Brasile: teologia morale

di:

morale

ll prof. Mário Marcelo Coelho scj insegna da più di 20 anni alla Facoltà Dehoniana in Brasile dove è coordinatore del corso di Teologia. È membro del Gruppo Interdisciplinare di Esperti (GIP) della Commissione Pastorale Episcopale per la Dottrina della Fede della Conferenza Nazionale dei Vescovi Brasiliani (CNBB). Recentemente è stato eletto presidente della Società Brasiliana di Teologia Morale (SBTM).

  • Prof. Marcelo, abbiamo ricevuto la notizia della tua elezione a Presidente della Società Brasiliana di Teologia Morale (SBTM). Potrebbe spiegare, in termini generali, il lavoro del SBTM?

La Società Brasiliana di Teologia Morale è stata fondata nel 1977 da un gruppo di professori, teologi morali, che lavoravano nei seminari e nelle facoltà cattoliche e insegnavano teologia morale.

La SBTM ha come obiettivi principali: fornire un clima di riflessione e di incontro tra i teologi morali in Brasile; offrire sussidi per lo studio della Teologia Morale; stimolare la produzione di articoli scientifici nell’area della Teologia Morale; fornire un dialogo tra studiosi di Teologia Morale e altri ricercatori. Da allora, i teologi morali cattolici brasiliani si incontrano in un congresso annuale per riflettere sulle sfide etiche che la società e la Chiesa vivono da una prospettiva teologica.

  • Quali sono le principali sfide e progetti a cui lei e il team di SBTM che l’accompagna in questa amministrazione intendete dedicarvi?

Nel novembre 2021 abbiamo avuto l’Assemblea annuale del SBTM e abbiamo riflettuto sulle sfide per la Teologia Morale, specialmente nel contesto “post-pandemico”… se possiamo dire “post”.

Abbiamo sentito la necessità di costruire ponti e la volontà di attraversarli, in vista del dialogo con diverse culture, etnie, religioni, scienze, con la società e con l’altro, superando barriere e pregiudizi. Siamo giunti alla conclusione che l’etica teologica deve raccogliere questa sfida di attraversare i ponti oltre le frontiere che ci separano da altre discipline, scienze, prospettive, metodi, ideologie, istituzioni, paesi, culture e così via. Di conseguenza, il tema scelto per il Congresso del 2022 è stato: “Attraversare le frontiere: un’urgenza per l’etica teologica oggi”.

Il teologo Roche sottolinea che ora è il momento di attraversare i ponti: “Attraversare i ponti richiede il coraggio di entrare in uno spazio liminale e sperare di essere accolti dall’altra parte”. […] “Le persone di buona volontà possono essere in disaccordo su alcuni dettagli e quindi abbiamo tutti bisogno di attraversare alcuni ponti.

Attraverso i ponti per imparare da altre persone le loro esperienze. Attraverso i ponti per accedere alle risorse. Discerno quali ponti attraversare affinché la dignità e la bellezza delle persone emarginate siano sinceramente elevate e onorate.

  • Sappiamo che la teologia morale è in prima linea, in una continua interlocuzione tra il pensiero della Chiesa e la società attuale. Come religiosi dehoniani, siamo preparati ad affrontare i problemi che si presentano?

In un primo momento ho potuto pensare che sì, siamo pronti ad affrontare i problemi attuali. Abbiamo una buona formazione. Abbiamo studiato filosofia e teologia, oltre alla formazione ricevuta nei seminari e nei conventi. I corsi di filosofia e teologia ci aiutano a riflettere, discernere, analizzare; posso dire che siamo privilegiati.

Tuttavia, quando ci troviamo di fronte alla realtà mi rendo conto che non è proprio così. Se in passato la conoscenza era “tra le mura dei seminari e dei conventi”, oggi è “fuori dalle mura”. La storia che i sacerdoti religiosi erano i detentori della conoscenza non esiste più. Le persone che hanno più conoscenza sono nell’istruzione superiore: studiano, riflettono e ci interrogano sulle “verità” che proclamiamo. Vogliono capire la fede in modo intelligente.

La società si evolve, il tempo passa, avvengono rapide trasformazioni e anche le esigenze cambiano. Abbiamo una nuova realtà della Chiesa nel mondo e stiamo vivendo trasformazioni scientifiche, sociali, politiche ed ecclesiali sempre più rapide. Siamo nell’era dell’evoluzione delle biotecnologie, dell’informazione, della comunicazione e di internet. Il mondo è quasi virtuale. La conoscenza è a portata di mano.

Questa nuova realtà che è davanti a noi e che ci sfida, coinvolge anche l’individuo che si presenta come candidato alla vita religiosa o al sacerdozio. Abbiamo domande, nuovi problemi che richiedono nuove risposte, sfidando non solo la fede, ma anche la ragione stessa. È in questo contesto che la teologia e la filosofia devono dialogare con tutte le correnti di pensiero e con le varie scienze.

La formazione intellettuale deve fornire a tutti i religiosi e chierici una cultura generale adeguata alla situazione di ogni contesto culturale, geografico e storico. Per un’efficace evangelizzazione e inculturazione della fede nel mondo di oggi, è indispensabile una solida preparazione filosofica, teologica e culturale. Il formando deve prendere coscienza della necessità di acquisire gli strumenti concettuali adeguati per rispondere a chi gli chiede le ragioni della sua speranza.

  • Una domanda conclusiva. In che misura la teologia morale può contribuire alla formazione religiosa/sacerdotale oggi, di fronte alle sfide di una società diversa, pluralista ed esigente?

La formazione dei futuri religiosi/sacerdoti manca di una solida formazione generale. Diventare il leader di una comunità richiede non solo buona volontà e dedizione, ma anche competenza, profondità e dedizione. In un mondo dove predomina la cultura del superficiale, della violenza, della morte, in questa “società liquida”, è necessario annunciare la vita, la speranza, la pace e le condizioni per il discernimento.

P. Dehon afferma che: “Educare un cristiano non è solo dargli nozioni di scienze umane che lo aiutino ad ottenere uno status sociale. Prima di tutto è necessario creare in lui un carattere nobile ed eccellente, abitudini pure, forti virtù. È formare in lui la fede che apre la comprensione al mondo invisibile, la speranza che rafforza il cuore con la prospettiva di una meritata felicità, e l’amore che rende Dio percepibile attraverso le dense nuvole della vita”.

A partire da questa ispirazione, credo che il nostro contributo stia nel formare pastori preparati negli studi accademici, capaci di fare una lettura critica dei segni dei tempi e di dialogare con la società, diventando luce.

La filosofia e la teologia non possono diventare meri studi privati di fede e religione; non possiamo trasformarle in una “soggettivazione della religione o della fede”, in un relativismo religioso, un’adesione soggettiva solo a ciò che mi piace o mi fa comodo, o anche come “dare al popolo ciò che il popolo vuole”, ma, nel contesto globalizzato, in dialogo con le scienze, dare una risposta alla luce della ragione e della fede alle sfide sociali, ecologiche ed esistenziali del nostro tempo.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi