In ricordo di Eberhard Jüngel

di:

jungel1

È morto all’età di 86 anni Eberhard Jüngel, una delle figure maggiori della teologia evangelica non solo tedesca, ma anche europea e globale. Il suo Dio mistero del mondo è diventato molto rapidamente un classico della letteratura teologica.

Colto, amante del bello, pungente – è stato fino in fondo un teologo classico, ma capace di dialogo e critica con le istanze della modernità (e molto distante dalle istanze – vaporose, diceva – della ragione post-moderna). Tübingen è stata la sua casa accademica e personale, qui ha retto per 18 anni l’Evangelisches Stift – un collegio della Chiesa evangelica del Baden-Württemberg per studenti di teologia in vista del ministero di pastori o dell’insegnamento della religione nelle scuole.

Fu un critico pungente della Dichiarazione congiunta sulla dottrina della giustificazione firmata dalla Federazione luterana mondiale e dal Pontificio consiglio per il dialogo ecumenico.

Dio è un mistero pubblico – affermava, e trovava felice l’intuizione del card. Martini secondo la quale la dimensione pubblica propria della Chiesa è quella della celebrazione liturgica. Lo ricordiamo con affetto e simpatia, e avremo occasione di approfondire ulteriormente la sua figura e il lascito che consegna all’intelligenza della fede cristiana.

Print Friendly, PDF & Email
Tags:

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi