Le mani vuote. Ricchezza e povertà nel Vangelo di Luca

di:

Il docente di NT della FTIS pubblica dieci contributi nati come rubrica per la rivista Mondo e missione, nell’anno 2014. Le riflessioni si concentrano sul tema della ricchezza e quello dei poveri nel vangelo di Luca (con una puntata sulla pagina della comunione dei beni in At 2). Dal Magnificat si passa alle beatitudini e ai “guai” tipici di Luca, dalla parabola del ricco stolto all’esortazione a dare senza contraccambio. I pericoli della ricchezza sono ben descritti e sintetizzati dalla messa in guardia dall’impossibilità di servire Dio e l’idolo Mammona. La parabola di Lazzaro, del ricco e di Abramo è accostata a quella dell’uomo ricco e al bellissimo quadro dell’incontro di Gesù con Zaccheo. L’offerta della vedova, lodata da Gesù, è l’ultima immagine con la quale Gesù prefigura la sua personale offerta al Padre nella passione e morte. Dalle riflessioni emergono fondamentalmente tre dinamiche. La prima è la logica del capovolgimento, per cui il potente conoscerà l’abbassamento, mentre l’umile sarà innalzato. La seconda illustra il potere negativo della ricchezza e si domanda come si realizzi la salvezza del ricco. La terza è legata alla figura reale e paradigmatica del banchetto.  Da occasione d’incontro di un élite di intellettuali esso diventa in Luca un banchetto in cui sono presenti i poveri, con un vero e proprio capovolgimento dei ruoli.

Matteo Crimella, Le mani vuote. Ricchezza e povertà nel Vangelo di Luca (Collana Meditazioni s.n.), EDB, Bologna 2016, pp. 80, €7,00, 978881080900.

Acquista Le mani vuote. Ricchezza e povertà nel Vangelo di Luca

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi