  1. Tobia 26 luglio 2021
  2. Sandro Cominardi 25 luglio 2021
  3. Pietro 25 luglio 2021

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi