In bilico

di:

società

Pubblichiamo qui un commento che dialoga con la riflessione – sul medesimo testo “In bilico” – di Dino Cocchianella (qui). Ci pare, infatti, che valga la pena continuare ad interrogare i contesti – sociali e umani – liminali per la loro capacità di interrogare il vivere sociale, gli assetti politici, la vita della Chiesa e delle coscienze sensibili.

La ricerca sulle traiettorie di vita, l’intreccio di relazioni e la cultura sapiente del lavoro che danno vita e senso alla cooperativa sociale Sammartini operante da trent’anni a Bologna, è l’occasione per gettare uno sguardo su un “tesoro nascosto”, in quanto è così difficile oggi per le cooperative sociali non cedere alla logica economicistica del profitto, alla burocratizzazione imperante e alla coazione a competere per rincorrere appalti e servizi.

La lunga durata della sua presenza, la rinuncia al gigantismo e uno stile di sobrietà che rifugge da pubblicità e marketing hanno indotto i ricercatori di Insight a indirizzare uno sguardo approfondito sulla sua attività, partecipando dall’interno alla quotidianità dei suoi ritmi e del suo lavoro.

La ricerca dunque rifugge da ogni presunzione e norma di neutralità e di oggettività asettica e tuttavia è rigorosa, dettagliata, attenta a non sovrapporre punti di vista troppo soggettivi, ma soprattutto è traboccante di sensibilità e passione, orientata a cogliere le motivazioni profonde che sorreggono la quotidianità di chi ci lavora, anche nelle fasi più difficili e problematiche.

La povertà come legge di natura

C’è un filo rosso che attraversa queste pagine ed è l’interrogativo che oggi nessuno più si pone, data l’evidenza apparente della risposta: i poveri li avremo sempre con noi?

È possibile, in altri termini, una società che accolga il pungolo della Costituzione italiana a mettere in atto tutto ciò che può contrastare ingiustizie e disuguaglianze? Il sentimento che anima le pagine della ricerca e, penso, il vissuto stesso dei ricercatori è che questa tensione alla giustizia costituisca il necessario respiro di una convivenza destinata altrimenti alla stagnazione etica e politica e alla depressione personale.

È un sentimento decisamente controcorrente in questa stagione in cui è stata ampiamente interiorizzata la naturalità di una società diseguale e competitiva ed è stata resa pacificamente strutturale. Dovrebbe pure fare riflettere – lo cito come semplice esempio – la concomitanza tra l’esplosione numerica del reddito di cittadinanza e l’affanno disperato dei servizi sociali e la situazione spesso disastrosa dei SERT e dei servizi psichiatrici.

Non emerge forse l’accettazione di una “società dei vincenti” rassegnata a una “zavorra” di perdenti che pure vanno sfamati e soprattutto controllati, senza la preoccupazione di una cura attenta e personalizzata?

In bilico

Forse perché abbiamo interiorizzato il doppio binario inclusi/esclusi, ricchi/poveri, forti/deboli, sani/malati, e lo abbiamo reso istituzione mentale e sociale tendiamo a eludere quell’inquietante espressione che è il titolo del libro.

In bilico, infatti, ci sono certamente le vite faticose raccontate nel libro con rispetto e pudore, ma in bilico – e questo lo si coglie in ogni pagina del libro – ci siamo un po’ tutti e la stessa integrità fisica, psichica, spirituale di chi cerca di dare aiuto è essa stessa in bilico e ogni giorno va alimentata e custodita.

L’essere in bilico è, forse, la postura esistenziale del nostro tempo e a questo fragile equilibrio non si sottrae certo la nostra convivenza sociale, la nostra economia e la stessa costellazione di valori celebrati come orientativi del nostro vivere.

Un suggerimento evangelico

E poiché in bilico c’è pure la forma storica della testimonianza evangelica, l’esperienza narrata e raccolta nel libro, proprio perché nasce e vive nel cuore di una comunità che ha posto l’ascolto e la pratica dell’evangelo a fondamento del suo essere, può proporsi come un suggerimento di una strada da percorrere, al di là degli stili e dei linguaggi sacrali, per “una presenza che può divenire più reticolare e meno imponente, ma non per questo meno evangelica e significativa” (p. 127) e per “reinterrogare i vangeli a partire dalle domande appuntite della storia quotidiana” (pag. 126).

Su questi “suggerimenti”, Fabrizio Mandreoli e Giorgio Marcello hanno scritto, nel loro contributo, pagine di grande densità e bellezza, da leggere e da meditare con attenzione e speranza.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi