India: Modi denuncia i linciaggi contro le minoranze

di: Umar Manzoor Shah

Il primo ministro indiano Narendra Modi ha condannato gli atti di violenza commessi contro le minoranze nel paese, anche se non sono mancate le critiche per l’intervento tardivo. In un’intervista a Times of India, Modi ha detto che i governi statali dovrebbero prendere provvedimenti per controllare la violenza di massa e proteggere i cittadini innocenti, di qualsiasi appartenenza.

«Voglio chiarire che il linciaggio di massa è un crimine, qualsiasi sia il movente: nessuno, in nessuna circostanza, può prendere la legge nelle sue mani e commettere violenza», ha detto Modi nell’intervista, pubblicata l’11 agosto, a quattro giorni dalla festa dell’indipendenza dell’India. «Mi aspetto anche che tutti – la società, la gente in generale, i funzionari governativi e i partiti politici – sentano loro dovere combattere questa minaccia».

Narendra Modi è a capo del partito nazionalista indù Bharatiya Janata Party (BJP). Questa è la sua prima condanna delle violenze commesse contro i gruppi di minoranza in India da quando è salito al potere nel maggio del 2014.

I critici del governo ritengono tuttavia che l’intervento di Modi sia tardivo. Il giornalista televisivo Rajdeep Sardesai ha messo in discussione il modo in cui l’intervista è stata raccolta. «Mi chiedevo perché non ci fossero domande più mirate, poi ho visto che si trattava di un’intervista via email. Sembra sia stata scritta da qualche burocrate o da un membro dello staff! Credo sia il “nuovo” stile di comunicazione politica e media marketing!», ha scritto su Twitter. Modi è stato «silenzioso negli ultimi quattro anni quando i musulmani e i dalit sono stati attaccati da gruppi fanatici in pieno giorno e uccisi senza pietà», ha affermato Saurbh Kumar, commentatore politico dell’Uttar Pradesh. Molte vite si sarebbero potute salvare se avesse denunciato prima e avesse chiesto a funzionari e ministri di agire contro i trasgressori della legge.

Altri hanno accolto l’intervista con minore cinismo. «Meglio tardi che mai», ha affermato Showkat Ali, attivista per i diritti civili a Nuova Delhi. «Siamo fiduciosi che quanto Modi ha detto verrà messo in pratica, in modo che non si verifichi in nessuna parte del paese nessun nuovo episodio di linciaggio contro i dalit e i musulmani».

Secondo una recente inchiesta, tra gennaio 2017 e luglio 2018 la violenza di massa in India ha ucciso oltre trenta persone e ne ha ferite un centinaio. I musulmani sono stati l’obiettivo di oltre la metà di tali episodi violenti. L’inchiesta segnala inoltre che la quasi totalità delle violenze di massa si sono registrate dopo che il governo di Modi è salito al potere.

La maggior parte dei linciaggi è stata motivata con l’accusa del commercio di mucche da macello o del trasporto o conservazione di carne bovina. Per gli indù ortodossi le mucche sono sacre e il loro macello è bandito nella maggior parte degli stati indiani. Dopo che il partito di Modi ha assunto il potere, i nazionalisti indù hanno utilizzato il divieto per giustificare queste forme di linciaggio pubblico rivolte contro le minoranze religiose, in particolare quella musulmana.

Pubblicato su ucanews.com il 15 agosto 2018.

Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi