Braz de Aviz: molte tradizioni non servono più

di:

Scherzoso e allegro. Questa è l’immagine che ha lasciato tra i religiosi/e del Paraguay, il card. Braz de Aviz, brasiliano, prefetto della Congregazione vaticana per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica. Inviato da papa Francesco, ha condiviso per due giorni un incontro per i 60 anni della Conferenza locale dei religiosi (Conferpar). Alieno dalle pompe e dai brillanti crocifissi, con il caratteristico vestito nero – marcatamente semplice – e una croce pettorale di legno appesa a un cordoncino di filo, ha concesso la seguente breve intervista al giornale Última Hora (14 luglio 2019) in cui parla delle sfide che interpellano i religiosi/e nel contesto attuale.

– Signor cardinale, quali sono queste sfide?

Stiamo lavorando moltissimo per modificare la formazione. Dobbiamo pensare la formazione a partire dal seno materno fino all’ultimo respiro. Esiste un processo vitale in cui si acquisiscono oppure no valori e sofferenze. Tutto ha importanza nella formazione, uno non può dire questo è formazione e questo no. È un percorso da compiere e ciò esige molta attenzione, responsabilità, capacità di perdono e di ascolto. Dobbiamo cambiare molte cose.

Poi, abbiamo il problema all’interno della vita cristiana consacrata, di recuperare l’umano: gli affetti, la sessualità; dobbiamo recuperare la relazione autorità-sudditi che bisogna mettere sotto un’altra luce. La relazione uomo-donna, non più sulla difensiva, ma più integrata, profonda e completa da entrambe le parti.

– C’è una crisi vocazionale. A cosa pensa sia dovuta?

Penso che sia tutto un problema di autenticità di vita. È un problema anche il fatto che la società in molti luoghi nega Dio, non lo nega in forma teorica, ma pratica. Poi bisogna vedere oggi che cosa è fondamentale e che cosa no. Molte cose della tradizione, diverse delle quali appartengono alla cultura del passato, oggi non servono più.

– Quali, per esempio?

Per esempio abbiamo forme di vita che sono legate ai nostri fondatori che non sono essenziali: un modo di pregare, di vestire, di dare più importanza a certe cose che non sono tanto importanti, lasciando un po’ da parte altre che invece lo sono. Questa visione più globalizzata di tutto… non l’avevamo, ora invece l’abbiamo. Non è vero che la mia cultura sia più importante di quella dell’altro, perché le culture sono tutte uguali, ma devono intercettare i valori del Vangelo.

– Come se la spiritualità si fosse deteriorata….

Sì, proprio così. Possono cadere tutte le cose secondarie, ma non può cadere il carisma speciale dei fondatori.

– C’è anche il celibato tra queste cose da lasciar cadere?

Per la vita consacrata, il celibato è fondamentale perché è uno dei pilastri: povertà, castità e obbedienza. Ma non sono dei comandamenti, sono proposte, sono consigli evangelici. Bisogna scoprire il valore del fatto se si è chiamati ad esso oppure no. A volte uno si inganna e pensa di essere chiamato e non lo è. Altri non l’accettano perché non lo vedono come un valore. Occorre distinguere, discernere e poi intraprendere il cammino.

 – Perché assistiamo a un’epoca in cui, a quanto pare, la vita apostolica è più minacciata?

Oggi dobbiamo pensare al sacerdozio non come alla cosa più importante; il sacerdozio costituisce uno dei valori, una delle vocazioni. Nella vita consacrata, il sacerdote non deve occupare il primo posto, ma lo stesso posto degli altri fratelli e sorelle…

Questa, per esempio, è una cosa da cambiare. Il papa dice che dobbiamo distinguere tra il potere e la potestà. La potestà divina va bene, il potere no. Perché il potere, secondo il modo di pensare del mondo, è una forma di dominio, e questo non serve. Noi dobbiamo passare attraverso un’altra porta: servire il mistero e poter trovare questa fraternità.

– Qual è l’approccio che la Chiesa ha ora con il papa sui casi di abusi sessuali?

Il papa vuole trasparenza, vuole responsabilità . Dice che anche se ci fosse un solo caso di abuso nella Chiesa, questo deve essere esaminato perché la figura del sacerdote è una figura che indica sia un valore divino, sia un valore umano profondo. Se non possiedi questa convinzione, allora abusi. I media fanno un gran bene quando danno grande rilievo a questi fatti, informando però che il 95% di questi casi succede nelle famiglie, non nella Chiesa. Anche questa verità va ribadita.

– Quanto hanno influito nella Chiesa gli scandali sessuali sulla diminuzione delle vocazioni?

 Lo scandalo influisce sempre, ma ciò è vero solo in parte. La maggioranza dei casi di abuso è avvenuta 50 anni fa. Oggi la coscienza è cresciuta molto. Certamente questi scandali hanno un notevole influsso sulla diminuzione delle vocazioni. La Chiesa non deve sottovalutare la cultura attuale. La vita di consacrazione è una vita di autenticità e riteniamo che Dio farà la sua parte.

– Cosa fare per rimuovere questa macchia?

Analizzando caso per caso e poi cambiando il nostro modo di essere. È un problema circoscritto, ma è un problema molto grave. Inoltre bisogna cambiare alcune cose. Non siamo preoccupati perché questi scandali vengono alla luce, è bene che ciò avvenga. Abbiamo bisogno di una Chiesa più umile, dove vivere insieme e dove cercare insieme di proteggere la vita. Poi Dio ha i suoi disegni.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza esclusivamente cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi