Il messia sconfitto

di:
Il Messia sconfitto

Severino Dianich,
Il Messia sconfitto

Il volume è un reprint della fortunata opera dell’ottantaduenne teologo fiumano, esperto docente di ecclesiologia, attualmente vicario episcopale per la pastorale della cultura e dell’Università nella diocesi e nell’Università di Pisa, nonché direttore spirituale nel seminario arcivescovile di Pisa. Apparsa nella collana Teologia saggi nel 2009, viene ora opportunamente rieditata nella collana Studi cristologici.

Dianich ripercorre con linguaggio straordinariamente semplice, didattico e concreto la vicenda “scandalosa” della mor

te di Gesù, Messia sconfitto ma vittorioso. Uno scandalo mai dimenticato, sbandierato in tutte le immagini del crocifisso presenti anche in luoghi pubblici, eppur bisognoso di una profonda riflessione.

Se la scienza spiega il “come” delle cose, la riflessione religiosa cerca di capire il senso degli eventi per la vita dell’uomo che voglia essere un minimo sensata. Dopo una vita “pericolosa”, vissuta in perenne contrasto valutativo e vitale con le élite spirituali del suo ambiente, Gesù è condannato a morte grazie a un concorso di interventi umani: responsabili religiosi, autorità romane, traditori interni, folle ondeggianti nelle valutazioni, abbandono dei discepoli, ma soprattutto un piano di Dio che abbraccia in un disegno superiore d’amore le azioni umane, che restano pur sempre pienamente responsabili e libere.

L’orizzonte nuovo costituito dalla risurrezione apre al vita alla vita della comunità cristiana, che riflette sull’AT per capire ed esprimere una linea di senso che “spieghi” la persona e la vicenda di Gesù. Nel complesso intricato costituito dal nesso misterioso tra colpa e pena, tra peccato e perdono, si cerca di rendere ragione della vita nuova che Gesù rende possibile. Si reinterpretano in tal modo categorie soteriologiche e riti espiatori dell’AT, per approdare con Paolo e con la Lettera agli Ebrei a una valutazione teologica matura ed equilibrata della vita nuova possibile in Gesù grazie alla sua morte e risurrezione per gli uomini.

Non morte crudele del Figlio di Dio inflitta a lui dal Padre per ripagare giuridicamente in modo strettamente sostitutivo la colpa ricevuta dagli uomini a livello divino, ma vita d’amore offerta liberamente dall’uomo Gesù (e insieme Figlio di Dio) per compiere un disegno d’amore del Padre che incrocia la violenza e il peccato dell’uomo, riscattandoli dall’interno.

Non sacrificio espiatorio che ripete alla lettera quello del kippur dell’AT, ma un sacrificio-dono generoso di sé che porta a compimento le “figure/ombre/anticipi/tipi” anticotestamentari a un livello esistenziale. La vita e la risurrezione di Gesù, vero uomo e insieme Figlio di Dio, rendono possibile vivere l’iniziale compiersi del regno Dio, al centro del quale già Gesù aveva posto durante la sua vita non il compimento rigoroso della Torah ma tutte le categorie di poveri del suo tempo, rovesciando in tal modo la scala dei valori.

Gesù risorto, il messia sconfitto ma vittorioso e risorto dà ai credenti la possibilità concreta di una vita piena e sensata, certo non esente dai dolori e dalle zampate della morte, non ancora sconfitta definitivamente a livello di questo mondo – che non è ancora il Regno nella pienezza del suo dispiegamento –. Gesù è un messia credibile, coerente, vero, anche se paradossale nel compimento della sua azione messianica. Un ottimo libro, leggibilissimo, distillato di una vita intera di insegnamento, di predicazione e di attività conferenziera a livello mondiale.

Severino Dianich, Il messia sconfitto. L’enigma della morte di Gesù (Studi cristologici s.n.), Cittadella Editrice, Assisi 2016, pp. 230, € 17,30.

Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi