Paolo, ai cristiani della Chiesa che è in America

di:

lettera americani

Lunedì 17 gennaio si è celebrato negli Stati Uniti il Martin Luther King Day. Per questa occasione, pubblichiamo in nostra traduzione italiana il suo sermone “Paul’s Letter to American Christians” – tenuto presso la Dexter Avenue Baptist Church di Montgomery, Alabama, il 4 novembre 1956.

Vorrei condividere con voi una lettera immaginaria dalla penna dell’apostolo Paolo. Il timbro postale rivela che proviene dalla città di Efeso. Dopo aver aperto la lettera, ho scoperto che era scritta in greco piuttosto che in inglese. All’inizio della prima pagina c’era questa richiesta: “Per favore, leggila alla tua comunità il più presto possibile, e poi trasmettila alle altre Chiese”.

Per diverse settimane ho lavorato assiduamente alla traduzione. A volte è stato difficile, ma ora penso di aver decifrato il suo vero significato. Mi affretto a dire che, se nel presentare questa lettera i contenuti suonano stranamente kinghiani invece che paoliniani, attribuitelo alla mia mancanza di completa obiettività piuttosto che alla mancanza di chiarezza di Paolo.

È miracoloso, infatti, che l’apostolo Paolo scriva una lettera a voi e a me quasi 1900 anni dopo la sua ultima lettera apparsa nel Nuovo Testamento. Come questo sia possibile è come un enigma avvolto nel mistero. La cosa importante, comunque, è che posso immaginare l’apostolo Paolo che scrive una lettera ai cristiani americani nel 1956 d.C. Ed ecco la lettera come si trova davanti a me.

Una lettera ai cristiani americani

Io, apostolo di Gesù Cristo per volontà di Dio, a voi che siete in America, grazia a voi e pace da Dio nostro Padre, attraverso il nostro Signore e Salvatore, Gesù Cristo.

Per molti anni ho desiderato di poter venire a trovarvi. Ho sentito molto parlare di voi e di quello che state facendo. Ho sentito parlare degli affascinanti e stupefacenti progressi che avete fatto nel campo scientifico. Ho sentito parlare delle vostre sfreccianti metropolitane e dei vostri aeroplani sgargianti. Attraverso il vostro genio scientifico siete stati in grado di annullare la distanza e mettere il tempo in catene. Siete stati in grado di fare autostrade attraverso la stratosfera.

Così nel vostro mondo avete reso possibile fare colazione a New York City e cenare a Parigi, in Francia. Ho anche sentito parlare dei vostri grattacieli con le loro prodigiose torri che si ergono verso il cielo. Ho sentito dei vostri grandi progressi medici, che hanno portato alla cura di molte terribili piaghe e malattie, e quindi hanno prolungato le vostre vite e reso possibile una maggiore sicurezza e benessere fisico. Tutto ciò è meraviglioso. Ai vostri giorni potete fare tante cose che io non potevo fare nel mondo greco-romano dei miei tempi. Voi potete percorrere in un giorno distanze per le quali io ho impiegato tre mesi. Questo è meraviglioso. Avete fatto passi da gigante nel campo dello sviluppo scientifico e tecnologico.

Ma America, quando ti guardo da lontano, mi chiedo se il tuo progresso morale e spirituale sia stato commisurato al tuo progresso scientifico. Mi sembra che il vostro progresso morale sia rimasto indietro rispetto a quello scientifico. Il vostro poeta Thoreau parlava di “mezzi migliorati per un fine non migliorato”. Quanto spesso questo è vero.

Avete permesso che i mezzi materiali con i quali vivete superino i fini spirituali per i quali vivete. Avete permesso alla vostra mentalità di superare la vostra moralità. Avete permesso che la vostra civiltà superasse la vostra cultura. Con il vostro genio scientifico avete fatto del mondo un quartiere, ma con il vostro genio morale e spirituale non siete riusciti a farne una fratellanza. Perciò, America, ti esorto a tenere i tuoi progressi morali al passo con i tuoi progressi scientifici.

Il cristianesimo non è conformismo

Sono spinto a scrivervi sulle responsabilità che avete di vivere da cristiani in mezzo a un mondo non cristiano. Questo è ciò che ho dovuto fare io. Questo è ciò che ogni cristiano deve fare. Ma capisco che ci sono molti cristiani in America che danno la loro ultima fedeltà a sistemi e costumi creati dall’uomo. Hanno paura di essere diversi.

La loro grande preoccupazione è di essere accettati socialmente. Vivono secondo qualche principio come questo: “tutti lo fanno, quindi deve andare bene”. Per molti di voi la moralità è solo un consenso di gruppo. Nel vostro moderno gergo sociologico, i costumi sono accettati come i modi giusti. Siete arrivati inconsciamente a credere che il diritto si scopre facendo una specie di sondaggio Gallup dell’opinione della maggioranza. Quanti danno la loro fedeltà definitiva a questa via!

Ma, cristiani americani, devo dirvi come dissi anni fa ai cristiani romani: “Non conformatevi a questo mondo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente”. Oppure, come dissi ai cristiani di Filippi: “Voi siete una colonia del cielo”. Questo significa che, anche se vivete nella colonia del tempo, la vostra ultima fedeltà è all’impero dell’eternità. Avete una doppia cittadinanza. Vivete sia nel tempo che nell’eternità; sia in cielo che in terra.

Pertanto, la vostra ultima fedeltà non è al governo, non allo stato, non alla nazione, a nessuna istituzione creata dall’uomo. Il cristiano deve la sua ultima fedeltà a Dio, e se qualche istituzione terrena è in conflitto con la volontà di Dio, è vostro dovere cristiano prendere posizione contro di essa. Non dovete mai permettere che le esigenze transitorie ed evanescenti delle istituzioni create dall’uomo abbiano la precedenza sulle esigenze eterne di Dio Onnipotente.

Capitalismo e ingiustizia sociale

Capisco che in America avete un sistema economico conosciuto come Capitalismo. Attraverso questo sistema economico siete stati in grado di fare meraviglie. Siete diventati la nazione più ricca del mondo e avete costruito il più grande sistema di produzione che la storia abbia mai conosciuto. Tutto questo è meraviglioso.

Ma, americani, c’è il pericolo che usiate male il vostro capitalismo. Continuo a sostenere che il denaro può essere la radice di tutti i mali. Può portare a vivere una vita di grossolano materialismo. Ho paura che molti di voi si preoccupino più di guadagnarsi da vivere che di fare una vita. Siete inclini a giudicare il successo della vostra professione dall’indice del vostro stipendio e dalle dimensioni della vostra automobile, piuttosto che dalla qualità del vostro servizio all’umanità.

L’abuso del capitalismo può anche portare a un tragico sfruttamento. Questo è successo così spesso nella vostra nazione. Mi dicono che un decimo dell’uno per cento della popolazione controlla più del quaranta per cento della ricchezza.

Oh America, quante volte hai tolto il necessario alle masse per dare il lusso alle classi. Se vuoi essere una nazione veramente cristiana devi risolvere questo problema. Non puoi risolvere il problema passando al comunismo, perché il comunismo è basato su un relativismo etico e un materialismo metafisico che nessun cristiano può accettare. Potete lavorare nel quadro della democrazia per ottenere una migliore distribuzione della ricchezza. Puoi usare le tue potenti risorse economiche per cancellare la povertà dalla faccia della terra.

Dio non ha mai voluto che un gruppo di persone vivesse in una ricchezza smodata e superflua, mentre altri vivono in una miseria mortale. Dio vuole che tutti i suoi figli possano godere le necessità di base della vita, e ha lasciato in questo universo “abbastanza e da risparmiare” per questo scopo. Perciò vi invito a colmare l’abisso tra la povertà abietta e la ricchezza superflua.

Vorrei poter essere con voi di persona, per potervi dire faccia a faccia ciò che sono costretto a dirvi per iscritto. Oh, quanto vorrei condividere la vostra comunione.

Le Chiese in America

Lasciate che mi affretti a dire qualcosa sulla Chiesa. Americani, devo ricordarvi, come ho detto a tanti altri, che la Chiesa è il corpo di Cristo. Quindi, quando la Chiesa è fedele alla sua natura, non conosce né divisione né disunione. Ma sono preoccupato per quello che state facendo al Corpo di Cristo. Mi dicono che in America avete all’interno del protestantesimo più di 256 denominazioni.

La tragedia non è tanto che abbiate una tale molteplicità di denominazioni, ma che la maggior parte di esse sono in guerra tra loro con la pretesa di una verità assoluta. Questo stretto settarismo sta distruggendo l’unità del Corpo di Cristo. Dovete arrivare a vedere che Dio non è né un battista né un metodista; non è né un presbiteriano né un episcopaliano. Dio è più grande di tutte le nostre denominazioni. Se volete essere veri testimoni di Cristo, dovete arrivare a vedere quell’America.

Ma non devo fermarmi con una critica al protestantesimo. Sono turbato dal cattolicesimo romano. Questa Chiesa si erge davanti al mondo con la sua pompa e il suo potere, insistendo che possiede l’unica verità. Incorpora un’arroganza che diventa una pericolosa arroganza spirituale. Si erge con il suo nobile papa che in qualche modo si eleva alle miracolose altezze dell’infallibilità quando parla ex cathedra.

Ma mi disturba una persona o un’istituzione che pretende l’infallibilità in questo mondo. Mi disturba qualsiasi Chiesa che rifiuta di cooperare con altre Chiese con la pretesa di essere l’unica vera Chiesa. Devo sottolineare il fatto che Dio non è un cattolico romano, e che la portata sconfinata della sua rivelazione non può essere limitata al Vaticano. Il cattolicesimo romano deve fare molto per correggere le sue strade.

Una Chiesa segregata

C’è un’altra cosa che mi disturba infinitamente della Chiesa americana. Avete una Chiesa bianca e una Chiesa negra. Avete permesso alla segregazione di insinuarsi nelle porte della Chiesa. Come può esistere una tale divisione nel vero corpo di Cristo? Dovete affrontare il tragico fatto che quando vi alzate alle undici di domenica mattina per cantare “All Hail the Power of Jesus Name” e “Dear Lord and Father of all Mankind”, vi trovate nell’ora più segregata dell’America cristiana. Mi dicono che c’è più integrazione nel mondo dell’intrattenimento e in altre agenzie secolari che nella Chiesa cristiana. Com’è spaventoso!

Capisco che ci sono cristiani tra di voi che cercano di giustificare la segregazione sulla base della Bibbia. Essi sostengono che il negro è inferiore per natura a causa della maledizione di Noè sui figli di Ham. Oh, amici miei, questa è blasfemia. Questo è contro tutto ciò che la religione cristiana rappresenta. Devo dirvi, come ho già detto a tanti cristiani, che in Cristo “non c’è né ebreo né gentile, non c’è né schiavo né libero, non c’è né maschio né femmina, perché siamo tutti uno in Cristo Gesù”. Inoltre, devo ribadire le parole che ho pronunciato all’Areopago: “Dio che ha fatto il mondo e tutte le cose in esso… ha fatto di un solo sangue tutte le nazioni degli uomini per abitare su tutta la faccia della terra”.

Quindi, americani, devo esortarvi a liberarvi di ogni aspetto della segregazione. L’ampio universalismo che sta al centro del Vangelo rende sia la teoria che la pratica della segregazione moralmente ingiustificabile. La segregazione è una palese negazione dell’unità che noi tutti abbiamo in Cristo. Sostituisce una relazione “io-io” alla relazione “io-tu”. Il segregatore relega il segregato allo status di una cosa piuttosto che elevarlo allo status di persona. La filosofia di fondo del cristianesimo è diametralmente opposta alla filosofia di fondo della segregazione, e tutta la dialettica dei logici non può farli stare insieme.

Lodo la vostra Corte Suprema per aver reso una grande decisione appena due o tre anni fa. Sono felice di sapere che così tante persone di buona volontà hanno accettato la decisione come una grande vittoria morale. Ma capisco che ci sono alcuni fratelli tra voi che si sono alzati in aperta sfida. Ho sentito che le loro aule legislative risuonano con parole come “nullificazione” e “interposizione”.

Hanno perso il vero significato della democrazia e del cristianesimo. Perciò vorrei esortare ognuno di voi a supplicare pazientemente i vostri fratelli, e dire loro che questa non è la via. Con buona volontà e comprensione, siete obbligati a cercare di cambiare i loro atteggiamenti. Fate loro sapere che, opponendosi all’integrazione, non solo si oppongono ai nobili precetti della vostra democrazia, ma anche agli eterni editti di Dio stesso. Sì, America, c’è ancora bisogno di un Amos che gridi alla nazione: “Che il giudizio scenda come acqua, e la giustizia come un potente torrente”.

Una lotta da cristiani

Posso dire solo una parola a quelli di voi che stanno lottando contro questo male. Siate sempre sicuri di lottare con metodi cristiani e con armi cristiane. Non cedete mai alla tentazione di diventare cinici. Mentre vi battete per la giustizia, siate sicuri di muovervi con dignità e disciplina, usando solo l’arma dell’amore.

Non lasciate che nessun uomo vi spinga così in basso da odiarlo. Evitate sempre la violenza. Se cedete alla tentazione di usare la violenza nella vostra lotta, le generazioni non ancora nate saranno destinatarie di una lunga e desolata notte di amarezza, e la vostra principale eredità al futuro sarà un regno infinito di caos senza senso.

Nella vostra lotta per la giustizia, fate sapere al vostro oppressore che non state cercando di sconfiggerlo o di umiliarlo, e nemmeno di ripagarlo per le ingiustizie che vi ha inflitto. Fategli sapere che state semplicemente cercando giustizia per lui e per voi stessi. Fategli sapere che la piaga della segregazione debilita sia l’uomo bianco che il nero. Con questo atteggiamento sarete in grado di mantenere la vostra lotta su alti standard cristiani.

Molte persone capiranno l’urgenza di cercare di sradicare il male della segregazione. Ci saranno molti negri che dedicheranno la loro vita alla causa della libertà. Ci saranno molte persone bianche di buona volontà e forte sensibilità morale che oseranno prendere posizione per la giustizia. L’onestà mi spinge ad ammettere che tale posizione richiederà disponibilità a soffrire e a sacrificarsi.

Quindi non disperate se siete condannati e perseguitati per amore della giustizia. Ogni volta che prendi posizione per la verità e la giustizia, sei passibile di disprezzo. Spesso sarai chiamato un idealista impraticabile o un pericoloso radicale. A volte potrebbe significare andare in prigione. Se questo è il caso, devi onorare la prigione con la tua presenza. Potrebbe anche significare la morte fisica. Ma se la morte fisica è il prezzo che alcuni devono pagare per liberare i loro figli da una vita permanente di morte psicologica, allora niente potrebbe essere più cristiano.

Non preoccupatevi delle persecuzioni in America; le avrete se vi battete per un grande principio. Posso dirlo con una certa autorità, perché la mia vita è stata un continuo giro di persecuzioni. Dopo la mia conversione, sono stato rifiutato dai discepoli a Gerusalemme. Più tardi fui processato per eresia a Gerusalemme. Sono stato imprigionato a Filippi, picchiato a Tessalonica, assalito a Efeso e umiliato ad Atene. Eppure sto ancora andando avanti.

Sono venuto via da ognuna di queste esperienze più persuaso che mai che “né la morte, né la vita, né gli angeli, né i principati, né le cose presenti, né quelle future… ci separeranno dall’amore di Dio, che è in Cristo Gesù nostro Signore”. Credo ancora che stare in piedi per la verità di Dio sia la cosa più grande del mondo. Questa è il fine della vita. Il fine della vita non è essere felici. Il fine della vita non è raggiungere il piacere ed evitare il dolore. Il fine della vita è fare la volontà di Dio, qualunque cosa accada.

La forza dell’amore

Ora devo concludere il mio scritto. Timoteo sta aspettando di consegnare questa lettera, e io devo congedarmi per visitare un’altra Chiesa. Ma prima di partire, devo dirvi, come ho detto alla Chiesa di Corinto, che credo ancora che l’amore sia la forza più durevole del mondo. Nel corso dei secoli gli uomini hanno cercato di scoprire il bene supremo. Questa è stata la principale ricerca della filosofia etica.

Questa era una delle grandi domande della filosofia greca. Gli epicurei e gli stoici cercarono di rispondere a questa domanda; Platone e Aristotele cercarono di rispondere alla domanda: Qual è il summun bonum della vita? Penso di avere una risposta in America. Credo di aver scoperto il bene supremo. È l’amore. Questo principio sta al centro del cosmo. Come dice Giovanni, “Dio è amore”. Chi ama è partecipe dell’essere di Dio. Chi odia non conosce Dio.

Quindi, cristiani americani, potete padroneggiare le complessità della lingua inglese. Potete possedere tutta l’eloquenza di un discorso articolato. Ma anche se “parlate con le lingue degli uomini e degli angeli e non avete amore, siete diventati come un bronzo che risuona o un cembalo che tintinna”.

Potete avere il dono della profezia e della comprensione di tutti i misteri. Potreste essere in grado di penetrare nei alvei della natura e tirare fuori molte intuizioni che gli uomini non hanno mai sognato che ci fossero. Potreste ascendere alle vette del successo accademico, in modo da avere tutta la conoscenza. Potete vantarvi delle vostre grandi istituzioni di apprendimento e dell’estensione sconfinata dei vostri diplomi. Ma tutto questo non equivale assolutamente a nulla senza l’amore.

Ma ancora più, americani, potete dare i vostri beni per nutrire i poveri. Potete fare grandi donazioni in beneficenza. Potete svettare in alto nella filantropia. Ma se non avete amore non significa nulla. Potete anche dare il vostro corpo per essere bruciato, e morire come un martire. Il tuo sangue versato può essere un simbolo di onore per le generazioni ancora non nate, e migliaia di persone possono lodarti come l’eroe supremo della storia. Ma anche così, se non hai amore, il tuo sangue è stato versato invano. Devi arrivare a vedere che è possibile per un uomo essere egocentrico nella sua abnegazione ed egoista nel suo sacrificio. Può essere generoso per alimentare il suo ego e pio per alimentare il suo orgoglio. L’uomo ha la tragica capacità di trasformare una virtù esaltante in un tragico vizio. Senza amore, la benevolenza diventa egoismo, e il martirio diventa orgoglio spirituale.

Nell’eternità di Dio

Quindi la più grande di tutte le virtù è l’amore. È qui che troviamo il vero significato della fede cristiana. Questo è in fondo il significato della croce. Il grande evento del Calvario significa più di un dramma senza senso che ha avuto luogo sulla scena della storia. È un telescopio attraverso il quale guardiamo la lunga vista dell’eternità e vediamo l’amore di Dio che irrompe nel tempo.

È un eterno promemoria per una generazione ubriaca di potere che l’amore è il potere più durevole del mondo, e che è in fondo il battito del cuore del cosmo morale. Solo attraverso il raggiungimento di questo amore ci si può aspettare di immatricolarsi all’università della vita eterna.

Ora devo salutarvi. Spero che questa lettera vi trovi forti nella fede. È probabile che non potrò vedervi in America, ma vi incontrerò nell’eternità di Dio. E ora a colui che è in grado di non farci cadere e di sollevarci dalla fatica della disperazione al vigore della speranza, dalla notte della disperazione all’alba della gioia, a lui sia il potere e l’autorità, nei secoli dei secoli. Amen.

Print Friendly, PDF & Email
Tags: ,

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi