L’esercito dei single

di:

single

Siamo passati dall’esercito dei selfie a quello dei single. Il primo (il selfie o autoscatto) ricorda una canzonetta del 2017, il secondo (il single o chi vive da solo) è l’immagine che esce dall’indagine Istat resa nota il 31 dicembre scorso. Logica conseguenza di un processo iniziato da tempo.

Diceva la canzonetta: «Siamo l’esercito del selfie… non abbiamo più contatti, soltanto like a un altro post»; che è come dire che una bella fetta di popolazione si relaziona principalmente con, e attraverso, il suo smartphone. Abitudini che sembrano essersi fatte stile di vita, disabituando alla relazione.

L’immagine dell’Italia è proprio questa: una famiglia su tre è unipersonale, ossia costituita da una sola persona. Pensiamolo, camminando per strada: una casa su tre di quelle che vediamo è abitata da single.

Secondo l’Istat le famiglie italiane sono 25 milioni e 700 mila e «sono sempre più numerose e sempre più piccole». Ben 8 milioni e mezzo sono infatti i nuclei costituiti e dichiarati all’anagrafe come unipersonali.

Un altro terzo delle famiglie italiane è formato da due persone: sono o una coppia senza figli o un genitore con un figlio a carico.

Solo due famiglie su dieci costituiscono la classica famiglia di quattro persone: il che la dice un romantico retaggio del passato, oggi limitato a un quinto dei nuclei familiari (5.140.000).

Questi dati fanno da contraltare all’altra caratteristica italiana: il continuo diminuire della natalità. Nel 2018 i nati si sono fermati a 439 mila e 747: il nostro minimo storico dall’Unità ad oggi. E non può che essere così dato che i single non vivono in coppia e, tendenzialmente, non fanno figli. E se lavorano, non hanno tempo e modo di prendersi cura dei genitori quando invecchiano o si ammalano.

Perché, se i giovani diminuiscono e i nati colano a picco, le persone anziane, invece, sono cresciute a tal punto d’aver fatto dell’Italia uno dei paesi più vecchi al mondo. Ogni cento persone con meno di 15 anni ce ne sono 173 con 65 anni e più.

La longevità è una gran bella notizia in sé. Dice che la speranza di vita alla nascita, ossia la vita media, è risalita e si attesta ora sugli 80,8 anni per i maschi e 85,2 per le femmine. Anche il numero dei decessi è diminuito, fermandosi a 633.133 (193.386 morti più delle nascite).

Famiglie più piccole con una o due persone, vita più lunga, posti di lavoro risaliti ai livelli precrisi (2008), ma con la differenza di essere soprattutto a tempo determinato, scattano la fotografia di un’Italia con famiglie più libere dai legami familiari rispetto al passato, ma anche più povere. Tanto è vero che le famiglie in povertà assoluta sfiorano i due milioni (il 7%), comprendendo 5 milioni di persone. Molte di queste famiglie sono formate da un adulto con un minore a carico.

Non si tratta solo di curiosità: questi numeri delineano il nostro oggi e tratteggiano il futuro che ci aspetta. È un disegno credibile, fondato sulla forza dei dati e non sull’astrattezza di tante previsioni che ad ogni inizio anno imperversano su riviste e TV.

Ebbene, questi numeri ci fanno intravedere un domani in cui non solo il lavoro delle fasce giovanili ma soprattutto l’anzianità sola e la salute saranno, per i gli amministratori di tutti i livelli, le voci di primaria urgenza ed emergenza.

Simonetta Venturin è direttore de Il Popolo di Pordenone. Agenzia SIR, 8 gennaio 2020.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi