Morire sbranata dai cani

di:

L’arcivescovo di Catanzaro-Squillace offre una chiave di lettura alla tragica fine di Simona, la ragazza sbranata da un branco di cani selvatici.

Catanzaro, 29 agosto

Morire a vent’anni sbranata da cani randagi, è un evento terribile, tanto più che la ventenne era andata in zona per preparare una successiva escursione di gruppo.

Il primo sentimento è di orrore per la morte tragica di una giovane e di solidarietà con tutti i sopravvissuti. Il mistero della morte diviene mysterium iniquitatis, anche perché ci fa interrogare sul rapporto uomo e animali, particolarmente con quelli che l’essere umano ha fatto diventare parte integrante della vita quotidiana e che hanno provocato una vera e propria divaricazione tra eletti alla domesticazione e destinati al branco del randagismo, in un contesto ambientale che non riesce a garantire il monitoraggio veterinario e i minimi esistenziali di sopravvivenza per i randagi.

La fame da lupi porta esseri percettivi ma non razionali a fare branco e assalire chi è diventato, piuttosto che preda, un nemico.

Le ferite mortali inerte a questa nostra ragazza sono anche la messa a nudo tragica dei nostri ritardi, delle nostre inadempienze. Ma soprattutto sono il grido della natura a riequilibrare i rapporti e i valori.

Riposa in pace, cara Simona, strappata prematuramente ai tuoi cari e ai tuoi amici. La tua fine sia per noi, poveri sopravvissuti, un appello all’ecologia integrale.

Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail
Tags:

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi