La modernità dei Talebani

di:
origini

Il portavoce dei Talebani Zabihullah Mujahid

Quando i media parlano della brutalità dei talebani, delle lapidazioni, delle fustigazioni e delle mutilazioni, parlano spesso di un “islam dell’età della pietra”. A parte l’assurdità basilare del termine (l’islam è nato nel VII secolo), è anche fuorviante in termini di studi religiosi.

I Talebani non sono usciti da una macchina del tempo, ma sono profondamente radicati nell’ambiente fondamentalista dell’islam indo-pakistano. Le loro origini vanno cercate nel distretto ortodosso di Deoband, città di uno stato settentrionale dell’India – l’Uttar Pradesh.

Religione e liberazione

Il distretto fu fondato nel 1866, pochi anni dopo che gli inglesi avevano represso la grande rivolta contro il loro dominio coloniale. L’obiettivo era un movimento di rinascita religiosa per aiutare l’islam a riprendere forza e cacciare gli infedeli dal paese.

I Deobandi attribuivano la loro inferiorità al fatto che i musulmani non seguivano abbastanza rigorosamente le leggi islamiche e avevano dimenticato le loro “radici”. Pertanto, si sforzarono di purificare l’islam sunnita da tutte le innovazioni “illecite” e dalle influenze occidentali. Solo gli insegnamenti e le istruzioni letterali del Corano, insieme alle tradizioni (hadiths) delle parole e delle azioni del profeta Maometto, dovevano essere i principi guida.

Il risultato fu un islam dogmatico della Sharia, che rifiutava tutte le manifestazioni di pietà popolare come la venerazione dei santi, le rappresentazioni pittoriche, la musica e la danza. Tutto ciò che può distrarre dall’adorazione dell’Onnipotente Allah è considerato un peccato.

E questo peccato ha una dimora principale: le donne. La velatura rigorosa, la segregazione di genere e la limitazione della libertà di movimento della donna sono destinate a proteggere il musulmano devoto dalla sua seduzione diabolica, ma anche a proteggere l'”onore” della donna stessa.

L’influenza della scuola di Deoband nell’Asia meridionale

In generale, ai Deobandi non mancano rappresentazioni di nemici. Oltre ai cristiani e agli indù, anche gli sciiti e gli ahmadi sono considerati infedeli – sebbene questi si considerino musulmani. Alla fine, i deobandi differiscono solo nelle sfumature dai salafiti e dai wahhabiti sauditi – sostenitori di lunga data dei talebani. Essi sottolineano ancora il dovere della jihad contro gli occupanti non musulmani. Tuttavia, hanno preso le distanze dagli attacchi terroristici di Al-Qaida contro i civili.

Oggi, la scuola di Deoband è considerata la seconda più importante istituzione di insegnamento dell’islam sunnita dopo l’Università Al-Azhar del Cairo. La sua influenza in Asia meridionale è ampia – soprattutto in Pakistan, dove circa un quarto della popolazione segue i suoi insegnamenti e circa due terzi delle madrase (convitti dove si insegna teologia e diritto) sono gestite da deobandi – in Gran Bretagna, per inciso, questo è il caso di quasi la metà delle moschee sorte sulla scia dell’immigrazione.

Negli anni ’80, il partito deobandi del Pakistan (Jamiat Ulema-e-Islam) ha fondato un certo numero di madrase per i rifugiati afgani che erano fuggiti dalla guerra sovietica. Esse sono diventate il terreno di coltura del movimento talebano fondato nel 1994.

L’ideologia Deobandi e il Pashtunwali, il codice d’onore dell’etnia pashtun afgana, da cui i talebani sono reclutati, si sono fusi in una miscela esplosiva.

Con la conquista dell’Afghanistan nel 1996, e la fondazione di un “Emirato islamico”, la dottrina è diventata per la prima volta una struttura di stato. I musulmani laici, la minoranza sciita del paese e soprattutto le donne ne hanno risentito. Sebbene ci sia un certo margine di manovra nell’interpretazione della sharia da parte dei Deobandi, i Talebani hanno spesso optato per la variante più draconiana.

I talebani non sono né alieni né gente dell’età della pietra, ma in definitiva provengono da una corrente non trascurabile, anche se particolarmente conservatrice, dell’islam maggioritario. E nel mondo islamico non sono affatto considerati dei semplici paria come avviene invece in Occidente – anche se suscitano la stessa repulsione tra i credenti liberali. “Non pochi vedono i talebani come combattenti per la libertà e pii musulmani” – ha detto alla KNA l’esperto Christian Wagner della Stiftung Wissenschaft und Politik di Berlino.

Il loro emirato terrorista, smantellato nel 2001, era riconosciuto allora solo da tre paesi: Pakistan, Arabia Saudita wahhabita ed Emirati Arabi Uniti. Ora c’è una grande speranza che gli islamisti vogliano evitare questo isolamento in futuro e attenuino la loro concezione anti-diritti umani dell’Islam.

  • Pubblicato sul sito katholisch.de (nostra traduzione dal tedesco).
Print Friendly, PDF & Email

Un commento

  1. Adelmo Li Cauzi 22 agosto 2021

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi