Cure palliative: un “Libro Bianco”

di:

cure palliative libro bianco

La Pontificia accademia per la vita ha realizzato diversi congressi in varie parti del mondo per promuovere le cure palliative: in India con la partnership della Catholic Health Association of India; negli USA, con il supporto del Texas Medical Center di Houston; lo scorso febbraio a Milano, presso l’Istituto nazionale dei tumori; a maggio a Berlino durante il convegno EAPC (European Association for Palliative Care); in Brasile nel maggio 2019, con la collaborazione degli episcopati dell’America Latina; a fine settembre 2019 in Ruanda per affrontare il tema nel continente africano.

Dal 2015 – quando Papa Francesco impegnò la Pontificia accademia sul tema in questione – è stato avviato uno specifico progetto e un gruppo di lavoro, su impulso del presidente della Pontificia accademia, mons. Vincenzo Paglia.

In particolare, un gruppo di 14 esperti internazionalmente riconosciuti ha messo a punto il testo del White Book for Global Palliative Care Advocacy, che costituisce un documento per la diffusione delle cure palliative, con raccomandazioni operative rivolte a tutti i soggetti che sono a vario titolo coinvolti nelle cure palliative a livello globale. Edito in inglese, il White Book è tradotto in tedesco e italiano. Ed è stato inviato alle Università e agli ospedali cattolici nel mondo.

Il testo contiene le raccomandazioni messe a punto dagli esperti e rivolte a 13 gruppi di stakeholders – cioè interlocutori/operatori significativi: dai politici alle associazioni mediche nazionali, dai farmacisti ai media, dalle università alle organizzazioni dei pazienti, con suggerimenti concreti su come «implementare» la conoscenza e la diffusione di una «cultura delle cure palliative».

E le cure palliative sono un tema di rilievo non solo in campo medico ma anche per le religioni.

Lo scorso 28 ottobre in Vaticano è stata sottoscritta una Dichiarazione Congiunta delle religioni monoteiste abramitiche sulle problematiche del fine-vita: No all’eutanasia, Sì alle cure palliative, alla presenza di rappresentanti delle religioni ebraica, musulmana e cristiana nelle diverse declinazioni.

È importante ricordare – e la Dichiarazione lo ribadisce con forza – che eutanasia o suicidio assistito non sono compatibili e “integrabili” in nessun modo nelle cure palliative! Insieme abbiamo consegnato la Dichiarazione sottoscritta a papa Francesco, che ha molto apprezzato la ricerca condivisa, nel dialogo e nel reciproco aiuto, di percorsi comuni a servizio delle persone che vivono la fragilità e la malattia.

Le tre religioni abramitiche offrono la possibilità di inscrivere il momento sempre oscuro e minaccioso della morte all’interno di una relazione con Dio verso un’esistenza che non conosce termine.

L’11 e 12 dicembre, inoltre, la Pontificia accademia per la vita ha realizzato un congresso internazionale con Wish (World Innovation Summit for Health), un’emanazione della Qater Foundation, per promuovere un confronto internazionale e tra le diverse religioni sulla tematica.

Il “Libro Bianco” in italiano si può richiedere alla Pontificia accademia per la vita in formato cartaceo o scaricare in pdf dal sito.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi