«The Circle». Il senso di sé nell’epoca della condivisione globale

di: Paolo Perrone
Una scena di The Circle

Emma Watson e Tom Hanks in una scena di The Circle

ACEC - Associazione cattolica esercenti cinem

Scheda cinema ACEC

Figlia unica di una modesta famiglia, con il padre affetto da sclerosi multipla, la giovane Mae Holland lavora in un call center, rassegnata alla precarietà e all’invisibilità sociale. La sua amica Annie, però, riesce ad assicurarle un colloquio con l’azienda per la quale lavora, The Circle, leader mondiale di tecnologia e social media, che conta miliardi di iscritti grazie a TruYou: un solo account, una sola identità, una sola password, un solo sistema di pagamento. Mae supera il colloquio, entrando in un universo parallelo che supera ogni sua immaginazione: un campus popolato da migliaia di giovani sotto la guida del carismatico fondatore dell’azienda, Eamon Bailey…

“Sapere è bene, ma sapere tutto è meglio”. E’ la frase, pronunciata dal guru di The Circle interpretato da Tom Hanks, che pone al centro del film di James Ponsoldt la questione cruciale della “trasparenza sociale”, della condivisione totale e dei benefici che potrebbero derivarne nel villaggio globale di Internet e dei social network.

Tratto dal romanzo omonimo di Dave Eggers, The Circle, partendo da evidenti suggestioni orwelliane, solleva interessanti implicazioni etiche, economiche e politiche, avvicinandosi tematicamente a versanti ben esplorati dal cinema recente: la dimensione privata resa palesemente pubblica, reinterpretata in un’ottica di spettacolarità mediatica (come in The Truman Show di Peter Weir); la sfera della privacy individuale violata da sofisticati sistemi informatici, manovrati da organismi di controllo deputati alla difesa collettiva e alla tutela della sovranità nazionale (come ben racconta Snowden di Oliver Stone); la genesi di un fenomeno planetario di coesione on line, prodotto da menti prodigiose e innovative (come in The Social Network di David Fincher); la necessità di un “monitoraggio preventivo” della vita quotidiana dei cittadini, in nome di un’attività anticrimine che punti ad azzerare o perlomeno a prevenire i reati (il tema di fondo di Minority Report di Steven Spielberg).

Il problema di The Circle, però, sul piano degli esiti strettamente cinematografici, è di risultare molto meno incisivo dei modelli a cui si ispira: incrociando senza troppe sfumature idealismo puro e ambizione sfrenata, schegge di onniscienza high tech e candide ingenuità relazionali, il film di Ponsoldt, riversando riflessioni delicatissime nel sensazionalismo tecnologico (una microcamera attivata h24 per il live streaming, i continui rinvii visivi, sullo schermo, di like e retweet), fatica ad andare oltre la stessa superficie digitale che mette in campo, appiattendo e semplificando, anche con svolte narrative frettolose, quella intrigante complessità di cui si nutre.

  • Regia: James Ponsoldt
  • Nazionalità: Usa, 2017
  • Durata: 110′
  • Interpreti: Emma Watson, Tom Hanks, John Boyega, Karen Gillan, Ellar Coltrane
Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Lascia un commento

UA-73375918-1

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca per avere maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie di servizio ed analisi per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetto", acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi