Incognite post elettorali

di:

incognite

Le elezioni di domenica scorsa dovevano dare delle risposte e invece hanno aperto delle nuove domande. Quella che rimbalza più di frequente in questi giorni sulla stampa riguarda l’identità del PD, che esce da questo voto sconfitto e confuso.

I problemi del PD

Sui risultati deludenti hanno pesato certamente degli errori a livello tattico, ascrivibili all’incapacità, da parte di Enrico Letta, di gestire saggiamente i rapporti con gli altri partiti della sinistra – primo fra tutti i 5stelle –, dando luogo così a un suicidio elettorale largamente annunciato.

Tutti però si stanno rendendo conto che c’è, a monte, un problema di ordine strategico, che non si può risolvere con le dimissioni del segretario e che non riguarda le occasionali alleanze elettorali, ma l’identità stessa del partito.

Sta di fatto che da tempo, ormai, il soggetto politico che sulla carta avrebbe dovuto essere il portavoce delle fasce più deboli e svantaggiate della popolazione, lo strenuo sostenitore della lotta contro tutti i privilegi e le ingiustizie sociali, sembra avere ripiegato su altre battaglie. Battaglie come quella relativa alla questione del gender e del fine vita, che appassionano i salotti borghesi, ma non interessano affatto i 5 milioni e mezzo di persone che versano in una condizione di povertà assoluta e lasciano abbastanza indifferenti anche quelle ampie fasce di lavoratori che vedono sempre più minacciato il loro tenore di vita dal rincaro delle bollette e dalla crescente inflazione.

Per questo, contrariamente alle miopi previsioni del gruppo dirigente dem, che credeva di poter assorbire il voto dei 5stelle, Conte ha potuto operare in extremis una forte rimonta proprio puntando sul disagio sociale ed economico di larghe frange della popolazione, soprattutto del sud, che vedono nel reddito di cittadinanza un salvagente, discutibile quanto si vuole, ma concreto, che permette alle famiglie di arrivare alla fine del mese. Da qui la netta percezione che la vera sinistra non sia più rappresentata dal PD.

Possibili prospettive

C’è chi trae da questa situazione un’indicazione positiva per il futuro del partito e vede in un suo spostamento verso il centro – attualmente occupato da Calenda e Renzi – una prospettiva da prendere in serio esame. Ciò naturalmente comporterebbe una rottura dell’alleanza con «Sinistra italiana» di Fratoianni, che sinora ha rappresentato la copertura a sinistra della politica dei dem.

Al tempo stesso, però, c’è un’anima del partito democratico che continua a coltivare, astrattamente, la nostalgia di un ritorno alle lotte sociali e che spera – magari riprendendo il dialogo con i 5stelle – di riportare il PD a sottolineare almeno alcuni aspetti della sua originaria anima socialista e di rappresentare adeguatamente una versione non populista della sinistra.

Una soluzione che dovrebbe però comportare una vera e propria rifondazione del partito, con un profondo rinnovamento del suo stile pratico, riportando i suoi dirigenti di nuovo a quel contatto diretto con la gente, nelle piazze e nelle fabbriche, che in questa campagna elettorale è stato piuttosto caratteristico di Conte e dei leader della destra.

Però la vera rifondazione del partito democratico dovrebbe riguardare, ancora più a monte, la sua identità culturale. Era nato come alleanza tra socialisti e cattolici progressisti, ma in questi anni si è sempre più ritrovato, in sostanza, ad essere il continuatore del partito radicale (significativa l’alleanza con la Bonino) nel sostenere innanzitutto le battaglie per i diritti civili individuali, lasciando decisamente in secondo piano quelle per i diritti sociali.

Una linea che non è né socialista (Marx, a proposito dell’enfasi su questi diritti, parlava di «robinsonate», in riferimento al celebre personaggio di Defoe, che si costruisce da solo la sua vita in un’isola deserta), né cattolica (l’insegnamento sociale della Chiesa collega inscindibilmente i diritti delle persone alle loro responsabilità verso gli altri e verso il bene comune). Siamo nella logica del liberalismo neocapitalistico, a cui peraltro si ispira oggi l’Unione Europea.

È il primato del single, che in realtà non riguarda solo l’aborto e il matrimonio omosessuale, ma tutti i rapporti sociali ed economici, escludendo che essi debbano esser regolati in funzione di una dimensione etica comunitaria che supera gli interessi degli individui. Su questa linea di fatto si muove il PD.

Centro o sinistra?

A questo punto bisogna dire chiaro che si fa questa scelta, smettendola di definirsi «di sinistra», e puntare sul centro neo-liberale, in cui sarebbe possibile unirsi non solo con Calenda e Renzi, ma forse anche con Forza Italia, che dell’inviolabilità dei diritti individuali è sempre stata accanita sostenitrice (specialmente in materia di tasse). Rinunziando una buona volta a parlare di giustizia sociale e di uguaglianza, parole che mettono paura alla borghesia benestante e la spingono verso la destra. Non avere il coraggio di fare questo passo significa restare in un limbo che, a livello elettorale, diventa isolamento.

Oppure si potrebbe ipotizzare una presa di coscienza che porti a riscoprire il carattere anticamente rivoluzionario (in senso culturale) del partito e di ciò che si intende per «sinistra», riportando l’asse ideologico sulla linea di battaglie a favore non solo dei migranti – l’unico residuo, nel programma del PD, della scelta per i più poveri –, ma di tutti gli sfruttati e gli emarginati della nostra società, magari non nella prospettiva assistenziale del reddito di cittadinanza, ma in quello di una seria redistribuzione della ricchezza e della creazione di posti di lavoro.

Ci sono le condizioni, nel nostro Paese, per il successo di una simile svolta? Si potrebbe sperare che, con essa, il malessere sociale, espresso nel diffuso clima di populismo e dominante in queste elezioni come nelle precedenti, possa essere convogliato su obiettivi più adeguati da una vera sinistra? Difficile dirlo. In ogni caso, è una scommessa che deve fare, se lo vuole, il gruppo dirigente del PD.

Sul fronte dei vincitori

Alle incognite insite nella crisi degli sconfitti di queste elezioni fanno riscontro quelle presenti nel fronte dei vincitori. L’indiscusso successo di Fratelli d’Italia e di Giorgia Meloni non deve illudere. Già nel 2018 c’erano stati nuovi partiti emergenti vincitori e vecchi partiti vinti, anzi in misura ancora più eclatante: i 5stelle avevano avuto, a sorpresa, il 32%, a fronte di cui il 26% dei Fratelli appare tutto sommato un risultato molto buono, ma non certo eclatante.

E dopo le elezioni del 2018, l’alleanza tra Di Maio e Salvini, salutato trionfalmente dal primo come una svolta storica, garantiva ai loro partiti sulla carta una maggioranza parlamentare schiacciante, che sembrava destinata a durare senza problemi fino al 2023. Sappiamo tutti com’è andata.

Il problema che allora si presentò fu la necessità del nuovo partito emergente, i 5stelle, di governare con uno, la Lega, che era espressione di un passato che si voleva superare, di cui, come alleato di Berlusconi, era stato largamente artefice. Ora si è ricreata la stessa situazione. Per un meccanismo elettorale assurdo e per le divisioni, alle urne, tra i suoi avversari di sinistra, la Lega, malgrado la batosta elettorale, conserva in Parlamento un peso sproporzionato al consenso ricevuto.

Con soli 2,4 milioni di voti, il partito di Matteo Salvini porta 29 persone al Senato e 67 alla Camera, una cifra impressionante se paragonata alle preferenze ottenute (si pensi che nonostante oltre 5,3 milioni di preferenze, il PD entra con soli 40 rappresentanti al Senato e con 69 alla Camera e che con 4,3 milioni di preferenze il partito guidato da Giuseppe Conte avrà 28 seggi al Senato e 52 alla Camera). A confronto, anche Fratelli d’Italia risulta penalizzato: con il triplo di voti della lega – 7,3 milioni –, ha solo il doppio dei rappresentanti – 66 senatori e 119 deputati. Scherzi della democrazia, quando è gestita male…

È vero che Giorgia Meloni può contare sugli altri due alleati della coalizione di destra, Forza Italia (che, con solo 2,2 milioni di voti, è riuscito a portare 18 persone al Senato e 44 persone alla Camera) e Noi Moderati (che con 255 mila voti porta 1 persona al Senato e 7 alla Camera.). Ma, tenendo conto che il Senato è composto da 200 membri e la Camera da 400, i rappresentanti della Lega sono fondamentali per dare al governo di destra la maggioranza assoluta.

Prospettive molto diverse

Su questo sfondo si gioca il confronto tra le posizioni, in realtà abbastanza diverse, della Meloni e di Salvini, nella formazione del prossimo governo. A cominciare dal ruolo che quest’ultimo rivendica come ministro degli Interni e che la leader di Fratelli d’Italia sembra molto restia a conferirgli. Al di là di questo contrasto particolare, il problema è quello della coesistenza di due forti personalità.

Sappiamo tutti che il leader della Lega tende irresistibilmente a tracimare rispetto al suo ruolo istituzionale. Con Conte lo ha potuto fare in modo incontrastato, assumendo di fatto le redini del governo. Giorgia Meloni non sembra disposta ad avere questo ruolo passivo, anzi pressa per una riforma della Costituzione che, introducendo il regime presidenziale, le consentirebbe di essere eletta con pieni poteri o quasi (quelli che voleva Salvini quando fece cadere il governo Conte).

Non è solo una questione di poltrone e di personalità. Ci sono in gioco due prospettive molto diverse. Per Salvini è importante l’autonomia regionale (del Nord) e vuole che al primo punto dell’ordine del giorno ci sia questa riforma. Giorgia Meloni viene da una formazione che privilegia il ruolo dello Stato unitario. Salvini vuole la flat tax senza riserve, la Meloni solo per la parte di reddito eccedente rispetto a quanto dichiarato l’anno prima.

Salvini ha un passato di amicizia con Putin che lo rende inaffidabile agli occhi della Nato, ed è portato – lo sappiamo già dalla sua precedente esperienza e ne abbiamo oggi la conferma – allo scontro aperto con l’Europa; la Meloni, pur essendo vicina a Orban, ha assunto un atteggiamento molto più cauto e diplomatico su entrambi i fronti.

Dicevo che queste elezioni hanno creato più interrogativi sul futuro che risposte. In questo momento delicatissimo dal punto di vista economico e sociale – per il nostro Pese e per tutta l’Europa – è urgente che, almeno alcune, vengano date. Nella speranza che chi ha il compito di farlo guardi veramente al bene comune piuttosto che a unilaterali giochi di potere.

  • Dal sito della pastorale per la cultura della diocesi di Palermo (www.tuttavia.eu), 30 ottobre 2022.
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi