Georges Perec, La cosa

di:
copertinaDescrizione

Questo testo risale al 1967, anno in cui Perec entra a far parte dell’OuLiPo, l’opificio di letteratura potenziale, con Raymond Queneau, Jacques Roubaud e Italo Calvino.

La forza di rottura che il free jazz – o new thing – porta nello stallo e nella stagnazione che seguono la morte di Charlie Parker, consente all’autore di chiarire questioni che riguardano soprattutto i problemi della scrittura.

Il contributo di Perec – osserva Paolo Fabbri – potrebbe smussare il duro giudizio sull’esoterismo delle avanguardie pronunciato dal grande storico del Novecento Eric J. Hobsbawm, secondo il quale il jazz e il cinema, più del cubismo e delle ricerche musicali dotte, hanno rappresentato le esperienze estetiche più ricche di senso per gli uomini del XX secolo.

Sommario

La cosa.  Nota di lettura. Un gioco esemplare di vincoli e libertà (P. Fabbri).

Note sull’autore e sul prefatore

Georges Perec (1936-1982), scrittore francese, si impone con il primo romanzo Le cose e nel 1967 entra a far parte dell’OuLiPo divenendone ben presto figura di spicco. La sua opera principale è La vita, istruzioni per l’uso, nella quale descrive in modo metodico, tra ironia e pessimismo, le persone e le cose presenti e passate di un caseggiato parigino.

Paolo Fabbri, semiologo, ha collaborato per molti anni con Algirdas J. Greimas a Parigi e con Umberto Eco a Bologna. Ha insegnato nelle Università di Firenze, Urbino, Palermo, Bologna e in molti atenei europei e americani. È stato direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Parigi.

Georges Perec, La cosa, Nota di Lettura di Paolo Fabbri, EDB, Bologna 2018, pp. 48, € 6,50. 9788810567807

Print Friendly, PDF & Email
Tags:

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi