Le religioni nella città plurale

di: Paola Zampieri (a cura)

Conoscenza, dialogo, rispetto, assieme a convivenza comune e fratellanza: è la relazionalità l’elemento di positiva convergenza che le tradizioni morali sviluppate dalle diverse prospettive religiose possono offrire alla convivenza civile.

Su questi temi si confronteranno a Padova esponenti del cristianesimo, dell’ebraismo, dell’islam, dell’induismo e del buddismo nel ciclo di incontri Dove va la morale?, un percorso in quattro tappe, da novembre a febbraio, frutto dell’ormai consolidata collaborazione sui temi etici tra Facoltà teologica del Triveneto, Fondazione Lanza e Formazione all’impegno socio-politico della diocesi di Padova.

Vivere insieme, nella città plurale. Etiche e religioni, per la convivenza, è il titolo di questa nuova edizione, incentrata sulla presenza plurale delle religioni e sulle sfide che questa lancia per la crescita dell’ethos civile.

Il primo incontro si terrà giovedì 28 novembre, alle ore 17, presso la Facoltà teologica del Triveneto. Sul tema Il volto dell’altro: tra ebraismo e cristianesimo, dialogheranno Miriam Camerini (regista teatrale e studiosa di ebraismo) e Simone Morandini (Fondazione Lanza e Istituto di studi ecumenici San Bernardino di Venezia), che coordina il ciclo e che abbiamo intervistato.

– Professor Morandini, la presenza plurale delle religioni si fa sempre più visibile nelle nostre città. Come valorizzare il contributo positivo che essa può portare alla crescita dell’ethos civile? 

Essenziale in primo luogo è riconoscere la ricchezza di tale pluralità culturale e religiosa per la convivenza civile. Il modello della città monolitica, omogenea sotto ogni aspetto, è gravido di un’intolleranza, che fortunatamente mi sembra in via di superamento. Al contrario, comprendiamo sempre meglio l’importanza della conoscenza reciproca, al di là di stereotipi e di facili pregiudizi: il volto dell’altro, quando ci si rivolge ad esso con serenità, si rivela carico di positività per la vita comune.

– La pluralità come può divenire una risorsa per la convivenza?

Assieme alla conoscenza, fondamentale è il dialogo, nel quale ci si interroga reciprocamente, per comprendere sempre meglio quegli elementi nei quali più evidente si mostra la differenza. Può trattarsi del dialogo sul piano intellettuale (conoscenza delle diverse tradizioni), ma anche di quello pratico, della vita quotidiana: quanta positiva pluralità si coltiva in una bella cena multietnica! Sapienze e sapori hanno molto a che fare, come ci insegnerà l’intervento di Miriam Camerini nella prima tappa del corso.

– Quali sono gli ambiti nei quali i credenti delle diverse fedi possono trovare elementi in comune? E che cosa possono mettere in comune?

È questo un tema delicato: come osserva Claudio Monge (responsabile del Centro culturale domenicano Dosti di Istanbul), il dialogo interreligioso non vale soltanto quando giunge a individuare elementi di convergenza, ma anche laddove consente di comprendere nella loro positività elementi del vissuto dell’altro che io non posso condividere. Differenza e comunanza spesso si intrecciano: l’orizzonte religioso della compassione buddista è diverso da quello della misericordia cristiana, ma entrambe sostengono atteggiamenti empatici e di cura verso la sofferenza altrui.

– Le tradizioni morali sviluppate dalle diverse prospettive religiose che cosa possono offrire alla convivenza civile?

A questo livello vi sono sì preziosi elementi comuni, da valorizzare: uno stile di rispetto per l’altro, un atteggiamento positivo nei confronti della convivenza interumana e delle strutture che la regolano, il rispetto per il mondo naturale, il senso del limite che riconosce di non bastare a se stessi. Potremmo compendiare tutto questo indicando – come fa papa Francesco in Laudato si’ – la relazionalità quale elemento di positiva convergenza.

– Quali parole e pratiche sono condivisibili per un dialogo costruttivo e per un discernimento morale?

Mi pare che indicazioni di grande rilievo vengano dal documento siglato lo scorso 4 febbraio ad Abu Dhabi da papa Francesco con il grande imam di Al-AzharAhmad Al-Tayyeb, dedicato alla convivenza comune e alla fratellanza. Due nozioni di estremo rilievo, che chiedono di essere pensate e praticate, anche come criteri di discernimento per affrontare quelle situazioni problematiche, che indubbiamente si presentano in diversi contesti.

–  Qual è la caratteristica del corso di quest’anno?

Il corso 2019-2020 intende entrare in dialogo con diverse tradizioni religiose (ebraismo, islam, induismo e buddismo) per esplorarne proprio le potenzialità morali in ordine alla convivenza civile. Testimoni e studiosi delle diverse tradizioni religiose aiuteranno i partecipanti a esplorare la ricchezza di mondi diversi, attraverso il gioco delle differenze e delle comunanze.

Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi