Dietro i codici ci sono vite

di:

ddl zan

Mentre divampa la battaglia verbale sul Ddl Zan, mi sembra manchi qualcosa da questo gran parlare. Qualcosa che la nota vaticana ha finito con lo spingere ancora di più su uno sfondo che non guarda nessuno degli “impegnati” nel gran litigio pubblico. Mancano le vite delle persone. Manca la domanda sociale su cosa queste vite possono dare alla nostra convivenza, qualcosa che la vita di persone eterosessuali non può dare.

Di questo avremmo bisogno, tutti quanti. Racconti di vita che valgono per tutti perché sono vissuti umani – anche se la pensiamo in maniera diversa, o reputiamo di essere diversi.

Ne avremmo bisogno anche nella Chiesa, ma abbiamo già perso il treno decenni fa con i divorziati risposati. Tutta codice e sacramento, la Chiesa si è pian piano alienata il loro racconto – e la testimonianza evangelica che è inscritta in esso. In nome del codice e del sacramento abbiamo sviluppato tutta una retorica dell’accoglienza che sa ben poco di ospitalità reale.

Stiamo rifacendo il medesimo errore con le persone LGBT: ossessionati dalla battaglia contro la teoria, lasciamo ben poco spazio al loro vissuto – che ha non solo qualcosa da dirci, ma anche molto da insegnarci.

In questi giorni, ci è mancata una parola credibile della Chiesa che andasse in questa direzione. Quel che è peggio, è che non è mancata solo a noi, che oramai abbiamo fatto il callo a certe stonature ecclesiastiche, ma è mancata alla società italiana – è mancata, soprattutto, alle generazioni più giovani. Che faticano a capire la posizione della Chiesa, e non solo per colpa loro o per quella della cultura dominante.

Non sappiamo dare parola ai vissuti – e ogni annuncio che ne indica un doveroso ascolto ci sembra insopportabilmente retorico. Anche perché non basta ascoltare, bisogna anche apprendere dai vissuti umani – sono portatori di una normatività anche per la Chiesa.

Il vangelo di oggi è cristallino in merito. Non solo ci si lascia interpellare dai vissuti, ma addirittura si viene catturati da essi e condotti là dove sono. Almeno, così fa Gesù. E quando i vissuti entrano in conflitto tra di loro, quando le urgenze del vivere sembrano non lasciare spazio che a un’alternativa secca (o tu o io), Gesù ci mostra che non è così quando ci si muove nell’ottica del Regno. Il tempo che lui dà a un altro non è tempo rubato a me – non è mai tempo perso per tutto il resto dell’umano.

Fino alla frase splendida di una donna che dice a Gesù tutta la verità. Che solo una vita può dire. Ecco perché abbiamo un disperato bisogno delle parole dei vissuti umani, qualcosa che nessun codice, e nessun sacramento, potrà mai dire e mettere a disposizione della comunità umana.

Print Friendly, PDF & Email
Tags: ,

3 Commenti

  1. Elisabetta Manfredi 28 giugno 2021
  2. Anita 27 giugno 2021
  3. Pietro 27 giugno 2021

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi